Contenuto sponsorizzato

Domenica torna l'ora legale ma intanto il Parlamento Europeo abolisce il cambio di lancette

Mentre tra sabato e domenica torna l'ora legale in Europa è stato votato per dire basta al cambio di ora a partire dal 2021

Pubblicato il - 26 marzo 2019 - 13:50

TRENTO. Mentre ci si prepara a tirare avanti le lancette degli orologi di un'ora (nella notte tra sabato e domenica, infatti, si passa dall'ora solare a quella legale), il Parlamento Europeo potrebbe aver messo la parola ''fine'' a questa procedura. Con 410 voti a favore, 192 contrari e 51 astenuti, è passata, infatti, la risoluzione legislativa che stabilisce la fine del passaggio dall’ora solare a quella legale a partire dal 2021. 

 

Inizialmente si era parlato del 2019 ma si è spostato tutto al 2012. Gli stati membri dell’Unione manterranno però il diritto di decidere il proprio fuso orario: i Paesi dell’Ue che decideranno di mantenere l’ora legale dovrebbero regolare gli orologi per l’ultima volta esattamente tra due anni, l’ultima domenica di marzo 2021, mentre quelli che preferiscono mantenere l’ora solare dovrebbero spostare gli orologi per l’ultima volta l’ultima domenica di ottobre 2021.

 

Le loro decisioni dovranno essere coordinate con la Commissione, per garantire che l’applicazione dell’ora legale in alcuni Paesi e dell’ora solare in altri non crei problemi per l’economia del mercato interno interno all’Unione.

 

Il testo approvato oggi rappresenta la posizione del Parlamento nei futuri negoziati con i ministri Ue per la formulazione definitiva della normativa. Nella risoluzione si afferma che la Commissione può presentare una proposta legislativa per rinviare la data di applicazione della direttiva fino al un massimo di 12 mesi se ritiene che le disposizioni previste possano pregiudicare in modo significativo e permanente il corretto funzionamento del mercato interno.

 

 

Il testo approvato rappresenta la posizione del Parlamento nei futuri negoziati con i ministri Ue per la formulazione definitiva della normativa. In risposta alle iniziative dei cittadini, nel febbraio 2018 il Parlamento ha chiesto alla Commissione di valutare la direttiva sull’ora legale e, se necessario, presentare una proposta di revisione della stessa.

 

A seguito della valutazione, che ha ricevuto 4,6 milioni di risposte con l’84% favorevole a porre fine ai cambiamenti di orario, la Commissione ha presentato la proposta, che dovrà essere concordata tra il Parlamento e il Consiglio per entrare in vigore.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 4 agosto 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
05 agosto - 17:05
Nella relazione del Servizio geologico della Provincia, dice il consigliere del Partito Democratico: "Si evidenzia il rischio di caduta massi e si [...]
Cronaca
05 agosto - 13:01
Giovanni Camagna è stato per oltre 40 anni medico condotto in Val di Non, l’ultimo saluto del sindaco: “Piano piano sei riuscito ad acquistare [...]
Cronaca
05 agosto - 18:18
In seguito agli smottamenti, restano chiuse al traffico la strada statale del Brennero e la linea ferroviaria del Brennero a Prato Isarco. I [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato