Contenuto sponsorizzato

Scoppia il caldo, in tre giorni persi 27 centimetri di neve sulla Presena e 21 sulla Marmolada. Il geologo: ''Con i temporali occhio a frane e smottamenti''

L'arrivo dell'estate potrebbe portare qualche disagi tra smottamenti e colate, in particolare nel caso di violenti temporali estivi. Mirko Demozzi: "Attenzione quando si prepara un'escursione: si consiglia di scaricare la app del 112 e di avere sempre un kit di primo soccorso"

Di Luca Andreazza - 03 giugno 2019 - 19:11

TRENTO. Splende il sole, sbalzo termico con un deciso segno più. Il risultato? La neve e il ghiaccio in quota iniziano a sciogliersi in maniera rapidissima: le stazioni di MeteoTrentino evidenziano l'assottigliarsi del manto. "A Capanna Presena, quota 2.735 metri, si è passati dai 369 centimetri del 31 maggio ai 342 di oggi - dice Giampaolo Rizzonelli di MeteoTriveneto - quindi al rifugio Grostè da 179 a 145 centimetri e sulla Marmolada a Sass del Mul si va da 271 a 250 centimetri". 

L'arrivo dell'estate potrebbe portare qualche disagi tra smottamenti e colate, in particolare nel caso di violenti temporali estivi. "Non ci sono criticità evidenti, ma il monitoraggio del Servizio geologico della Provincia è costante", queste le parole di Mirko Demozzi, presidente dell'ordine dei geologi, che aggiunge: "Le temperature vanno verso la normalizzazione e si deve prestare attenzione in particolare a quegli eventi atmosferici particolarmente intensi e brevi, cioè i classici temporali estivi".

La neve e il ghiaccio in quota iniziano a sciogliersi, i terreni dopo le piogge primaverili continuano ad assorbire acqua. Un mix che potrebbe causare smottamenti, caduta sassi e colate per un territorio già fragile e provato dalla tempesta Vaia, l'ondata di maltempo dell'ottobre scorso che lascia ancora cicatrici tra alberi schiantati e paesaggi in parte modificati. 

 

"Questa situazione potrebbe influenzare i comportamenti geomorfologici - prosegue il numero uno dei geologi - soprattutto in alta quota, dai 2 mila metri, dove si potrebbero verificare fratture rocciose e cadute. In linea generale è sempre importante prepararsi bene, consultare la Sat, guardare le previsioni meteo e attrezzarsi prima di compiere un'escursione, soprattutto in presenza di una bella giornata magari dopo una di pioggia. E' necessario avere una cartina e un kit di primo soccorso, consigliato anche scaricare sul proprio smartphone la app del 112 per ogni evenienza".

 

Sono in particolare due gli eventi che possono portare a frane, colate e smottamenti vari. Una precipitazione intensa e breve oppure intensa e prolungata. I nubifragi dell'anno scorso hanno lasciato i segni sul territorio. Come a Moena, tre smottamenti a interrompere le principali vie di comunicazione a isolare il paese e l'esondazione del rio Costalunga (Qui articolo), così come i seguenti danni tra la Val di Fassa e Cortina (Qui articolo) e la frana che ha coinvolto la strada forestale in Val Daone (Qui articolo).

 

"Nel primo caso - continua Demozzi - si hanno eventi localizzati e la norma sono frane di sassi, mentre nella seconda casistica si hanno colate e debris flow, che sono anche più difficili da valutare in quanto le inclinazioni e le velocità del movimento possono cambiare nell'arco della giornata stessa". 

 

Questa primavera fredda e abbastanza piovosa potrebbe portare a qualche smottamento. "I crolli di roccia - conclude Demozzi - colate e debris flow sono fenomeni normali. Sono parte dell'evoluzione geomorfologica: sembra statica in quanto la concezione temporale dell'uomo è relativamente bassa, ma tutto è in continua evoluzione. Sono soprattutto la primavera e l'autunno i periodi più difficili per l'indice di piovosità e la conseguente erosione del territorio, già comunque provato e fragile per gli ultimi eventi particolarmente gravosi".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 19:51

Nelle ultime 24 ore sono stati trovati altri 20 positivi, 8 sono le persone sintomatiche e c'è anche un minorenne. Sono 11 i pazienti che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero, nessun si trova in terapia intensiva ma 2 cittadini si trovano in alta intensità

28 settembre - 17:29

Numeri che comunque preoccupano, il Trentino peggior territorio d'Italia nell'ultimo report dell'Iss. Nel pomeriggio in Provincia, i rappresentanti della Giunta hanno convocato la task force per un ulteriore aggiornamento sulle strategie diagnostiche e sulla situazione Covid nelle scuole

28 settembre - 19:06

Tanta paura questa mattina a Treviso per un 20enne caduto nel Sile. Il giovane, però, per fortuna, era sano e salvo. E' stato ritrovato a Bassano del Grappa 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato