Contenuto sponsorizzato

Fondazione Caritro riconferma l’impegno per il territorio: anche per il 2021 più di 7 milioni di euro

L'ente di via Calepina ha stanziato in forma straordinaria 3,6 milioni di euro per una serie di attività volte a fronteggiare l’emergenza e per facilitare la ripartenza a seguito della pandemia causata da Covid-19, di cui si parlerà in un evento ad hoc che si terrà entro la fine dell’anno in corso e che permetterà di raccontare, direttamente dalla voce di protagonisti, i molti progetti sostenuti dall’inizio della pandemia

Foto di Pietro Tebaldi
Pubblicato il - 03 novembre 2020 - 20:48

TRENTO. Nel corso del 2020 l’andamento del patrimonio di Fondazione Caritro ha permesso al Consiglio di gestione di cogliere delle opportunità di mercato, introducendo nuovi impieghi coerenti con la policy che prevede: una rigorosa diversificazione degli investimenti, un equilibrio tra investimenti liquidi ed illiquidi e un’attività di derisking volta ad accantonare prudenzialmente alcune operazioni, principalmente immobiliari, ad alto rischio.

 

L'ente di via Calepina ha stanziato in forma straordinaria 3,6 milioni di euro per una serie di attività volte a fronteggiare l’emergenza e per facilitare la ripartenza a seguito della pandemia causata da Covid-19, di cui si parlerà in un evento ad hoc che si terrà entro la fine dell’anno in corso e che permetterà di raccontare, direttamente dalla voce di protagonisti, i molti progetti sostenuti dall’inizio della pandemia.

 

"La parola d’ordine è resilienza - commenta Elena Tonezzer, presidente del Comitato di Indirizzo di Fondazione Caritro – riteniamo fondamentale mettere a disposizione del territorio risorse e competenze e farlo con rapidità. In pochi mesi il Consiglio di Gestione ha rimodulato le attività, e, d’intesa con il Comitato di Indirizzo, incrementato le risorse del piano 2020 che ha raggiunto i 9 milioni di euro. Ciò che ci rende particolarmente fieri è stata la partecipazione di oltre 20 partner del territorio che hanno supportato – al nostro fianco - la realizzazione delle iniziative anti-covid”.

 

Fondazione Caritro stanzia 7 milioni e 100 mila euro per il piano attività 2021, nell’ambito di un piano triennale 2021-2023 che prevede uno stanziamento complessivo di 21 milioni e 600 mila euro, riconfermando così il suo impegno per il territorio, che rimane sostanzialmente invariato nonostante la crisi economica in corso.

 

Gli interventi programmati per il 2021 confermano gli stanziamenti nelle quattro aree istituzionali: la “Ricerca scientifica e tecnologica” pesa il 41,48% con 2.945.000 euro, il “Volontariato, filantropia e beneficienza” per 16,62% e 1.180.000 euro deliberati, l’area “Educazione, istruzione e formazione” per il 16,20% con 1.150.000 euro. Attenzione viene dedicata poi l’”Arte, attività e beni culturali” per un totale di 1.825.000 euro.

 

“Le parole chiave del 2021 sono molte– commenta Mauro Bondi, presidente di Fondazione Caritro – innovazione didattica, digitalizzazione e sviluppo di comunità, welfare generativo ma anche open innovation e logiche di rete. Il piano del 2021 aiuterà il territorio a reagire a questa tremenda pandemia, valorizzando le nostre peculiarità e permettendo delle sperimentazioni, così come è stato fatto durante quest’anno di transizione”.

 

L’impegno di Fondazione Caritro prosegue quindi nel 2021 per restare al passo con i tempi costruendo nuove comunità trasversali, in particolare ponendo l’accento sulla ricerca, sostenendo percorsi di eccellenza, rafforzando le collaborazioni tra mondo della ricerca e sistema produttivo anche con la collaborazione delle Fondazioni di origine bancaria del triveneto.

 

Centrale anche il tema della formazione e dell’educazione, con il sostegno di opportunità formative rivolte ai giovani. A tal proposito nel sono stati molti i progetti studiati per le nuove generazioni, colpite particolarmente in questo momento storico, tra questi il progetto “Green Jobs”, che ha portato alla luce idee di studenti del quarto anno della scuola secondaria superiore dal grande impatto ecologico. Inoltre, in occasione della 96° Giornata del Risparmio è stato creato un percorso formativo legato ai temi del risparmio; il tour -interamente online - ha un duplice pubblico, si rivolge infatti ai più piccoli (6-10 anni) e ai più grandi (11-16 anni) con contenuti e modalità differenti.

 

Nel settore della cultura proseguiranno gli interventi tenendo conto delle restrizioni introdotte dalla pandemia, con un forte accento sulla digitalizzazione e sulle opportunità europee. A tal proposito, la giornata “Invito a Palazzo”, a cui aderiscono gli istituti di credito e le Fondazioni di origine Bancaria, è stata resa virtuale: direttamente accedendo dalla home page di Fondazione Caritro è possibile visitare i palazzi oltre una selezione di opere d’arte, che sono state anche “animate” per l’occasione.

 

Nel settore del volontariato sociale sono confermati i budget per le iniziative locali – contraddistinte dal marchio Welfare a Km Zero- e le iniziative di carattere nazionale come il Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile che in 6 anni mette a disposizione risorse per 720 milioni di euro e a cui il territorio ha già avuto modo di accedere, oltre al supporto alla Fondazione con il Sud.

 

“Ogni anno il nostro ente sostiene circa 200 progetti, intendiamo quindi promuovere la diffusione delle iniziative, oltre alla concreta realizzazione. L'idea di questo format è quindi di veicolare messaggi importanti, promuovendo le sperimentazioni sostenute dalla nostra realtà", conclude Filippo Manfredi, direttore generale di Fondazione Caritro. Dalla prima settimana di novembre è in onda il programma televisivo “IN+CON+TRA”, che narra alcuni dei progetti realizzati con il sostegno di Fondazione Caritro anche grazie all’intervento di ospiti di rilievo nazionale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no

22 gennaio - 10:25

Il personale vaccinato è di 82 unità su 95 (86%) tra operatori sanitari e assistenziali. Da questa settimana riprendono le visite con le solite regole, per gli ospiti che possono riceverle

21 gennaio - 20:07

Il governo di piazza Dante intanto intende proseguire nell'attuazione della legge. Tonina: "Il ricorso del governo non impedisce agli uffici provinciale di avviare il percorso preparatorio alle gare in attuazione della legge". La Uil critica il metodo: "Altro impasse. Come per la A22 la Giunta Fugatti pare si incaponisca nella difesa degli azionisti privati. Affrontare la questione con serietà per il futuro del Trentino"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato