Contenuto sponsorizzato

Lutto nella Chiesa trentina, è morto monsignor Giuseppe Sandri

Nato 72 anni fa a Faedo, era in missione dal 1972. Vescovo trentino di Witbank, in Sudafrica. Lo ricorda il vescovo Tisi: "In lui amabilità, umanità e capacità di pregare. Tratti che ne hanno accompagnato l’amore viscerale per il Sudafrica e la sua gente, con la quale aveva condiviso ogni piccolo passo del percorso di liberazione dall’apartheid e di riconciliazione sociale"

Pubblicato il - 30 maggio 2019 - 11:52

TRENTO. Lutto nella Chiesa trentina e nella famiglia missionaria comboniana per la prematura scomparsa di monsignor Giuseppe Sandri, nativo di Faedo, vescovo di Witbank in Sudafrica dal 2010. Aveva 72 anni ed era malato da qualche mese. Ѐ deceduto questa mattina in ospedale a Pretoria e la notizia è subito rimbalzata in Trentino ai familiari, ai confratelli comboniani nella sede di via Missioni Africane, al vescovo Lauro e negli uffici diocesani di pastorale missionaria.

 

Padre Giuseppe era nato a Faedo il 26 agosto 1946. Nell’agosto del 1971 la professione solenne con i missionari comboniani, prima di intraprendere gli studi teologici negli Stati Uniti a Cincinnati, conseguendo un Master’s Degree in teologia nel 1971. Venne ordinato sacerdote negli Stati Uniti il 27 maggio 1972, iniziando da subito la missione in Sudafrica. Dal 1999 al 2007 venne richiamato a Roma come Segretario generale dei missionari comboniani. Nel 2008 il ritorno in Sudafrica come Superiore provinciale della famiglia comboniana. L’anno dopo, nel novembre 2009, la nomina a vescovo e il 31 gennaio 2010 la consacrazione episcopale a Lydenburg, nella Diocesi di Witbank.

 

Alla celebrazione partecipò anche una delegazione della Diocesi di Trento, guidata dall’allora vicario monsignor Lauro Tisi: “Furono giornate davvero intense, nelle quali – ricorda oggi il vescovo Lauro – sperimentammo una grande comunione tra le nostre Chiese. Esprimo anche a nome della nostra comunità un ringraziamento al vescovo Giuseppe per l’amabilità, l’umanità e la sua capacità di pregare. Tratti che ne hanno accompagnato l’amore viscerale per il Sudafrica e la sua gente, con la quale aveva condiviso ogni piccolo passo del percorso di liberazione dall’apartheid e di riconciliazione sociale. Una strada tuttora in salita per la libertà, la parità di diritti e il riscatto sociale, nella quale, grazie anche al vescovo Giuseppe, la comunità cristiana, pur minoritaria, ha acquisito un ruolo di fondamentale importanza, sostenuta pure dal Trentino”. Ancora non è stata stabilita la data dei funerali di monsignor Sandri che sarà sepolto in Sudafrica. A Faedo si terrà nei prossimi giorni una celebrazione in suffragio presieduta dall’arcivescovo Lauro.

 

L’ultima visita in Trentino di monsignor Sandri nel maggio 2018. Nel giugno 2015 venne intervistato dai media diocesani insieme al nipote che coordina l’attività dell’associazione Sebenzeni a sostegno della missione nella diocesi di Witbank.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
27 settembre - 08:31
Il volontariato trentino dovrà confrontarsi con il Green Pass. Lo stabilisce il dl 127/2021, pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 226 del [...]
Cronaca
27 settembre - 07:53
E' successo a Silandro, fortunatamente le ferite riportate sono state lievi ma sono stati momenti di paura per una bimba e un uomo di 39 anni 
Cronaca
27 settembre - 07:35
La tragedia è avvenuta ieri pomeriggio mentre stava percorrendo la strada che collega Rovereto e Villa Lagarina. Da qualche anno abitava a [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato