Contenuto sponsorizzato

Itas attiva misure straordinarie a supporto dell'emergenza Coronavirus

Tra le principali misure a favore dei soci assicurati vengono prorogati a 60 giorni con effetto immediato i periodi di comporto per le polizze Rami Elementari e Vita mentre per la rete distributiva viene stanziato un primo budget straordinario di 2 milioni di euro (sotto forma di anticipo provvigionale) per garantire da subito un aiuto concreto agli intermediari che dovessero incorrere in difficoltà economica

Pubblicato il - 14 marzo 2020 - 20:30

TRENTO"In questo periodo di emergenza nazionale – spiega Raffaele Agrusti, amministratore delegato di Itas – siamo chiamati ad essere ancora più sensibili alle esigenze dei nostri soci assicurati. Per questo Itas si è organizzata al meglio per garantire non solo l’operatività del suo servizio assicurativo, ma anche la sicurezza e la tutela di tutte le persone che lavorano per e nella Compagnia".

 

La Mutua più antica d’Italia si è già organizzata per far fronte in modo efficace all’emergenza coronavirus e continua a garantire ai propri soci assicurati il miglior servizio possibile.

 

Tra le principali misure a favore dei soci assicurati vengono prorogati a 60 giorni con effetto immediato i periodi di comporto per le polizze Rami Elementari e Vita mentre per la rete distributiva viene stanziato un primo budget straordinario di 2 milioni di euro (sotto forma di anticipo provvigionale) per garantire da subito un aiuto concreto agli intermediari che dovessero incorrere in difficoltà economica.

 

Grazie a quest’ultima particolare iniziativa, anche i professionisti che lavorano per la Compagnia saranno maggiormente tutelati e in grado di affrontare con sicurezza e fiducia il difficile momento.

 

Anche l’operatività della Compagnia viene salvaguardata sotto tutti i punti di vista. Le agenzie del territorio hanno già a disposizione diversi strumenti che permettono di proseguire l’attività anche in maniera virtualizzata, come il servizio Pagolink, che permette il pagamento online dei premi in scadenza o la firma digitale, che consente di firmare il contratto assicurativo attraverso il telefono cellulare personale del socio assicurato.

 

I soci assicurati, inoltre, possono accedere alla loro Area Riservata sul sito del Gruppo (Qui info) dove è possibile rinnovare i contratti assicurativi e recuperare tutta la documentazione personale (compresa quella utile ai fini della dichiarazione dei redditi).

 

L’attività straordinaria di Itas è rivolta naturalmente anche ai dipendenti: per loro è prevista la possibilità di lavorare tramite smart working riducendo così i rischi personali, ma garantendo l’attività operativa finalizzata al miglior supporto per la rete agenziale e per il socio assicurato.

 

Per i colleghi chiamati a presidiare attività non replicabili da remoto, inoltre, sono state predisposte aree di lavoro che tengono conto delle misure di sicurezza adottate dal Governo, con particolari interventi di igienizzazione e garanzia di distanza tra le persone.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 05:01

Sono arrivati nel bel mezzo della pandemia, quando gli ospedali cercavano disperatamente personale, ma i loro contratti durano solo pochi mesi: “Crediamo di aver dato tanto e ci aspettavamo un trattamento diverso, ora ho deciso di guardare altrove”. Così Apss perde i professionisti della prima linea contro il Covid

23 ottobre - 20:04

Da oggi si è deciso che per far finire in isolamento una classe non basta più solo un bambino ma ne servono due (alle superiori resta uno). A livello di contagio i positivi di oggi sono 207. Di questi oltre 110 sono a Trento e Pergine. Dati importanti anche per Rovereto, Levico Terme e Civezzano. Sono 48 i comuni dove si contano nuovi contagiati

23 ottobre - 17:54

Curioso caso nella mattina di venerdì 23 ottobre. Trento sud è stata interessata da un forte odore di gas, con diverse segnalazioni arrivate a Novareti e ai vigili del fuoco. Nell'aria in realtà si era disperso il prodotto odorizzante, utilizzato per dare il caratteristico sentore al metano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato