Contenuto sponsorizzato

La decima edizione di DiVinNosiola verso il gran finale. L'ultimo fine settimana visita la Centrale idroelettrica

Fino a sabato sarà possibile anche visitare la mostra allestita a Palazzo Roccabruna, fino a domenica quella gemella dell'Hosteria Toblino a Sarche. Va ricordato che i soci della Strada del vino e dei sapori del Trentino valorizzeranno fino a domenica questo vino bianco attraverso le iniziative inserite nel calendario di "A tutto Nosiola"

Foto di Marco Miori
Pubblicato il - 18 aprile 2019 - 17:35

TRENTO. Sarà il weekend pasquale a chiudere il sipario sulla decima edizione di DiVinNosiola, la manifestazione organizzata dall'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi per valorizzare l'unico vino bianco autoctono trentino (Qui speciale de Il Dolomiti).

 

Dopo i due importanti fine settimana, che hanno focalizzato l'attenzione prima su Santa Massenza, dove sono state organizzate una degustazione e una rappresentazione teatrale itinerante (La bottiglia in campo), e poi su Cavedine, la cui campagna adagiata nei pressi del lago il 13 aprile ha ospitato una degustazione, il trekking lungo il sentiero della Nosiola e il Rito della Spremitura, senza dimenticare la gara podistica DiVinNosiola Ecorurning, ora il baricentro si sposta nuovamente a Santa Massenza.

Sabato, domenica e lunedì prossimi ecco la possibilità di visitare la suggestiva Centrale idroelettrica, le cui turbine sono custodite all'interno della montagna, abbinando il tour guidato ad una degustazione alle locali aziende agricole Giovanni Poli, Francesco Poli, Maxentia e Casimiro.

 

Le visite sono in programma sabato alle 15 e alle 17, la domenica di Pasqua alle 15, il lunedì di Pasquetta alle 10.30 e alle 15. La prenotazione è obbligatoria (0461 032484 – booking@hydrotourdolomiti.it) e il biglietto costa 15 euro, con il quale si ha diritto alla visita e agli assaggi.

 

Fino a sabato sarà possibile anche visitare la mostra allestita a Palazzo Roccabruna, fino a domenica quella gemella dell'Hosteria Toblino a Sarche, locale che tutti i pomeriggi propone anche una degustazione di due annate di Vino Santo abbinate allo strudel. Infine va ricordato che i soci della Strada del vino e dei sapori del Trentino valorizzeranno fino a domenica questo vino bianco attraverso le iniziative inserite nel calendario di "A tutto Nosiola", pensate per abbinarlo ad altri sapori trentini all'interno di menù o assaggi.

 

Il prossimo fine settimana andrà dunque in archivio un'edizione importante di questo evento, che ha saputo catalizzare l'attenzione degli appassionati, ma non solo, su tutte le iniziative messe in cantiere. Ad impreziosire i risultati ottenuti va ricordata la grande risposta ottenuta da DiVinNosiola Ecorunning, che grazie ai suoi 450 iscritti ha compiuto un salto di qualità non indifferente per quanto riguarda il suo seguito e il suo peso nel calendario nazionale podistico.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 04:01

In Trentino il turismo è un settore strategico, pesa per il 20% del Pil provinciale, il periodo di Natale e Capodanno vale un terzo della stagione invernale e il "buco" in caso di chiusura tout-court viene valutato in 1 miliardo. Un danno che si aggiunge alla primavera cancellata e l'estate oltre le aspettative ma in fortissimo calo: si stima di aver bruciato tra indotto diretto e indiretto circa 280 milioni di euro e mezzo miliardo da marzo

25 novembre - 08:56

La 73enne Iolanda Balzano si è spenta dopo aver lottato contro il coronavirus: madre di quattro figli, nonna e bisnonna si era candidata in sostegno di Franco Ianeselli nelle ultime elezioni comunali. Il figlio: “Una manciata di giorni ti hanno portata via da quella quotidianità che vivevi con la forza e il coraggio”

24 novembre - 16:58

Un’analisi dei certificati di decesso ha mostrato che il Covid-19 è la causa direttamente responsabile della morte nell’89% dei decessi raccolti nel Sistema di Sorveglianza. L’Iss: “È probabile che nei mesi di marzo e aprile i decessi legati al coronavirus siano sottostimati perché molti pazienti morirono senza essere testati”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato