Contenuto sponsorizzato

La Figc in campo con Diego, un crowfunding per aiutare la famiglia dopo il terribile incidente durante la partita. Si può anche ricevere la maglia della nazionale

Il prodigarsi della famiglia non conosce limiti, ma le cure sono lunghe e costose. A questo si aggiunge che la casa di Cogolo di Pejo, dove Canella vive, deve essere adeguata in maniera congrua. Così la Federazione ha deciso di attivare una raccolta di crowdfunding per aiutare la famiglia a sostenere le ingenti spese

Di Luca Andreazza - 25 ottobre 2019 - 19:26

TRENTO. La Federcalcio trentina scende in campo per aiutare Diego Canella e la sua famiglia. Il giovane portiere della Redival, allora 24enne, si era gravemente infortunato nell'aprile del 2017 nel corso di una partita di Seconda categoria

 

Il prodigarsi della famiglia non conosce limiti, ma le cure sono lunghe e costose. A questo si aggiunge che la casa di Cogolo di Pejo, dove Canella vive, deve essere adeguata in maniera congrua. Così la Federazione ha deciso di attivare una raccolta di crowdfunding per aiutare la famiglia a sostenere le ingenti spese (Qui link della raccolta fondi). Un'iniziativa veicolata a tutte le società affiliate alla Figc, ma aperta, ovviamente, anche ai cittadini. Ci sono circa 40 giorni per raccogliere 10 mila euro. Si va dai 5 euro e un'e-mail di ringraziamento a 300 o più euro e si può ricevere una maglia ufficiale della nazionale e una menzione sul sito ufficiale della Federcalcio trentina. 

 

Un drammatico incidente avvenuto nel giro di pochissimi minuti, prima una ginocchiata alla testa che aveva lasciato il giovane stordito, quindi la ripresa del gioco e il sospiro di sollievo di compagni e avversari. Ma dopo due minuti Canella aveva perso i sensi per crollare a terra

 

Da lì l'intervento dei sanitari e il trasporto all'ospedale Santa Chiara di Trento. Tante le operazioni, anche fuori provincia, e lunghissima riabilitazione. Tutt'ora il giovane vive una condizione estremamente critica e necessita di cure e interventi continui per riportarlo alla normalità. 

 

L'iniziativa della Federcalcio prende spunto anche dal recente Festival dello sport. "In Trentino - spiega Ettore Pellizzari, presidente della Figc - abbiamo dei fenomeni, persino nel calcio, anche se siamo privi di squadre professionistiche. Vogliamo celebrare e aiutare Diego Canella, un forte portiere che cercava di emulare il suo idolo Gigio Donnarumma del Milan, che è più giovane di lui e un po’ gli assomiglia. Compiva parate incredibili volando da un palo all’altro della porta che difendeva per la sua squadra che era nei primi posti in classifica, impegnata nelle ultime partite di campionato con l’obiettivo di essere promossa in Prima categoria".

 

Quella domenica sera la Redival disputava a Mezzolombardo una partita, quando all’undicesimo del primo tempo Canella è uscito sul centravanti avversario e si è verificato uno scontro fortuito che cambiava per sempre la vita di Diego e della sua famiglia.

 

La partita venne sospesa, mentre Canella era stato trasportato in ospedale e venne sottoposto a un delicato intervento chirurgico alla testa. "Da quel momento, purtroppo, le parate di Diego si spengono. Al termine del campionato - ricorda il numero uno della Figc - la Redival venne promossa in Prima categoria, mentre lottava per difendere la porta della sua vita con l’amorevole sostegno di mamma Luciana e delle sorelle Federica e Irene. Senza dimenticare l'altra famiglia, quella della sua società sportiva"

 

Le cure, come anticipato, sono lunghe e costose, così la Figc ha lanciato la raccolta fondi. "Tutto in accordo con mamma Luciana - conclude Pellizzari - una sottoscrizione che consenta di sostenere le onerose spese per le cure e quelle di adeguamento della sua casa di Cogolo che superano, anche in prospettiva futura, tutti gli aiuti finanziari. Il nostro impegno per Diego riprende ora e proseguirà fino a Natale 2019. L'invito è quello di aiutare Diego e la sua fenomenale famiglia".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
24 June - 18:46
Fra i quattro nuovi casi due riguardano persone comprese nella fascia fra i 60 ed i 69 anni. Il rapporto contagi tamponi si attesta allo 0,26%
Politica
24 June - 19:27
Per discutere del tema dei grandi carnivori Fugatti si è recato a Roma, al Ministero dell’Interno. L’Oipa: “Senz’altro anche la ministra [...]
Cronaca
24 June - 16:15
Il match di ieri sera tra Germania e Ungheria è finito in pareggio sul 2 a 2: per festeggiare il suo goal Goretzka ha esultato facendo il gesto [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato