Contenuto sponsorizzato

Nucleo elicotteri, si pensa all'acquisto di un nuovo mezzo da 15 milioni di euro per sostituire quello dell'incidente sul Nambino

Avvenuto nel marzo 2017 in questi anni si era atteso che venissero compiute le perizie e le verifiche su quello incidentato che sembrava riparabile. Oggi però si parla di un nuovo mezzo. Fugatti: ''Comprarlo sarebbe economicamente più conveniente. Affittarlo costa 2,5 milioni all'anno'' 

Pubblicato il - 14 June 2019 - 19:36

TRENTO. Meglio comprare un nuovo elicottero o continuare con l'affitto di quello attuale? Il presidente Fugatti sembra propendere per la prima ipotesi spiegando che ''l’acquisto è economicamente conveniente, rispetto all’affitto, considerato che può durare anche 20 anni''. Questo quanto detto dal numero uno della Provincia di Trento oggi a Stenico per la riunione di giunta. La questione nasce dopo che nel marzo del 2017 un elicottero della flotta provinciale ha avuto un grave incidente (QUI ARTICOLO) sul Nambino.

 

Da quel momento nei cieli del Trentino ha volato un mezzo il cui affitto costa circa 2,5 milioni all'anno e si è scelta questa linea perché il vecchio elicottero sembrava riparabile e si attendevano i responsi delle assicurazioni e dei tecnici (QUI APPROFONDIMENTO). La giunta adesso, però, sta ragionando sull'acquisto di un nuovo mezzo che dovrebbe costare circa 15 milioni di euro ed andrebbe a rinfoltire la flotta attuale che conta su 5 elicotteri (tre, spiega la Pat, vengono utilizzati per gli usi sanitari e di assistenza alle persone, e due per il supporto ai lavori pubblici effettuati sul territorio. Nel 2018 sono stati realizzati 3500 interventi, di cui 2500 di carattere sanitario). E se venisse acquistato, stiamo parlando di un modello AW139, ci vorrebbero, poi, circa 6 mesi per averlo a disposizione.  

 

“L’acquisto – ha detto Fugatti – è economicamente conveniente, rispetto all’affitto, considerato che può durare anche 20 anni. Per quanti riguarda il Nucleo elicotteri, esso rappresenta un fiore all’occhiello della Provincia ma anche un unicum, considerato che siamo l’unico territorio ad avere una gestione completamente pubblica del servizio. Abbiamo quindi dato mandato alla nostra dirigenza di valutare la situazione per capire se, all’interno di una prevalente competenza pubblica, vi sono margini per un possibile efficientamento complessivo del servizio. Ovviamente garantendo i posti di lavoro e le competenze attualmente presenti nel Nucleo”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
18 maggio - 06:01
In Veneto e in Alto Adige sono già state avviate le operazioni sugli over 40, mentre in Trentino ci si concentra ancora sulla copertura degli [...]
Cronaca
17 maggio - 19:57
I territori che stanno meglio dal punto di vista del contagio e soprattutto dell'incidenza sono Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna. A fare la [...]
Cronaca
17 maggio - 20:11
Trovati 15 positivi, comunicati 2 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 28 guarigioni. Sono 766 i casi attivi sul territorio [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato