Contenuto sponsorizzato

Una mostra per i 70 anni della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo: ''Omaggio ai costruttori di pace''

L'evento visitabile alla biblioteca di Mori. L'esposizione si chiuderà a fine mese ed è composta da 12 pannelli dedicati a donne e uomini che si sono spesi per i diritti umani

Pubblicato il - 08 marzo 2019 - 13:09

TRENTO. Una mostra per raccontare i sogni dei giovani e la pace. È "Radio Memoriae" la mostra allestita nei locali della biblioteca comunale di Mori.

 

Un'esposizione, come dice il titolo completo, di "giovani microfoni" che "raccontano volti di pace e i loro sogni". Afferma Filippo Mura, assessore comunale alla Cultura, istruzione e politiche giovanili: "Tutto nasce da un'idea e dal lavoro del Forum trentino per la pace e i diritti umani e gode anche della promozione della Provincia di Trento, in particolare del Servizio attività culturali e biblioteche. La mostra celebra i 70 anni dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, che cadeva lo scorso dicembre".

 

L'esposizione rimarrà visitabile fino alla fine di marzo; si compone di 12 pannelli che riportano fonti iconografiche e riflessioni di donne e uomini che, nel corso del ventesimo secolo, si sono adoperati per i diritti umani.

 

Spiega sempre Mura: "Abbiamo scelto di approfittare di questo allestimento per proporre alcuni momenti di riflessione ai ragazzi delle scuole elementari: sono previsti l'11 e 12, il 27 e 28 marzo".

 

Gli alunni visiteranno la mostra e saranno guidati dai volontari del Forum trentino per la pace. Durante la visita potranno ascoltare le letture di brani delle e sulle persone il cui pensiero compone la mostra.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

26 novembre - 19:14

La discussione è stata avviata nella Quinta Commissione in Provincia ma il tema era già nato lo scorso anno. Claudio Cia ha presentato un disegno di legge per fare in modo che la scelta del presidente dell'Opera Universitaria ricada in capo solo alla Provincia. Appoggio da parte dell'assessore Bisesti ma è già scontro con le opposizioni  

27 novembre - 08:10

La richiesta arrivata nel 2012 ha permesso ad una società di accedere ai contribuiti di un finanziamento del Fondo europeo di sviluppo regionale. Dovevano essere rispettati dei vincoli ma le indagini della Finanza hanno scoperto che la società non ha mai avuto una sede sul territorio provinciale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato