Contenuto sponsorizzato

La solidarietà lontana incontra quella vicina: prodotti equo-solidali e borse riciclate per aiutare le persone più fragili

Apre a Pergine un nuovo negozio Mandacarù che, per la nuova bottega, punta sul sostegno di e a Aurora, cooperativa sociale impegnata in percorsi di inserimento lavorativo per persone in difficoltà. Nel punto vendita non si troveranno, quindi, solo i tradizionali prodotti del commercio equo-solidale provenienti da Africa, Asia e America Latina, ma anche borse e accessori realizzati a mano, all'interno dei progetti della cooperativa, utilizzando scarti e materiali riciclati

Pubblicato il - 18 giugno 2020 - 17:44

PERGINE. Aiutare chi è lontano aiutando chi è vicino: è questo lo spirito che anima la nascita del nuovo negozio Mandacarù e Aurora in centro a Pergine. Le due cooperative trentine si sono infatti unite per promuovere la solidarietà lontana e vicina: acquistando prodotti da chi vive in Paesi lontani e ha difficoltà ad entrare nel mercato internazionale e, contemporaneamente,  dando una mano a chi abita vicino e fa fatica ad inserirsi nel mondo del lavoro.

 

Mandacarù, con 3.000 soci e 14 punti vendita in regione, da sempre si occupa di commercio equo e solidale mentre la cooperativa sociale Aurora, con 250 dipendenti, è attiva nella ricerca e creazione di percorsi di inserimento lavorativo per persone fragili. Il progetto, che affianca solidarietà e sostenibilità ambientale, è un esempio concreto di co-working e di sinergie che funzionano. 

 

Nel negozio Mandacarù di piazza Municipio a Pergine non si troveranno quindi solamente i tradizionali prodotti del commercio equo-solidale provenienti da Africa, Asia e America Latina, ma anche borse accessori realizzati a mano, all'interno dei progetti della cooperativa Aurora, utilizzando scarti e materiali riciclati.

 



 

Non solo: nel laboratorio, all’interno della bottega, sarà possibile ottenere riparazioni sartoriali e recuperare vecchi accessori, grazie ad una comune logica di fondo che valorizza il recupero piuttosto che l’usa e getta.

 

"Grazie alla collaborazione con Aurora - spiega Fausto Zendron, presidente di Mandacarù - abbiamo la possibilità di dare alla nostra azione una ricaduta positiva anche a livello locale, offrendo alla comunità nel centro del paese un nuovo servizio integrato. Tutto ciò grazie all’impegno quotidiano dei nostri soci volontari ai quali va un sentito ringraziamento".

 

"L'accordo con Mandacarù - aggiunge Nicoletta Molinari di Aurora - ci ha permesso di valorizzare maggiormente una risposta innovativa e creativa ai bisogni occupazionali del nostro territorio, convinti come siamo che i risultati migliori si ottengano attraverso la cooperazione tra soggetti diversi, ognuno portatore della sua unicità. E noi lo facciamo attraverso percorsi individualizzati di crescita personale e professionale, che permettano a ciascuno di sperimentare le proprie risorse, per arrivare ad un'integrazione con la propria realtà di riferimento, e al raggiungimento di un ruolo attivo nella propria vita e comunità".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 giugno - 19:10
Vertice tra Provincia, Upipa e Spes per l’analisi delle richieste che sono arrivate dal mondo delle case di riposo. L'assessora Stefania [...]
Cronaca
18 giugno - 18:58
Il sindacato dei giornalisti del Trentino Alto Adige incassa una vittoria (''parziale'') sul fronte della condotta antisindacale da parte della [...]
Cronaca
18 giugno - 16:15
Lo ha annunciato il ministero per la Salute prolungando anche le misure di ingresso da India Bangladesh e Sri Lanka
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato