Contenuto sponsorizzato

Itas Mutua e Gruppo Cooperativo CGM siglano una partnership per lo sviluppo sociale dei territori

L’accordo tra le due realtà consentirà di promuovere vicinanza e sostegno alle comunità locali, sostenendo iniziative per renderle più solidali e inclusive

Pubblicato il - 20 dicembre 2019 - 16:30

TRENTO. Un tavolo di lavoro tecnico per studiare e sviluppare strumenti assicurativi adeguati a rispondere ai bisogni e alle esigenze di protezione delle cooperative e dei loro dipendenti, collaboratori e famigliari. A questo si aggiunge la possibilità di co-progettare iniziative sulla base di bisogni e opportunità rilevati dalla rete Cgm su scala nazionale e locale.

 

Un accordo di partnership tra Itas e Cgm per legare in modo più incisivo intenti e obiettivi di queste due realtà. "La vicinanza tra il sistema mutualistico e quello cooperativistico - afferma Raffaele Agrusti, amministratore delegato di Itas - permette di condividere una mission comune, orientata allo sviluppo dei valori dell’etica e della solidarietà che costituiscono il sostegno per la valorizzazione sociale dei territori e delle comunità che vi risiedono".

 

Questa comunanza di intenti e visioni ha posto le basi per la firma dell’accordo che ha come obiettivi principali quello di promuovere in modo coordinato la crescita della cultura e dell’economia sociale attraverso azioni mirate di comunicazione, sensibilizzazione educazione; promuovere la cultura assicurativa e quella dell’impresa sociale; avviare una collaborazione tra le rispettive reti territoriali per sviluppare azioni di solidarietà nelle comunità, in modo particolare nei confronti dei giovani.

 

La Mutua si impegna inoltre a valutare investimenti per lo sviluppo di progetti ritenuti prioritari da entrambe le parti e specifiche iniziative da sostenere economicamente tramite strumenti innovativi che possano fungere da volano per lo sviluppo economico territoriale.

 

"Siamo molto soddisfatti per l’inizio della collaborazione ufficiale con il gruppo Cgm – dice Alessandro Molinari, vicedirettore generale di Itas –. Fin dai primi interventi degli anni scorsi, abbiamo avuto consapevolezza della vicinanza valoriale che ci lega e poter costruire anche in futuro progetti collaborativi su queste basi comuni è per noi un elemento fondamentale. Da quasi 200 anni il nostro agire mutualistico ci caratterizza come attori rilevanti per lo sviluppo delle realtà sociali e la possibilità di condividere gli obiettivi con questa realtà non può che rafforzare questa nostra mission".

 

Il Gruppo Cooperativo Cgm è la più grande rete imprenditoriale dell’economia sociale in Italia, attiva dal 1987. Il distretto produttivo è composto da 58 consorzi di cooperative sociali e da circa 800 cooperative e imprese sociali. La rete impiega circa 50.000 lavoratori. Il Gruppo opera come piattaforma di scambio, coordinamento e alleanze a disposizione delle imprese associate.

 

"Per noi - conclude Giuseppe Bruno, presidente Cgm - Itas è un partner strategico che negli ultimi anni ha sostenuto le nostre attività e la nostra rete. Un impegno reso possibile anche dall’esperienza mutualistica che ha sempre contraddistinto questa importante realtà assicurativa. Questa collaborazione vede oggi un nuovo inizio, l’avvio di un dialogo tra mondi apparentemente diversi che però si esprimono attraverso una lingua comune: quella dei valori che ci uniscono, valori volti a favorire lo sviluppo delle nostre comunità".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 20:28

Sono 297 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi, mentre sono 38 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

 
 
20 gennaio - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 gennaio - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato