Contenuto sponsorizzato

Con la festa della donna arriva la ''Festa in Rosso'': tre giorni di dialogo su temi femminili

Appuntamento l'8, il 9 e il 10 marzo. Si inizia con la terza edizione del party a tema: i partecipanti indosseranno abiti rossi. Sabato proiezione del documentario girato nello Yunnan ''Nu guo, nel nome della madre''

Pubblicato il - 07 marzo 2019 - 12:59

TRENTO. Non solo un'opportunità di confronto al femminile. Filosofia, approfondimento, ritorno alle origini, dialogo e arte: questo e (molto) altro sarà la tre giorni di eventi della Festa in Rosso organizzata da Codice Rosso, il progetto aperto che si propone di creare dei momenti di confronto artistico e di dialogo su tematiche femminili.

Le iniziative prenderanno il via proprio l'8 marzo con la terza edizione della festa, dalle 18 alle 23, al Centro per la cooperazione internazionale di vicolo San Marco. L'invito degli organizzatori è di indossare abiti rossi (o con vistosi accessori dello stesso colore) e di "entrare attivamente nel gioco": sarà possibile contribuire alla creazione di un'opera collettiva, farsi fare un massaggio o un tatuaggio con l'hennè, ricevere un oracolo, far parte di un grande coro o "semplicemente bersi una tisana facendo due chiacchiere".

 

Ma la festa non finirà con l'8 marzo: novità di quest'anno sono le due giornate aggiuntive del programma, di sabato e domenica colme di laboratori e workshop dedicati al tema "Immagini del femminile tra archetipi e stereotipi". Tra i temi che saranno proposti figurano "la realizzazione personale tra maternità biologica e sociale" (con l'ostetrica Caterina Masè), "la narrazione di maschile e femminile oltre ai più persistenti stereotipi" (con l'artista e pedagogista Laura Ghianda), "gli archetipi del ciclo" (con l'educatrice mestruale Elena Poli), "incontrare mammane, guaritrici, segnane nella tradizione trentina" (con la naturopata Francesca Zeni).

 

Si potrà inoltre dare forma all'archetipo dell'esploratrice in un mandala (con Serena Cristofori, Sabrina Girardelli, debora Caset e Francesca Piffer), praticare una meditazione "per contattare l'altra\o oltre le apparenze" (con Alessandra Decarli esperta in Mindfulness), "esplorare la nostra ombra interiore attraverso il mito di Inanna" (con Erica Cappelletti, esperta in costellazioni alchemiche e yoga sciamanico) E imparare la danza Kathak con Natalie Bryant.

 

Sabato sera dalle 18 sarà presentato il progetto C.r.e.ta: "Un progetto che - fanno sapere gli organizzatori della Festa in Rosso - esplorando le società egualitarie nella storia e tutt'ora esistenti, si propone di mutuare buone pratiche per un differente approccio alla vita, per una comunità in cui la cura e la reciproca mutualità siano declinate in ogni aspetto della quotidianità e delle relazioni".

 

A seguire il documentario "Nu guo, nel nome della madre" per la regia di F. Rosati Freeman e Pio d'Emilia, girato nello Yunnan (Cina). Una pellicola che, attraverso interviste e testimonianze, mostra le caratteristiche di una società di 5.000 persone con una struttura socio-familiare che "da millenni esiste e funziona sui principi del materno e della pace".

Il progetto Codice Rosso nasce dalla collaborazione tra le associazioni L'Acqua che Balla, Fatefaville, FucinAlchemica, Lune sui Laghi, Tempio della Grande Madre, Tenda Rossa a Trento ed è realizzato con il sostegno finanziario della Provincia. Il programma completo (gli eventi sono a ingresso libero) è disponibile su Facebook (qui).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 18:52

Gli affari non girano nemmeno con le promozioni messe in campo con il "Black Friday" e tanti negozianti trentini si trovano in difficoltà. "Le persone hanno paura, non sono serene nel fare gli acquisti e questo sta avendo delle conseguenze disastrose su tutto il tessuto economico" ci dicono 

27 novembre - 19:40

Anche oggi, come quasi sempre negli ultimi giorni, si è verificato il sorpasso dei guariti rispetto ai nuovi contagiati trovati 

27 novembre - 18:46

Il presidente ha spiegato che, non domani, ma sabato 5 dicembre potrebbero tornare aperti i negozi e i centri con metratura superiore ai 240 metri quadri e sulle seconde case: ''A Natale dovrebbe essere tutta Italia zona gialla e quindi se la legge resta questa si potrà circolare tra le regioni''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato