Contenuto sponsorizzato

"Dal tabiél al tablet": al via un ciclo di incontri per insegnare ai più anziani il corretto utilizzo della tecnologia

Il Servizio welfare e coesione sociale del Comune di Trento lancia un'iniziativa dal simpatico nome per insegnare ai più anziani il corretto utilizzo della tecnologia. Comunicare con amici e parenti, consultare il conto in banca o i responsi medici e "surfare" sul web alla ricerca di ricette e così via sono alcune delle abilità che verranno trasmesse

Pubblicato il - 31 dicembre 2020 - 10:12

TRENTO. “Dal tabiél al tablét”. È questo il nome del ciclo di incontri organizzato dal servizio welfare e coesione sociale del Comune di Trento con l'obiettivo di insegnare agli anziani l'utilizzo della tecnologia. In un periodo di divieti e restrizioni, a soffrire maggiormente la solitudine, infatti, ci sono anche loro.

 

La paura di ammalarsi e le raccomandazioni a evitare i contatti, anche con i familiari più stretti, spinge a rintanarsi in casa. E così, per mantenere i contatti diventa necessario collegarsi con i dispositivi digitali. Ma se per i figli e i nipoti l'utilizzo di questi risulta più “naturale”, per chi non è abituato all'utilizzo della tecnologia potrebbe rivelarsi un ulteriore scoglio.

 

Il Comune di Trento ha così deciso di mettere a disposizione un ciclo di incontri dal nome azzeccato e simpatico: “Dal tabiél al tablet”. Con un gioco di parole dialettale, si lancia un programma utile a ridurre lo spazio di isolamento e di emarginazione sociale, aiutando i più anziani a mantenere aperti i canali di comunicazione col mondo esterno.

 

Alessandro Fronza e Antonia Banal (a cui bisogna inviare la domanda nel caso in cui ci si voglia iscrivere) insegneranno ai partecipanti a fare le videochiamate, a cercare su youtube i video delle ricette da cucinare in autonomia e a svolgere determinate operazioni come consultare i responsi medici o il proprio conto in banca.

 

Le generazioni meno “digitalizzate” possono così avvicinarsi a un mondo che appare loro molto più complicato di quanto non sia. L'iniziativa si rivolge ad un'utenza dai 60 anni in su e comprende 5 incontri online organizzati a partire da lunedì 11 gennaio 2021. Durante questi incontri, giovani volontari e tirocinanti aiuteranno i nonni a diventare più indipendenti, insegnando loro a utilizzare la tecnologia per scopi comunicativi, di intrattenimento e di prima necessità.

 

Per ogni incontro verrà utilizzato un diverso link a cui collegarsi. Una maniera, questa, per cominciare ad affrontare gli ostacoli che portano all'utilizzo corretto e funzionale dei dispositivi digitali.

 

Per chi volesse maggiori informazioni, le può trovare a questo link.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 19:33

Sono 256 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 3 decessi. Sono 13 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

25 gennaio - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

25 gennaio - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato