Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, un'illustrazione in cambio di un aiuto concreto per il reparto di terapia intesiva di Trento, ecco l'iniziativa di FaPunte

Il collettivo di illustratrici e illustratori trentini FaPunte ha aperto una raccolta fondi la cui somma sarà interamente devoluta al reparto di terapia intensiva dell'ospedale Santa Chiara di Trento

Pubblicato il - 20 marzo 2020 - 16:59

TRENTO. L'emergenza è grande ma solidarietà e la voglia di dare un aiuto concreto non si arrestano. A prova di questo la raccolta fondi partita ieri e promossa da FaPunte, collettivo trentino di illustratrici e illustratori nato nel 2019, in favore del Reparto di Terapia Intensiva dell'ospedale Santa Chiara di Trento.

 

I componenti del collettivo hanno deciso di mettere in vendita le stampe delle loro illustrazioni (che si possono trovare QUI) il cui ricavo sarà interamente donato appunto a quel reparto ospedaliero che in questa grande emergenza è messo a dura prova, ogni giorno più in necessità di nuovi posti letto, strumenti e risorse. 

 

Tutte le stampe sono di formato A4 e vengono vendute al prezzo di 25 euro l’una (spese di spedizione comprese).

 

Potete acquistare una o più stampe delle illustrazioni realizzate dai membri del collettivo scegliendo tra quelle caricate sulla sua pagina facebook, e successivamente scrivendo una mail a fapunte.trento@gmail.com.

 

La raccolta fondi è iniziata solo ieri (e si concluderà il 3 aprile) ma sono già tantissime le persone che hanno deciso di prenderne parte, consapevoli di quanto un semplice gesto come questo possa fare. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 11:55

Il manifestarsi dei sintomi da Covid-19 nella famiglia di Nicola Canestrini ha portato l'avvocato a denunciare una situazione di disorganizzazione dell'Azienda sanitaria. Da giorni, infatti, le richieste di fare un tampone finiscono nel nulla, visto anche che a Rovereto non è possibile effettuarli a pagamento. "Disorganizzazione a marzo comprensibile, ora non più''

23 ottobre - 12:35

Sono numerosi gli utenti che stanno riscontrando problemi a navigare su internet e il blocco totale delle chiamate 

23 ottobre - 11:18

Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 10% perché i test eseguiti sono stati oltre 2.800. Dato in linea con quello rilevato ieri nel vicino Trentino dove, però, si contano molti più morti (dalla seconda ondata sono già 18 contro i 3 di Bolzano)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato