Contenuto sponsorizzato

Maturità, arriva la seconda prova multidisciplinare. Le materie: latino e greco al liceo classico, matematica e fisica allo scientifico

Previste simulazioni nazionali per i primi due scritti. Si inizia a febbraio, secondo test a marzo e aprile. Il colloquio orale rimane pluridisciplinare

Pubblicato il - 18 gennaio 2019 - 12:44

TRENTO. Maturità, dopo il toto-esami degli scorsi giorni ora c'è la certezza: sono uscite le materie dell'esame che a giugno anche in Trentino dovranno affrontare i ragazzi alla fine delle superiori.

 

Diverse le novità spiegate nella circolare con le indicazioni operative che sarà inviata in queste ore dal Miur a tutte le scuole d'Italia. Ad annunciarle, con un video, lo stesso ministro Marco Bussetti.

La seconda prova scritta della maturità 2019 sarà multidisciplinare: al liceo classico con latino e greco e allo scientifico con matematica e fisica.

 

"Per sostenervi nella vostra preparazione - ha fatto sapere sempre il ministro per l'Istruzione, università e ricerca - organizzeremo delle simulazioni della prima e della seconda prova. Si svolgeranno nei mesi di febbraio, marzo e aprile".

 

In particolare le simulazioni nazionali sono previste per il 19 febbraio e per il 26 marzo per la prima prova scritta. Il 28 febbraio e il 2 aprile sarà invece la volta delle simulazioni per la seconda prova, quella per cui è stata introdotta la multidisciplinarietà.

 

È la prima volta che il Miur organizza simulazioni di questo tipo. A dicembre erano già stati pubblicati dal Miur degli esempi di traccia per entrambe le prove.

 

Anche il colloquio orale sarà, come al solito, pluridisciplinare.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 18:52

Gli affari non girano nemmeno con le promozioni messe in campo con il "Black Friday" e tanti negozianti trentini si trovano in difficoltà. "Le persone hanno paura, non sono serene nel fare gli acquisti e questo sta avendo delle conseguenze disastrose su tutto il tessuto economico" ci dicono 

27 novembre - 19:40

Anche oggi, come quasi sempre negli ultimi giorni, si è verificato il sorpasso dei guariti rispetto ai nuovi contagiati trovati 

27 novembre - 18:46

Il presidente ha spiegato che, non domani, ma sabato 5 dicembre potrebbero tornare aperti i negozi e i centri con metratura superiore ai 240 metri quadri e sulle seconde case: ''A Natale dovrebbe essere tutta Italia zona gialla e quindi se la legge resta questa si potrà circolare tra le regioni''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato