Contenuto sponsorizzato

Itas al fianco dell'Unione Ciechi e Ipovedenti con specifiche clausole e servizi informativi

Oggi, in sede Itas, è stato firmato l'accordo fra la Compagnia e l’associazione Uici al fine di creare specifiche clausole nei prodotti assicurativi che possano rispondere alle esigenze di persone con specifiche necessità

Pubblicato il - 13 dicembre 2019 - 18:05

TRENTO. Il forte radicamento nel territorio, la volontà di essere vicini alle persone e di mantenere vivi i valori della solidarietà, spingono Itas a ricercare partner con cui sia possibile condividere un comune patrimonio di ideali e valori, fatti anche di rispetto, valorizzazione del territorio e delle sue comunità. E' per questa ragione che la Compagnia ha firmato oggi, 13 dicembre, un accordo con Uici (Unione italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus-Aps) di Trento, con il fine di creare specifiche clausole nei prodotti assicurativi che possano rispondere alle particolari esigenze di persone con specifiche necessità.

 

“Per Itas la responsabilità è un valore irrinunciabile per la tutela del bene comune – afferma Raffaele Agrusti, amministratore delegato Itas – e per noi essere responsabili significa anche saper accogliere al meglio le esigenze di persone con difficoltà visive che ogni giorno devono lottare per far valere i propri diritti sociali

 

“La natura mutualistica della nostra Compagnia ci permette di dedicare la giusta attenzione anche a esigenze molto specifiche e concrete che hanno però una rilevanza incalcolabile per le persone che le esprimono. Per Itas essere Mutua significa quindi saper intercettare queste esigenze e poterle soddisfare", conclude Agrusti.

 

Come esempio concreto, la Compagnia ha previsto la realizzazione di materiale informativo in braille, in modo da essere facilmente fruibile da ciechi e ipovedenti, oltre a fornire consulenza assicurativa a tutti gli utenti appartenenti all’associazione. 

 

“Itas è una presenza importante per tutto il nostro territorio, in particolar modo per le realtà sociali – afferma Dario Trentini, presidente Uici Trento – e saperla vicina alle esigenze dei nostri iscritti è per noi un grande valore aggiunto che siamo convinti contribuirà a migliorare la vita non solo degli associati, ma anche quella delle loro famiglie. Il fatto che l’accordo sia firmato proprio il giorno di Santa Lucia, nostra protettrice, è sicuramente un buon augurio per ufficializzare la collaborazione con Itas”.

 

L’Unione italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus-Aps è l’associazione storica di categoria che esercita le funzioni di rappresentanza e tutela degli interessi delle persone con disabilità visiva. Si adopera per il riconoscimento dei diritti e per lo sviluppo di servizi e strumenti idonei per far fronte alle necessità di ciechi e ipovedenti in rapporto ad un mondo e ad una società in continua evoluzione. L’Uici si pone come obiettivo primario l’integrazione della persona con disabilità visiva in tutti gli ambiti del sistema sociale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 19:59

Il numero dei pazienti covid scende ancora e si posiziona a 260, ma la notizia incoraggiante sta anche nel forte calo dei decessi che oggi si fermano ad 1 solo caso avvenuto a Mori. Dei nuovi casi positivi, gli asintomatici sono 75 mentre i pauci sintomatici sono 96. Ci sono altri 19 casi di bambini e ragazzi in età scolare che hanno contratto il virus (le classi in quarantena ieri erano 24) e di questi 3 piccoli hanno meno di 5 anni. Gli ultra settantenni invece sono 30

22 gennaio - 18:49

Intervenuto nella conferenza stampa sulla situazione Covid in provincia, il direttore della Prevenzione dell'Apss Antonio Ferro spiega l'errore nella somministrazione a 12 operatori dell'ospedale di Rovereto di una soluzione fisiologica al posto dei vaccini. "Questo dimostra quanto siano importanti i controlli"

22 gennaio - 17:57

Sul fronte della campagna di vaccinazione,  sono stati somministrati 12.866 vaccini, di cui 3.281 ad ospiti di residenze per anziani. Si registrano 19 nuovi casi di bambini e ragazzi in età scolare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato