Contenuto sponsorizzato

Isolare la cuccia, aumentare le calorie e mantenere l'animale pulito: ecco i dieci consigli per curare al meglio i vostri amici a 4 zampe nella stagione invernale

La Lega nazionale per la difesa del cane ha pubblicato un vademecum con dieci consigli utili a proteggere dalle basse temperature i propri animali domestici. Non lasciarli incustoditi, tenerli sott'occhio quando giocano all'aperto nella neve e mantenerli lontani dagli apparecchi elettrici sono alcuni degli inviti

Di Davide Leveghi - 19 novembre 2019 - 16:45

TRENTO. Il freddo è arrivato e anche per gli animali domestici la sopportazione delle basse temperature si fa difficile. Per questo la Lega nazionale per la difesa del cane ha pubblicato un vademecum in 10 punti con degli utili consigli per proteggere i nostri fedeli compagni di vita. Benché infatti questi sopportino il freddo meglio degli umani, è buona norma prendere dei piccoli accorgimenti per tutelarli nelle giornate più rigide.

 

L'alimentazione e un riparo idoneo rappresentano i primi aspetti a cui badare. Non tutti i “quattro zampe” infatti sono temprati per i rigori del clima invernale: se i cani di taglia grande mantengono il calore per molto più tempo grazie alla maggiore massa corporea che li isola, quelli di taglia più piccola, le razze a pelo corto e quelli privi di una consistente massa corporea necessitano di un diverso trattamento volto a mantenere il calore.

 

Gli animali che vivono all'aperto sono quelli più sensibili poiché necessitano di un luogo asciutto e senza correnti dove dormire e rifugiarsi. I soggetti anziani e/o malati, i cani di piccola taglia, vanno maggiormente protetti dalle intemperie e non devono essere lasciati all'aperto, soprattutto di notte. I rischi di peggioramento di malattie croniche o la poca protezione ricevuta dal gelo sono tra le cause di tanti decessi durante la stagione invernale.

 

Al principio dei dieci consigli v'è dunque la questione dell'alimentazione adeguata. Con l'abbassarsi delle temperature anche gli animali, infatti, bruciano più calorie. Per i gatti che vivono all'aperto è consigliata ad esempio una dieta ricca di nutrienti, grassi e proteine dall'elevato profilo qualitativo, che consente loro di non perdere peso utilizzando le riserve corporee come “carburante” per scaldarsi.

 

In secondo luogo si consiglia, come accennato, di offrire agli animali un riparo idoneo a sopportare le basse temperature: dimensioni giuste per la taglia, collocazione di qualche centimetro al di sopra del suolo, posizionamento dell'entrata coperto dalla direzione in cui solitamente soffia il vento, sistemazione della base della cuccia con una coperta di lana da cambiare regolarmente, soprattutto a seguito di pioggia. Nel caso in cui le temperature siano particolarmente rigide si consiglia di isolare la cuccia con materiali ecologici come le schiume a base di ricino, soia, zuccheri, ecc.

 

In terzo luogo si consiglia di curare costantemente il vostro animale, stimolando così la circolazione sanguigna e rinnovando il sottopelo. Se gli animali sono bagnati a causa della pioggia o della neve è importante asciugarli bene, soprattutto le zampe e tra le dita, dove possono rimanere cristalli di ghiaccio contenenti sostanze tossiche presenti delle soluzioni antigelo e nocive per l'animale. Anche il sale può irritare i polpastrelli.

 

Il quarto consiglio punta a offrire maggiori cure a quegli esemplari, malati, anziani, di piccola taglia o a pelo raso, che sopportano più a fatica le temperature basse, specie di notte. L'acqua della ciotola - consiglio 5 – non deve essere lasciata all'esterno perché potrebbe congelarsi, specie se contenuta in un contenitore di metallo.

 

Il sesto consiglio mira a sensibilizzare sulla necessità di non lasciare l'animale incustodito in auto. Se infatti tale atteggiamento può risultare pericoloso durante la stagione estiva, lo è anche in inverno, dove invece che di soffocamento il cane potrebbe soffrire il congelamento o l'ipotermia. In auto va sempre portata una coperta per precauzione, nel caso ci sia il bisogno di coprire l'animale e di farlo stare al caldo.

 

Allo stesso modo si invita a non lasciare mai il cane incustodito in garage. Non solo potrebbe mettere bocca su materiali tossici – l'antigelo è ad esempio letale anche in piccole dosi – ma rischierebbe di soffocare con i fumi dei veicoli. Stesso discorso vale anche per i felini.

 

Come ottavo consiglio la Lndc invita a non lasciare incustoditi nemmeno gli apparecchi elettrici. Stufette portatili, cuscinetti termici, scaldini elettrici e così via hanno cavi che li collegano all'elettricità e potrebbero essere masticati dagli animali (cani, gatti, conigli), fulminandoli sul colpo.

 

Al nono posto v'è invece un ammonimento sulla neve. Portare il cane a giocare nella neve lo farà sicuramente felice ma è bene mantenerlo sott'occhio per evitare che si perda. Il cane infatti potrebbe smarrire le tracce e non riuscire più a fiutare il padrone. È bene tenerlo così a portata di mano con il guinzaglio, “cintura di sicurezza” del vostro amico a quattro zampe.

 

In ultimo luogo si faccia attenzione agli animali che si rifugiano sotto le automobili. Con le basse temperature, infatti, i gatti liberi o altri animali che vivono all'aperto potrebbero rifugiarsi sotto i veicoli sfruttando così il calore prodotto dal motore. È bene quindi, per evitare drammatiche conseguenze, controllare sotto l'automobile così come all'interno del passaruota o dare per sicurezza dei leggeri colpi al cofano. Solo così si permetterà agli eventuali ospiti di togliere il disturbo.

 

Accanto a questi dieci semplici ma utili consigli, la Lndc ricorda di non trascurare tutte quelle bestie abbandonate che riempiono molte parti d'Italia. Una ciotola di cibo o di acqua potrebbe risultare loro decisiva per la sopravvivenza. Per gli ospiti di canili e gattili, infine, la Lega nazionale per la difesa del cane lancia un appello rivolgendosi alla cittadinanza affinché si portino vecchie coperte, piumoni, asciugamani, lenzuola e indumenti usati a questi centri e non in discarica. Saranno così utili per scaldare le cucce degli animali senza famiglia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 dicembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

09 dicembre - 13:08

L'Ente Nazionale Protezione Animali chiede ai primi cittadini delle ordinanze. Già il Consiglio comunale di Rovereto ha scelto di mettere dine ai fuochi d'artificio

09 dicembre - 05:01

C'è anche nel masterplan di sviluppo del Bondone ''Necessario tenere in considerazione gli importanti cambiamenti climatici in atto e valutare quindi con attenzione la necessità di anticipare un cambio di prospettiva dell’offerta turistica", ma la discussione politica non sembra ancora cominciata

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato