Contenuto sponsorizzato

Qualità e riparo con rispetto, l'autofficina di Santoni a Cembra premiata a livello nazionale da Mio Carrozziere e Federcarrozzieri

Il premio viene consegnato sabato 6 aprile alle 16.30 e la carrozzeria resta aperta per tutta la giornata dalle 10, un'occasione per apprezzare le nuove tecnologie, i sistemi di alta professionalità negli standard produttivi e illustrare il protocollo adottato in materia di lavorazioni a regola d’arte, risparmio energetico, smaltimento di rifiuti, tutela della qualità del lavoro in azienda e dell’ambiente

Pubblicato il - 05 aprile 2019 - 13:28

TRENTO. Il primo riconoscimento "Riparo con rispetto" finisce in Trentino, il premio di Mio Carrozziere e Federcarrozzieri va a Giampaolo Santoni, maestro artigiano di Cembra Lisignago. Un riconoscimento che viene assegnato a quelle aziende che nella loro storia hanno dimostrato di sapersi innovare e mantenere saldi i principi di professionalità indipendente, etica, lavorazioni a regola d'arte e rispetto per l'ambiente.

 

Il premio viene consegnato sabato 6 aprile alle 16.30 e la carrozzeria resta aperta per tutta la giornata dalle 10, un'occasione per apprezzare le nuove tecnologie, i sistemi di alta professionalità negli standard produttivi e illustrare il protocollo adottato in materia di lavorazioni a regola d’arte, risparmio energetico, smaltimento di rifiuti, tutela della qualità del lavoro in azienda e dell’ambiente. Un appuntamento a portata di famiglie che prevede anche laboratori didattici e ambientali a bambini e ragazzi dai 5 ai 13 anni

 

 

"All’Autofficina Santoni, per aver scelto coraggiosamente di aggiornare la propria dotazione tecnologica con attrezzatura ancora più all’avanguardia, dimostrando massima sensibilità per la qualità delle produzioni, la tutela dell’ambiente di lavoro e dell’ambiente in cui opera", questa la motivazione di Mio Carrozziere e Federcarrozzieri nell'assegnare il riconoscimento a Santoni. 

La "rivoluzione dei carrozzieri" è iniziata nel 2012, quando alcuni imprenditori hanno deciso di non farsi sottomettere al volere dalle grandi aziende di assicurazioni. Un'associazione che anche in Trentino ha provocato un piccolo grande terremoto visto che nell'arco di due anni ha portato sulle "barricate" già una settantina di carrozzieri che da soli, in provincia, rappresentano un valore di mercato superiore al 60%, tra le più ampie in Italia.

 

La Federcarrozzieri è una associazione in tutto il territorio nazionale e riunisce, senza scopo di lucro, aziende artigiane svincolate da qualunque legame contrattuale con le compagnie assicuratrici e operanti nel settore della riparazione auto. Le aziende aderenti sono oltre 2.700 e si distinguono per indipendenza dalle compagnie assicuratrici e lavorano con tutti i marchi assicuratori, mentre lavoro, preventivi e professionalità restano indipendente.

 

Le aziende aderenti che si distinguono per particolari livelli di certificabilità, di professionalità, di eticità e trasparenza, sono state selezionate in un circuito nazionale sotto il marchio Mio Carrozziere. Oggi si contano in Italia, circa 600 selezionatissime aziende. Il Trentino gode della più alta percentuale di carrozzieri d’eccellenza Mio Carrozziere d’Italia.

 

Questo sabato alla giornata evento sono presenti il sindaco del comune di Cembra Lisignago, Damiano Zanotelli, il presidente della comunità di valle, Simone Santuari, il primo cittadino di Albiano, Erna Pisetta, il sindaco di Segonzano, Pierangelo Villaci, il comandante della stazione forestale, Paolo Zappini, il comandante della polizia locale, Marco De Giovanni e rappresentanze delle amministrazioni e forze di polizia del territorio provinciale.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato