Contenuto sponsorizzato

Oltre 7 mila ore/uomo e 393 uscite in 5 anni, il bilancio dei vigili del fuoco di Vermiglio che ha rinnovato le cariche

Un momento per tracciare un bilancio, ma anche per la popolazione di ringraziare il proprio corpo dei pompieri e per guardare al futuro, in particolare in questa difficile fase caratterizzata dall'epidemia coronavirus, senza dimenticare gli effetti della tempesta Vaia. Un'occasione anche per consegnare una targa di ringraziamento alla sindaca Anna Panizza e all'ispettore Ivano Ceschi

Pubblicato il - 05 agosto 2020 - 15:37

VERMIGLIO. Oltre 7 mila ore/uomo e 393 uscite, 52 attività con l'altoparlante per l'emergenza Covid-19 e 79 esercitazioni. Questi i numeri dei 5 anni dei vigili del fuoco di Vermiglio che si sono riuniti in assemblea per il rinnovo delle cariche. 

 

Un momento per tracciare un bilancio, ma anche per la popolazione di ringraziare il proprio corpo dei pompieri e per guardare al futuro, in particolare in questa difficile fase caratterizzata dall'epidemia coronavirus (Qui il periodo di lockdown dei pompieri), senza dimenticare gli effetti della tempesta Vaia. Un'occasione anche per consegnare una targa di ringraziamento alla sindaca Anna Panizza e all'ispettore Ivano Ceschi per la collaborazione e il sostegno garantito in questi anni. 

 

In totale sono stati 52 interventi per incidenti stradali, 9 per ricerca e soccorso persona, 61 per supporti elicottero e trasporto equipe medica, 42 chiamate per spegnere incendi, 4 fughe di gas, 14 attività di taglio piante e 51 presenze per di vigilanza alle manifestazione. "Sono stati 5 anni particolarmente intensi - commenta Louis Daldoss, comandante dei vigili del fuoco di Vermiglio - nei quali abbiamo ristrutturato la caserma e siamo riusciti a intercettare un importante contributo finanziario della Provincia. Il Comune ha poi deliberato una cifra non indifferente per l'acquisto di un nuovo mezzo per migliorare l'interventistica in caso di incidenti stradali".

 

Un altro obiettivo raggiunto è stato quello del ricambio generazionale. "Sono entrate 9 nuove leve e continuiamo a ricevere richieste. La situazione è rassicurante - dice Daldoss - anche se purtroppo c'è un po' di disinteresse dei giovani a passo Tonale che non sembrano intenzionati a misurarsi con un impegno comunque importante. In questi anni abbiamo alzato il livello degli interventi e della sicurezza, ma si può ancora migliorare". 

 

L'assemblea ha poi confermato il lavoro svolto e la linea della continuità. E' stato riconfermato Louis Daldoss nel ruolo di comandante, mentre le new entry nei quadri direttivi sono Manuel Tescari in qualità di vice comandante a sostituire Fabio Zambotti e Roberto Delpero per Mirko Delpero come magazziniere e capo squadra.

 

"Un grande ringraziamento per le energie profuse e l'impegno costante a Zambotti e Delpero. Un grazie a tutti i pompieri per la grande disponibilità e professionalità dimostrata in questi anni di servizio", conclude Daldoss.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 04:01

In Trentino il turismo è un settore strategico, pesa per il 20% del Pil provinciale, il periodo di Natale e Capodanno vale un terzo della stagione invernale e il "buco" in caso di chiusura tout-court viene valutato in 1 miliardo. Un danno che si aggiunge alla primavera cancellata e l'estate oltre le aspettative ma in fortissimo calo: si stima di aver bruciato tra indotto diretto e indiretto circa 280 milioni di euro e mezzo miliardo da marzo

25 novembre - 08:56

La 73enne Iolanda Balzano si è spenta dopo aver lottato contro il coronavirus: madre di quattro figli, nonna e bisnonna si era candidata in sostegno di Franco Ianeselli nelle ultime elezioni comunali. Il figlio: “Una manciata di giorni ti hanno portata via da quella quotidianità che vivevi con la forza e il coraggio”

24 novembre - 16:58

Un’analisi dei certificati di decesso ha mostrato che il Covid-19 è la causa direttamente responsabile della morte nell’89% dei decessi raccolti nel Sistema di Sorveglianza. L’Iss: “È probabile che nei mesi di marzo e aprile i decessi legati al coronavirus siano sottostimati perché molti pazienti morirono senza essere testati”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato