Contenuto sponsorizzato

Bruno Costanzo premiato agli Oscar della pizza: “Anche tra le Dolomiti si possano sfornare ottimi impasti”

Il titolare della pizzeria Korallo di Trento è tra i 100 migliori pizzaioli d’Italia, unico in graduatoria per il Trentino-Alto Adige. “Da noi la ressa è costante, anche se i minuti dell’attesa si dimenticano mangiando pizza”

Di Nereo Pederzolli - 12 December 2019 - 16:16

TRENTO. Pizza e Trento, un rapporto in continua evoluzione, con alcuni pizzaioli che riescono a competere con i più blasonati ‘sfornatori’. È il caso del napoletano, ma trentino d’adozione visto che vive del capoluogo da più di 30° anni, Bruno Costanzo che è riuscito a piazzarsi tra i primi 100 migliori pizzaioli d’Italia. Costanzo, artefice della sua pizzeria Korallo, si è piazzato al 97 esimo posto, ma è l’unico in graduatoria del Trentino-Alto Adige.

 

Un premio Awards consegnato a Roma, nella cerimonia che alla Nuvola di Fuksas ha raggruppato i migliori interpreti di questa pietanza decisamente italiana. Oscar Pizza Awards votati da una giuria composta da oltre 200 giornalisti e critici gastronomici, non solo italiani.

 

Un premio alla tenacia e alla costante dedizione. Perché Bruno Costanzo, classe 1973 è – come lui ribadisce – “nato nella pizza, dopo una passione per la pasticceria”. Per quasi 25 anni ha gestito un ‘pizza al taglio’ in via Chini a Trento, per poi aprire un locale tutto suo sulla collina della città, poco prima di San Donà.

 

Adesso è orgoglioso del premio, ma non ostenta assolutamente alcun vanto, anzi. Dedica la presenza tra i ‘Top 100’ anzitutto alla sua famiglia. Alla moglie Monica – ‘patronne’ della sala – e ai suoi due figli, Davide e Gabriele, che gestiscono accoglienza e al bar.

 

Impegno e determinazione. Con l’aiuto di tre giovani pizzaioli, una brigata di cucina decisamente multietnica. Lo evidenziano i nomi: Shawaiz, Albal e Samuel. Sono loro il ‘cuore caldo’ del Korallo. Che con la supervisione di Bruno riescono a sfornare in tempi precisi una sequenza di pizze decisamente d’autore. Che soddisfano la bramosia di una clientela altrettanto eterogenea.

 

“Non cerco notorietà – ribadisce mentre è alle prese con ingredienti e la pala da forno – ma voglio semplicemente sottolineare come anche tra le Dolomiti si possano sfornare ottime pizze. Non cerco neppure di ampliare la clientela. Da noi la ressa è costante, anche se i minuti dell’attesa si dimenticano… mangiando pizza”.

 

L’elenco della tipologia è quanto più variegato possibile. Tutte le pizze sono in perfetto stile Napoli: Più soffici che croccanti, il bordo pieno, gonfio, suadente nella morbidezza come nella leggiadria. Proprio come quelle che vengono sfornate nei locali sul Golfo di Napoli. Non a caso troneggia al Korallo una gigantografia di Napoli all’alba, la luce del mattino che s’alza sul golfo. Per avvicinare il mare alle Dolomiti con la pizza.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
24 ottobre - 22:37
Già assessore e vice sindaco, l'affermazione di Dante Dossi arriva al ballottaggio. Sconfitta l'assessora uscente Alessandra Astolfi
Cronaca
24 ottobre - 21:14
Trovati 30 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 29 guarigioni. Sono 8 i pazienti in ospedale, di cui 2 ricoverati in terapia [...]
Cronaca
24 ottobre - 19:05
Il coro ''la gente come noi non molla mai'' lo ha accolto quando è arrivato e lo ha salutato quando ha smesso di parlare. La sensazione è che sia [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato