Contenuto sponsorizzato

Dai buoni da 1.000 euro per fare la spesa al 5% per acquistare i pulmini attrezzati per Anffas, Sait festeggia 120 anni

Il rilancio di Sait, dopo il risanamento dei conti, passa da un ambizioso piano di investimenti. Luca Picciarelli: "Dopo tre anni di pesante ristrutturazione, vogliamo restituire al territorio parte dei risultati raggiunti, con iniziative di carattere sociale e commerciale a favore dei soci e clienti"

Di Lucia Brunello - 11 novembre 2019 - 17:13

TRENTO. Centoventi mila euro in buoni spesa messi a disposizione di tutti i clienti dei punti vendita delle cooperative che ruotano nel mondo Sait. Questa una delle iniziative sociali e commerciali organizzate dal consorzio per celebrare i 120 anni dalla sua fondazione, avvenuta il 23 novembre 1899. Con una spesa di almeno 15 euro sarà possibile verificare istantaneamente se si è tra i fortunati vincitori di una tessera prericaricata dal valore di mille euro.

 

Questo "concorso" rientra nella lotteria degli scontrini e per le verifiche basterà inserire il codice presente sul tagliando online e si può scoprire subito se si è vinto uno dei tre premi giornalieri. In caso di esito negativo, ci sarà una seconda possibilità di vincere il buono spesa con  estrazione finale (Qui info e sito di riferimento). Ma sono diverse le iniziative di Sait: "Un modo - dice il direttore generale, Luca Picciarelli - per celebrare gli ottimi risultati ottenuti in questo ultimo periodo di ripresa e consolidamento".

 

Un'importante azione sociale sarà quella che avrà luogo nelle giornate del 25, 26 e 27 novembre. "Il 5% degli incassi ottenuti durante queste giornate - spiega Roberto Simoni, presidente di Sait - sarà impiegato per l’acquisto di almeno tre pulmini attrezzati a servizio di Anffas del Trentino. L’intento è quello di andare a presidiare diversi punti del territorio per agevolare l’attività quotidiana".

 

Giornata simbolica sarà inoltre quella del 23 novembre, giorno esatto anniversario dei 120 anni del consorzio, con un evento di commemorazione in ricordo del suo fondatore e primo presidente Emanuele Lanzerotti, che iniziò la sua attività nel mondo della cooperazione attraverso la fondazione della famiglia cooperativa e del sistema delle casse rurali. Alle 10.30 al cimitero di Romeno, luogo della sua sepoltura, avverrà la benedizione e la posa di una corona.

 

A seguire, alle 11, alla sala Lanzerotti della Cassa rurale Val di Non, ci saranno gli interventi di Roberto Simoni, presidente di Sait, e Marina Mattarei, presidente della Federazione. A questi seguiranno le relazioni di Mariagrazia Sironi, nipote di Lanzerotti, su “La figura di Emanuele Lanzerotti”e quella di Renzo Tommasi su “Le attualità di Emanuele Lanzerotti”.

 

Il 30 novembre, alle 9.30, si terrà un convegno su “La prospettiva del consorzio delle cooperative di consumo trentine dopo 120 anni”, alla sala Lanzerotti della sede di Sait a Trento in via Innsbruck. Affidata al presidente di Sait con gli interventi di Maura Latini, amministratrice delegata di Coop Italia, di Luca Raffaele, direttore Next – Nuova Economia per Tutti e di Fulvia Mantovani, cooperativa Iris – pastificio produttore Vivi Verde Coop.

 

Alle 10.30 seguirà la tavola rotonda moderata dal giornalista Alberto Faustini, direttore dei quotidiani l’Adige e Alto Adige, dove interverranno Maura LatiniFrancesca Gennai (vicepresidente di Consolida), Luca Raffaele e Roberto Simoni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 19:47

Sono 279 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 27 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

21 gennaio - 20:22

L'albergo su corso Rosmini nel centro storico della città della Quercia resta operativo e cerca di reggere un mercato profondamente stretto e diverso. Marco Zani: "Cerchiamo anche di mettere in rete le peculiarità della zona, la vicinanza del Monte Baldo, la Campana dei caduti e i musei, così come le tante possibilità offerte dalla Vallagarina. Ideato offerte speciali per fa lavorare anche il ristorante la sera"

21 gennaio - 17:58

Sono state registrare 26 dimissioni e 238 guarigioni. Cala il numero dei pazienti in ospedali. Analizzati oltre 4 mila tamponi. Sono state confermate 191 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato