Contenuto sponsorizzato

Cosa ne pensano i trentini dei vaccini? La Provincia lancia un sondaggio

Dal 25 giugno al 5 luglio al via la campagna informativa per conoscere cosa pensano i trentini sull’argomento vaccini. In diversi centri commerciali gli operatori del Dipartimento di Prevenzione distribuiranno questionari anonimi per comprendere l’atteggiamento dei trentini nei confronti dei vaccini

Di Tiziano Grottolo - 24 giugno 2019 - 18:46

TRENTO. Con l’introduzione dell’obbligo vaccinale nel 2017 anche in Trentino, anno dopo anno, la copertura vaccinale è aumentata fino al raggiungimento della quota del 95%. Percentuale che fa scattare la così detta immunità di gregge, valore indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come soglia per arrestare la circolazione dell’agente patogeno e tutelare anche quei ‘soggetti fragili’ che, per motivi di salute, non possono essere vaccinati.

 

Alla luce dei buoni risultati raccolti ora fino ora, la Pat ha deciso di lanciare una campagna informativa per conoscere cosa pensano i trentini sull’argomento vaccini. Partendo da domani fino al 5 luglio, gli operatori del Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari in collaborazione con l’Università di Verona, saranno presenti in alcuni centri commerciali per sottoporre alla popolazione dei questionari, ovviamente anonimi.

 

L’obbiettivo è quello di valutare il grado d’informazione della popolazione sul tema vaccini, oltre a conoscere i canali utilizzati dalla gente per approfondire l’argomento, più in generale si cercherà di comprendere l’atteggiamento dei trentini dei confronti dei vaccini. Allo stesso tempo gli operatori saranno a disposizione per approfondire dubbi e perplessità sul tema, chi lo vorrà potrà riceve anche del materiale informativo, oltre al calendario vaccinale e alcuni simpatici gadget.

 

L’iniziativa è promossa da VaccinarSì, progetto d’informazione scientifica che coinvolge professionisti della sanità pubblica ed esperti in materia con l’obiettivo di offrire, alla popolazione e agli operatori sanitari, elementi utili, ma soprattutto sostenuti da solide basi scientifiche, per poter scegliere con consapevolezza di tutelare la propria salute con le vaccinazioni raccomandate dal sistema sanitario. Sulla scia di precedenti esperienze già avviate in altre regioni italiane nei prossimi mesi verrà lanciato anche in Trenino un portale dedicato all’argomento.

 

Ricordiamo che attualmente i vaccini obbligatori sono 10: poliomielite, difterite, tetano, epatite B, pertosse, Hib, morbillo, rosolia, parotite, da aprile 2018 per i nati nel 2017 è diventato obbligatorio anche quello per la varicella.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
18 maggio - 06:01
In Veneto e in Alto Adige sono già state avviate le operazioni sugli over 40, mentre in Trentino ci si concentra ancora sulla copertura degli [...]
Cronaca
17 maggio - 19:57
I territori che stanno meglio dal punto di vista del contagio e soprattutto dell'incidenza sono Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna. A fare la [...]
Cronaca
17 maggio - 20:11
Trovati 15 positivi, comunicati 2 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 28 guarigioni. Sono 766 i casi attivi sul territorio [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato