Contenuto sponsorizzato

Le Dolomiti fanno capolino nella serie Netflix “The Witcher”. In una scena compare (specchiato) il gruppo del Sassolungo

Il panorama mozzafiato delle Dolomiti ha "stregato" i produttori della serie tv fantasy, "The Witcher", che hanno scelto di inserire quello che senza ombra di dubbio sembra il gruppo del Sassolungo all'interno delle riprese

Sopra un fotogramma tratto dalla serie Netflix "The Witcher". Sotto, il gruppo del Sassolungo (foto Dolomiti.it) specchiato per rendere più agevole in confronto
Di Tiziano Grottolo - 29 dicembre 2019 - 14:07

TRENTO. Il panorama è certamente mozzafiato e in un certo senso non c’è da stupirsi che i paesaggi dolomitici facciano accorrere ogni anno milioni di turisti che prendono letteralmente d’assalto le montagne fra Trentino-Alto Adige, Veneto e Friuli-Venezia Giulia. La notizia però, questa volta, sta nel fatto che alcune vette delle Dolomiti siano finite addirittura all’interno delle serie Netflix “The Witcher”.

 

Come ci è stato fatto notare da un nostro lettore infatti, durante il quarto episodio, intitolato “Banchetti, bastardi e sepolture”, nei minuti iniziali subito dopo al prologo, sullo sfondo compaiono delle montagne monto familiari in Val Gardena e in Val di Fassa. Sebbene siano specchiate rispetto alla loro posizione reale sembrerebbero coincidere perfettamente con le cime del Gruppo del Sassolungo.

 


Sopra un fotogramma (specchiato) dalla serie Netflix
Sopra un fotogramma (specchiato) dalla serie Netflix "The Witcher". Sotto, il gruppo del Sassolungo (foto Dolomiti.it)

 

Più precisamente, da sinistra a destra (nella serie tv da destra a sinistra): Sasso Lungo (3181 metri), Cinque Dita (2918 metri), Sasso Levante (3114 metri), Dente di Mezzdì (3081 metri), Il Dente (3000 metri) e per finire il Sasso Piatto (2956 metri) con la sua caratteristica forma suggerita dal nome stesso.

 

Osservando le montagne riprese in “The Witcher”, basta per l’appunto specchiare e sovrapporre l’immagine per riconoscere le cime del gruppo montuoso delle Dolomiti che sorge fra le province di Trento e Bolzano, sulle cui pendici si disputano ogni anno le gare sciistiche di discesa libera e SuperG sulla pista Saslong con arrivo l’arrivo fissato a Santa Cristina Valgardena.

 


Il gruppo del Sassolungo (foto Dolomiti.it)
Il gruppo del Sassolungo (foto Dolomiti.it)

 

Montagne simbolo della val Gardena, i cui abitanti avranno un ulteriore motivo per vantarsi, dopo essere finiti all’interno di una serie sulla quale Netflix punta molto. Si tratta di uno degli ultimi prodotti sbarcati sulla piattaforma streaming (20 dicembre) ed è stata creata da Lauren Schmidt Hissrich, la serie è basata sulla Saga di Geralt di Rivia dell'autore di genere fantastico Andrzej Sapkowski, dalla stessa saga inoltre è stato tratto un videogioco che ha riscosso molto successo.

 

Come anticipato si tratta di una serie fantasy che ripercorrerà le vicende del protagonista Geralt di Rivia che dovrà affrontare un mondo popolato da esseri umani, elfi, nani e altre specie magiche. Geralt è un witcher, ovvero un guerriero mutante (benché nato umano) che sarà chiamato ad eliminare una serie di mostri che minacciato l’esistenza della popolazione, anche se presto dovrà barcamenarsi fra menzogne, calamità, intrighi politici e pericolosi segreti in grado di destabilizzare l’intero regno.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 20:37

Le difficoltà in ambito scolastico sono molte a causa dell'emergenza Covid-19. A fronte delle enormi incertezze e il ricorso alla didattica a distanza, che non sempre incontra il gradimento di famiglie e studenti, molti studenti hanno comunque deciso di investire sul proprio futuro per un'esperienza formativa all'estero

20 gennaio - 15:57

Per tentare di eludere il controllo dei carabinieri un uomo e una donna, che trasportavano 10 panetti di cocaina, hanno presentato una falsa autocertificazione. Una volta scoperti entrambi sono stati denunciati per detenzione ai fini di spaccio e false dichiarazioni a pubblico ufficiale ma sono stati pure sanzionati per non aver rispettato le misure anti-Covid

19 gennaio - 13:58

Attraverso una serie di aziende cartiere creavano falsi crediti tributari che i clienti potevano comprare per diminuire i propri debiti verso l'erario. I soldi ottenuti venivano poi ripuliti all'estero tramite banche straniere

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato