Contenuto sponsorizzato

Turismo, l'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi pronta alle sfide del 2021: ''Ripartiamo dalle basi tra storia e qualità''

Dalle relazioni di presidente e direttrice è emersa chiara la volontà di mantenere dritta la barra e di continuare a navigare seguendo le rotte tracciate negli ultimi anni. Il rilancio dovrà cioè fondarsi sulla valorizzazione delle peculiarità e dei punti di forza che il territorio e i suoi operatori hanno saputo mettere in campo negli ultimi anni, magari affinando le strategie, ma senza stravolgere in alcun modo i capisaldi dell'offerta

Foto Archivio Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi (M. Miori)
Pubblicato il - 23 dicembre 2020 - 20:51

TRENTO. Un anno durissimo ma l'Azienda per il turismo Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi è pronta a ripartire e rilanciare la sfida per il 2021. Questo quanto emerge dall'assemblea dei soci: un momento per analizzare gli impatti dell'emergenza Covid-19 e pianificare i prossimi 12 mesi.

 

Il tema chiave della strategia da adottare per rilanciare l’economia turistica locale dopo le grandi difficoltà che ancora insistono sul territorio e che comportano inevitabili ripercussioni anche sull'anno prossimo. Una sfida molto impegnativa e di enorme responsabilità, da affrontare in un periodo particolare, in cui il sistema trentino della promozione si sta adattando alla riorganizzazione dettata dalla nuova Legge provinciale, che ha ridefinito competenze e modalità di gestione delle risorse.

 

Dalle relazioni di presidente e direttrice è emersa chiara la volontà di mantenere dritta la barra e di continuare a navigare seguendo le rotte tracciate negli ultimi anni. Il rilancio dovrà cioè fondarsi sulla valorizzazione delle peculiarità e dei punti di forza che il territorio e i suoi operatori hanno saputo mettere in campo negli ultimi anni, magari affinando le strategie, ma senza stravolgere in alcun modo i capisaldi dell'offerta, che si legano a doppia mandata alla storia e alla qualità dell'ambiente e alle eccellenze enogastronomiche di Trento, del Monte Bondone e della Valle dei Laghi. L'emergenza Covid-19, insomma, può diventare uno stimolo a fare ancora di più e meglio, senza perdere le radici.

 

Nel Piano operativo per il 2021 sono quindi presenti tutte le attività di promo-commercializzazione portate avanti negli ultimi anni, nuove strategie per sfruttare in maniera sempre più efficiente il web e i canali social, per intercettare nuove risorse private, dato che ora è richiesta una quota del 51%, nonché per lavorare in sinergia con i protagonisti del territorio e delle istituzioni che si occupano di turismo, in linea con lo spirito della riforma del settore.

 

Nel corso della teleconferenza hanno preso la parola anche l'assessore provinciale al turismo, Roberto Failoni, che ha riconosciuto all'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi di essersi mossa con tempestività nel solco della nuova legge, anche perché le risorse private sono comunque predominanti da alcuni anni, mentre il sindaco di Trento, Franco Ianeselli, in conclusione del proprio discorso ha lanciato un messaggio positivo e di vicinanza a tutti gli operatori della città, sicuro che l'ambito saprà ripartire con ancora più forza.

 

Il presidente, Franco Aldo Bertagnolli, nel suo intervento è partito, inevitabilmente, dall'impatto brutale che il Covid-19 ha esercitato sulle nostre vite e sulle nostre attività. "Oltre ai gravi problemi sanitari - ha affermato - il virus ha messo in crisi l'intera economia. Sono scomparsi temporaneamente interi settori, come quelli che si occupano di viaggi, turismo, ristorazione, e moltissimi altri collegati alla filiera turistica. Dopo il primo lockdown, a fatica, molte aziende si erano riprese, ma dopo questa seconda ondata c‘è la possibilità che tante imprese non riaprano più i battenti. Stiamo dunque vivendo un momento di metamorfosi del nostro sistema economico".

 

Un concetto, questo, sul quale si basa anche l'attività di programmazione dell'Azienda per il turismo Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi. "Tutto è illustrato nel piano operativo 2021 - ha aggiunto Bertagnolli - il risultato di un lavoro di squadra compiuto da tutta la nostra azienda, dai soci ai membri del consiglio di amministrazione, dalla direzione allo staff, che vorrei ringraziare per il prezioso lavoro svolto. In futuro dovrà essere sempre di più la domanda che orienta le nostre azioni, in modo da permettere alla nostra offerta turistica di essere sempre più efficace cogliendo le sfide di un mercato in trasformazione. Ci piace immaginare il nostro piano operativo come un punto di appoggio dal quale trarrà una spinta decisiva l’intero comparto turistico locale. Non contiene ricette miracolose, ma organizza in maniera sistematica tutte le attività dell'Apt. Ripartire dai nostri punti di forza, interpretando lo spirito dei tempi duri è la mission che ci guida".

 

La direttrice Elda Verones è invece partita da una metafora, quella del podista che deve allenarsi per affrontare una corsa molto dura. "Se penso ad un’immagine che può riassumere questi ultimi mesi di lavoro della nostra azienda - ha spiegato - mi viene in mente quella di un’atleta, impegnato in una gara faticosa, che deve fare appello a tutte le energie e a tutta la sua esperienza per arrivare a tagliare il traguardo. A volte abbiamo dovuto correre da velocisti, poiché servivano rapidità e potenza per raggiungere l’obiettivo, altre da ostacolisti, superando una fatica dopo l’altra per portare a termine con successo un grande evento, in altre situazioni ci è parso di affrontare una gara a staffetta, operando in stretta collaborazione con altre realtà. Vista nel suo complesso si tratta probabilmente di una maratona, perché ci servono sempre la tecnica, l'allenamento, la testa, la convinzione, per saper gestire la crisi".

 

Una sfida che si traduce nella capacità di investire nel territorio le risorse per adattarsi alla situazione che si è creata. "Quando la pandemia ci ha impedito di allestire il Mercatino di Natale, per fare un esempio, la prima reazione è stata di sconforto, ma poi abbiamo reagito, creando una vetrina dei prodotti sul web. Stesso discorso per la chiusura degli impianti da risalita - ha concluso Verones - una sfida alla quale abbiamo risposto promuovendo attività alternative sulla neve come le passeggiate con le ciaspole, la fat bike, lo sci da fondo, le camminate anche in notturna, i corsi di sci alpinismo, l’osservazione degli astri, ma anche i laboratori creativi con le piante aromatiche. Mi è piaciuta la reazione di tutta la nostra squadra, essa ha dimostrato resilienza e si è impegnata per ottenere un risultato diverso. Da qui dobbiamo ripartire, rilanciando nel contempo tutti i nostri grandi eventi che sono stati cancellati nel 2020, pronti ad adattarci alla situazione sanitaria che si potrà creare di volta in volta. La parola chiave che ci guida è flessibilità".

 

In chiusura di Assemblea è stato esposto il budget di previsione economico con un totale di ricavi e costi previsti a pareggio di 3.189.000 euro. Infine si sono svolte le votazioni del Piano Operativo e del budget di previsione economico 2021, delle quote annuali di compartecipazione dei soci che sono stati approvati all’unanimità.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 luglio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
01 agosto - 06:01
Dalle dimensioni del luogo (non è facile far emergere gli annunciati 26 ettari) alla questione sicurezza (è uno spazio con una sola via di [...]
Cronaca
31 luglio - 20:07
Nelle ultime 24 ore si sono registrati 34 nuovi positivi in tutto il Trentino e due nuovi ricoveri. Salgono, così, a 8 le ospedalizzazioni con due [...]
Cronaca
31 luglio - 18:26
Da marzo sono stati registrati 157 decessi per Covid, mentre a luglio sono 17 i pazienti ricoverati negli ospedali trentini. L'importanza dei [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato