Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, il concerto di beneficenza è in streaming: “I fondi aiuteranno le persone che hanno perso il lavoro”

Sono i primi ad essere stati danneggiati dal lockdown ma nel giorno di Pasquetta, 12 artisti trentini si esibiranno via streaming per una no-stop con 12 ore di musica: “Abbiamo deciso di unire le forze in questo momento di difficoltà, per dare un contributo musicale e solidale al nostro territorio”

Di Tiziano Grottolo - 12 April 2020 - 11:35

ALTO GARDA. Sono ben sei le associazioni culturali dell’Alto Garda che si sono sedute intorno a un tavolo (virtuale si intende) per trovare un modo per superare questo momento di emergenza. Per certi versi già questa potrebbe essere una notizia, perché non è scontato che sei associazioni diverse si ritrovino assieme per decidere quali iniziative portare avanti. Così Smarmellata, Soná RockAbout, La Busa Consapevole, Il Buco, Rotte Inverse e Six Events hanno pensato a un modo per aggirare la quarantena.

 

Non è un caso che l’idea sia maturata proprio qui dal momento che l’Alto Garda è una delle zone maggiormente colpite dall’epidemia di coronavirus: “Abbiamo deciso di unire le forze in questo momento di difficoltà, per dare un contributo musicale e solidale al nostro territorio”. Ovviamente l’unico modo di aggirare la quarantena, senza creare assembramenti, è quello via web o via radio, per questo l’idea è stata quella di organizzare una serie di eventi online che trasmettano attività culturali e musica dal vivo in streaming che proseguiranno fino alla fine del mese.

 

Ma non finisce qui, accanto al lato dell’intrattenimento ce ne è anche un altro solidale, all’iniziativa lanciata da Smarmellata, di comune accordo, si è deciso di affiancare anche una raccolta fondi che saranno destinati ad aiutare le persone che si trovano in difficoltà, in particolare chi ha perso il lavoro per colpa del coronavirus. Le associazioni intendono interfacciarsi con le amministrazioni locali e gli attori del sociale per individuare le migliori modalità di distribuzione della somma che sarà raccolta nel mese di aprile, oltre alla possibilità di lavorare per creare nuove proposte, come ad esempio buoni spesa e acquisto generi alimentari.

 

“Abbiamo sentito la necessità di ritornare operativi e provare ad offrire un qualche utile intrattenimento dopo oltre un mese di assenza – afferma Marco Penner di Smarmellata – approfittando della visibilità che avranno questi eventi, si avrà la possibilità di aiutare concretamente il nostro territorio”. Mattia Detoni de La Busa Consapevole ha posto l’accento sullo “spirito leggero” ma allo stesso tempo importante dell’iniziativa virtuale “un modo per sollevare il morale alla comunità”, ha aggiunto.

 

Come già anticipato “l’obiettivo è quello di mettere in campo un aiuto concreto e snello ai cittadini più in difficoltà”, per questo sono stati messi a disposizione sia un Iban IT49N0359901899080168516173, dove nella causale dovrà essere specificato “offerta solidale”, che uno spazio sulla piattaforma online GoFundMe. Un’iniziativa che sicuramente coinvolgerà molte persone e resa ancor più preziosa dal grande slancio di altruismo dei volontari di queste associazioni, visto e considerato che sono loro stessi i primi ad aver perso il lavoro: prima del lockdown infatti, la maggior parte dei volontari animava i locali della zona o comunque lavorava nel settore degli eventi. Nonostante le difficoltà hanno deciso di pensare prima agli altri, che di questi tempi non è scontato.

 

“Abbiamo dato un segnale – osserva Samuele Diquigiovanni de Il Buco – le associazioni ci sono e, tramite il digitale, vogliono essere presenti e trasmettere la dedizione per questo territorio, specialmente ora che è così fragile”. Fiducioso anche Daniele Monetti per Rotte Inverse: “Probabilmente, in questo momento di grande incertezza le persone saranno più motivate per necessità di mettere in pratica comportamenti ed iniziative sostenibili”. Ad occuparsi della diffusione del messaggio ci sarà anche l’associazione Sonà con il progetto RockAbout: “Come tutti gli altri ci siamo riconosciuti nel progetto ed abbiamo aderito – conferma Max Bortolameotti – per noi è l’occasione per condividere i nostri progetti musicali e al contempo impegnarci per il sociale”.

 

Il primo appuntamento è previsto per il lunedì di Pasquetta, 13 aprile, 12 ore di musica musica in streaming su Facebook, trasmesso in diretta dalle varie pagine delle associazioni, e su Rockabout Radio. Sabato 18 aprile ci sarà l’evento “C'ho la Scimmia di Cantare”, con gruppo informale Moongoose, dopodiché, venerdì 24 aprile ci sarà un evento culturale interattivo. Gli organizzatori non escludono, per la verità è quasi scontato, che il calendario sarà ampliato, fermo restando la possibilità per altre associazioni di partecipare al programma “perché – ribadiscono – più siamo meglio è”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
21 aprile - 13:23
Accompagnati da Fulvio Flammini del sindacato Sbm, i giovani driver – avanguardia di un'ottantina di autisti - hanno tratteggiato ai consiglieri [...]
Cronaca
21 aprile - 11:30
Derek Chauvin, l'ex poliziotto che il 25 maggio dello scorso anno a Minneapolis ha ucciso George Floyd rimanendo con il ginocchio premuto sul [...]
Ambiente
20 aprile - 11:10
Si sono incamminati lungo la Karlspromenade il 17 aprile con i sacchi di spazzatura alla mano, raccogliendo 130 chili di rifiuti in una giornata di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato