Contenuto sponsorizzato

Al via 21 progetti di ricerca con Fondazione Caritro che coinvolgono giovani ricercatori e altre 23 iniziative promosse da associazioni culturali

Nella seduta del Consiglio di Gestione di Fondazione Caritro sono state deliberate erogazioni per oltre 1,2 milioni di euro nel settore della ricerca e cultura. Al via i progetti del bando ricerca e sviluppo e del bando post-doc oltre a quelli individuati nel quarto bando per progetti di volontariato culturale

Pubblicato il - 02 November 2020 - 10:48

TRENTO. Nella seduta del Consiglio di Gestione di Fondazione Caritro, tenutasi il 29 ottobre, sono state deliberate erogazioni per oltre 1,2 milioni di euro nel settore della ricerca e cultura. Al via i progetti del bando ricerca e sviluppo e del bando post-doc oltre a quelli individuati nel quarto bando per progetti di volontariato culturale (Qui info).

 

L’obiettivo del “Bando Ricerca e Sviluppo”, promosso congiuntamente con Fondazione Cariverona, è quello di sostenere progetti innovativi di ricerca finalizzati al miglioramento di processi, prodotti o servizi del sistema economico e produttivo.

 

Al bando, pubblicato a febbraio 2020 sono stati presentati 24 progetti da enti e istituti di ricerca provenienti sia dal trentino sia da fuori regione, questi ultimi hanno aderito al bando grazie a una collaborazione con un’azienda trentina. Sono stati accolti 7 progetti per un totale di 542.000 euro. A questi si aggiungono 15 progetti di ricerca sostenuti con risorse della Fondazione Cariverona.

 

Nel complesso, i progetti sostenuti vedono il coinvolgimento attivo in qualità di capofila o come partner di 7 Centri di ricerca e 7 imprese del Trentino. I progetti selezionati hanno proposto soluzioni applicative innovative e sostenibili in diversi campi di attività: diete per il miglioramento della produttività nel campo della piscicoltura, bioenergia di precisione, la diagnosi precoce, monitoraggio e trattamento della sarcopenia, oltre alla terapia complementare per la malattia di parkinson.

 

“I progetti selezionati hanno permesso la collaborazione tra il sistema della ricerca scientifica e il sistema economico e produttivo di un territorio, attraverso il coinvolgimento e la valorizzazione di giovani ricercatori post dottorato.” commenta Mauro Bondi, Presidente di Fondazione Caritro che aggiunge “c’è poi da sottolineare limportanza della partnership con la Fondazione Cariverona e la promozione congiunta del bando”.

 

Attraverso il “Bando Post Doc” per il quale Fondazione Caritro ha stanziato 550.000 euro a sostegno di 14 progetti, su un totale di 34 progetti presentati, si è voluto intervenire nel settore della ricerca scientifica in quanto riveste un ruolo cruciale per la produzione di nuove conoscenze e per metterle a disposizione della società, favorendo lo sviluppo sociale, economico e tecnologico del territorio.

 

Lo scopo è di offrire a giovani ricercatori under 40 in possesso di un dottorato di ricerca, la possibilità di proseguire con la ricerca prevedendo risultati e ricadute per la comunità e la collaborazione con altre realtà di ricerca.

 

Infine sono stati deliberati anche 118.000 euro nel “Quarto bando per progetti di volontariato culturale” per il sostegno di 23 progetti presentati da associazioni culturali del territorio. Questo intervento mira a incentivare la ripartenza dell’offerta del sistema culturale sostenendo progetti di divulgazione culturale sviluppati con logiche di rete da realtà di volontariato, eventualmente prevedendo anche modalità di fruizione a distanza tramite l’uso di tecnologie digitali.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 January - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 January - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

28 January - 08:24

Le ricerche fatte nell'Adige al momento non hanno portato ad alcuna novità. Intanto sono spuntati dei testimoni sul tentativo del figlio di recarsi in un autolavaggio per lavare l'auto ma è stato fermato dai carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato