Contenuto sponsorizzato

Mercatino di Natale di Trento: ''Oltre 1 milione e mezzo di visitatori. Turisti da Germania e Israele, Russia, Giappone, Stati Uniti e Francia''

I questionari raccolti tra espositori e visitatori testimoniamo anche un gradimento degli espositori. Tra i dati interessanti la spesa media: il 48% degli intervistati dichiara di aver speso un massimo di 30 euro, il 32% dice invece fino a 60 euro, il 12% fino a 100 euro e il restate 8% sopra i 100 euro

Foto di Daniele Mosna
Di Luca Andreazza - 08 gennaio 2020 - 13:31

TRENTO. "Il Mercatino di Natale di Trento è cresciuto molto negli anni, una grande vetrina per l’enogastronomia, l’artigianato e il commercio locale". Così Franco Aldo Bertagnolli, presidente dell'Azienda per il turismo Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, che aggiunge: "Un successo frutto di un lavoro appassionato. In futuro ci impegneremo ancora di più per migliorare ulteriormente, valutare nuove iniziative, mantenere inalterato il fascino e le caratteristiche uniche di questo evento. Ci siamo impegnati molto per promuovere la kermesse anche oltre i confini nazionali: la direzione è quella giusta".

 

E' tempo di bilancio per il Mercatino di Natale del capoluogo. Una kermesse di 44 giorni tra piazza Fiera e piazza Battisti. "Un'edizione molto positiva - commenta Elda Verones, direttrice dell'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi - che si conferma in linea con i numeri registrati l'anno scorso. Grandi apprezzamenti e visitatori piacevolmente colpiti dall'atmosfera dell'evento. Gli operatori hanno realizzato buoni affari, ma anche per il comparto ricettivo, la rete museale e culturale. L'affluenza ha superato il 1 milione e mezzo: dati che sono stati quantificati attraverso il sistema di monitoraggio ai varchi d'ingresso".  

 

Un Mercatino che è arrivato all'inaugurazione con la spada di Damocle dei ricorsi. "Abbiamo sudato le proverbiali sette camice - dice l'assessore Roberto Stanchina - qualcuno forse voleva la testa mia e della direttrice ma siamo ancora qui. Non è stato facile, ma tutto è stato portato avanti nel migliore dei modi. Ringraziamo gli espositori che hanno creduto sempre nell'evento e hanno lavorato con impegno e serietà. Questa manifestazione è importante per l'indotto, Il Dna di Trento contiene i grandi eventi e senza Mercatino la città perderebbe una fetta importante della proposta turistica, imprenditoriale e sviluppo economico, anche per il commercio in sede fissa. Importante anche la gestione degli orari e le due serate prolungate, una rete di collaborazione e un sistema davvero prezioso". 

 

La proposta del Mercatino di Natale ha visto quest'anno la partecipazione di 93 casette, 38 delle quali di artigianato locale, 32 di prodotti tipici e 23 unità per l'enogastronomia. "L'originalità e la tradizione - prosegue Verones - innovazione, eccellenza e attrattività sono le parole chiave. Questo evento è un'attività commerciale di un'iniziativa privata e viene separata dalla parte istituzionale. Tutto quello che incassiamo viene investito in azioni legate a questo prodotto: il bilancio è di circa 550 mila euro".


(Foto di Daniele Mosna)

Un evento che non ha risentito del maltempo iniziale. "I giorni di bel tempo durante le festività natalizie - evidenzia la direttrice - hanno permesso di compensare un'affluenza più contenuta registrata durante le prime settimane di apertura. Tanti i turisti provenienti da tutta Italia e da ben 54 Paesi in tutto il mondo come Germania e Israele, Russia, Giappone, Stati Uniti e Francia".

 

L'impegno nelle attività di marketing e comunicazione messe in campo dall'Azienda per il turismo del capoluogo si è tradotto in numerose azioni offline e online. "Un ruolo centrale a livello promozionale e strategico hanno giocato i social medica - continua Verones - Facebook e Instagram hanno totalizzato oltre 9 milioni di visualizzazioni tra l'1 ottobre e il 6 gennaio, senza dimenticare l'altissimo livello di interazione". 

 

(Video di Busacca Produzioni)

 

Capitolo stampa, televisioni e radio. "La stima è di 14 milioni di telespettatori a livello nazionale e internazionale - spiega Verones - mentre i radioascoltatori sono stati 12 milioni. Gli articoli sono stati 351 per un +9% rispetto all'anno scorso e tutti i maggiori quotidiani si sono interessati del Mercatino di Natale. Le uscite rendicontate dall'Eco della stampa indicano un potenziale di quasi 63 milioni di visualizzazioni (+16% rispetto al 2018/19) per un valore economico di 1 milione e mezzo di euro".

 

Una kermesse che punta sempre di più sul green. "Numerose le iniziative - prosegue la direttrice - come l'energia elettrica interamente prodotta fonte rinnovabile con Dolomiti Energia. Il 63% arriva a Trento in auto e l'8% in bus, ma l'utilizzo del treno cresce del +9%. La proiezione dei dati nelle strutture ricettive quantifica 175 mila presenze sul territorio dell'ambito con un +5% rispetto al 2018/19. In crescita anche gli stranieri del +3%, mentre gli arrivi sono aumentati del +10%".

(Video di Busacca Produzioni)

 

I questionari raccolti tra espositori e visitatori testimoniamo anche un gradimento degli espositori. Tra i dati interessanti la spesa media: il 48% degli intervistati dichiara di aver speso un massimo di 30 euro, il 32% dice invece fino a 60 euro, il 12% fino a 100 euro e il restate 8% sopra i 100 euro. In aumento anche le persone che scelgono di fermarsi a Trento per la notte rispetto all'escursionista di giornata. Il 62% poi ha visitato i musei, mentre il 28% è andato anche in montagna

"La valutazione complessiva del comitato organizzatore è al top - dice la direttrice - ma a breve prevediamo incontri e riunioni per migliorare ulteriormente la proposta. Tra le novità, il riconoscimento alle casette più belle ma in generale ringraziamo tutti gli espositori e operatori per la grandissima disponibilità. La motivazione per migliorare è comunque massima e non ci fermiamo".

 

A ricevere il riconoscimento per gli allestimenti sono stati Berry House, Frati Embriaghi, Lusernarhof, Gocce d'Oro apicoltura e giardino d'erbe, MaGu, Cioccolatiamo, Distilleria Federizzi, La casetta del tè, Cantina sociale Trento e Le Petit Bijoux. "Il risultato eccellente è frutto della preziosa sinergia con tutti gli operatori, il Comune, Trentino Marketing, il commissariato di governo, la questura, la polizia locale e tutte le aziende di servizio, ma anche della commissione valutatrice che punta sulla qualità", conclude Verones.


(Foto di Romano Magrone)

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
24 ottobre - 09:54
Sono circa 14 mila gli addetti necessari a questo settore tra strutture ricettive e della ristorazione. Gianni Battaiola (presidente di Asat): [...]
Cronaca
24 ottobre - 09:05
Dopo alcune segnalazioni dei cittadini gli agenti della polizia di Bressanone sono intervenuti e i tre, alla vista della 'Pantera' hanno tentato di [...]
Cronaca
24 ottobre - 06:01
Gli Ordini dei medici e delle professioni infermieristiche lamentano, con preoccupazione, una certa lentezza nell'applicare le disposizioni di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato