Contenuto sponsorizzato

Parte la stagione della mountain bike in Paganella: ''Garantita la massima sicurezza ai tempi di Covid-19 e tante novità come la prima scuola per mtb''

Implementato il biglietto online, i bikers possono trovare ben 13 postazioni di ricarica per le e-mtb (batterie Bosh, Yamaha e Shimano), disponibili all'esterno dei Bike Chalet e delle malghe (già tutte aperte e pronte), tutte ben segnalate e visibili, oltre alle numerose postazioni per il self-setting della propria bici

Di Luca Andreazza - 01 June 2020 - 12:51

TRENTO. "In anticipo rispetto a qualsiasi ottimistica previsione, la Paganella Bike Area annuncia l’apertura dei numerosissimi trails del comprensorio di Molveno, Fai e Andalo". Così Luca D'Angelo, direttore dell'Azienda per il turismo Dolomiti Paganella, che aggiunge: "I riders troveranno percorsi preparati alla perfezione, novità importanti e, soprattutto, una perfetta organizzazione che possa garantire la sicurezza necessaria di questo particolare momento". Dopo aver "interrogato" i turisti e pianificato la ripartenza, ora tutto è pronto per salvare una stagione estiva atipica (Qui articolo).

 

La Paganella Bike Area ha messo in atto tutto quello che la legge e il buon senso richiedono. Tutto è pronto, infatti, per l’apertura di una nuova stagione ricca di divertimento e adrenalina: dagli impianti di risalita ai trails a tutte le misure di sicurezza. "Ma queste regole possono funzionare solo se ognuno saprà fare la propria parte. Serve anche una forte responsabilità dell'ospite nel seguire le indicazioni e ci aspettiamo che sarà così. C'è ottimismo - aggiunge D'Angelo - abbiamo un ottimo riscontro in quanto nelle ultime settimane, la domanda è cresciuta tanto. Ci aspettiamo un flusso interessante di turisti giornalieri in questa prima fase, mentre più avanti la movimentazione sarà più legata ai pernottamenti".

 

Una manutenzione partita in ritardo a causa delle disposizioni coronavirus e del lockdown, ma gli sforzi sono stati enormi per riuscire a lanciare la stagione del bike. "I veri riders in questo senso hanno un’arma in più - prosegue il direttore dell'Apt - la community e il senso di appartenenza. Oggi rispettare le regole, più che in qualsiasi altro momento, significa dimostrare quanto amiamo il mondo della bici. Nonostante le incertezze legate a Covid-19, l’intero staff della Paganella Bike Area non ha perso un solo minuto, si è messo al lavoro giorno e notte per riuscire ad aprire la stagione prima di qualsiasi altra località montana: i percorsi sono perfetti".

 

Insomma, un obiettivo è stato raggiunto. Il mese di giugno è appena iniziato e la Paganella Bike Area conferma l'apertura anticipata della stagione tra 80 chilometri di trail e 8 impianti di risalita. "L'area viene considerata tra le migliori mete d'Europa e sicuramente tra le top 3 in Italia. Si parte nei week end di sabato 6 e domenica 7, sabato 14 e domenica 15 giugno, quindi dal 20 giugno in poi via libera a tutti i giorni".

 

Tra le novità di quest’anno, la possibilità di acquistare il "Bike Pass" direttamente on-line (Qui info). Come? Basta accedere al sito e acquistate il ticket, poi si può ritirare direttamente alla pick up Box o alle biglietterie alle partenze degli impianti. Da quel momento,  la card può essere semplicemente ricaricata on-line, magari il giorno prima di partire o in auto con gli amici. 

Bikers vs FPV Drone from Dolomiti Paganella Bike on Vimeo.

Oltre al e-bike pass, i bikers possono trovare ben 13 postazioni di ricarica per le e-mtb (batterie Bosh, Yamaha e Shimano), disponibili all'esterno dei Bike Chalet e delle malghe (già tutte aperte e pronte), tutte ben segnalate e visibili, oltre alle numerose postazioni per il self-setting della propria bici.

 

Un'altra novità riguarda i più piccoli. "Nasce la prima scuola ufficiale di mountain bike dell’area con corsi settimanali di 3 ore al giorno durante i quali i bambini dai 4 ai 13 anni possono apprendere i segreti della guida in mountain bike. Si può scegliere tra tre tipologie differenti di corsi - evidenzia D'Angelo - 'mtb' tra tecniche di base, equilibrio e abilità motorie in pump track, quindi 'esploratori' per avventure alla scoperta della natura e 'downhill' per corsi di avvicinamento al gravity e tecniche di discesa sui flow trails".

 

E poi per affinare la tecnica di guida c'è la pump track del "The Cave" al Trail Center di Andalo, dove i genitori possono seguire "in diretta" le performance dei figli, mentre, per i ragazzini che già hanno confidenza con la bike e suddivisi a seconda del loro livello, c’è il divertimento sulle sponde e compressioni.

 

Sono tutti confermati i tracciati dell'anno scorso per il lavoro intenso intenso portato avanti dalla squadra dei Trail Builder di Trail Zone. "Nonostante i ritardi dovuti al lockdown - commenta Ezio Cattani, project manager e trail builder della Dolomiti Paganella Bike Area - l’attività di manutenzione e re-shape dei trail è stata ancora di più potenziate. Abbiamo messo in campo tutte le nostre conoscenze e sperimentato anche nuovi macchinari che ci hanno permesso di arrivare pronti all’appuntamento con l’apertura".
 

Sicurezza al primo posto. "La sicurezza e la cultura della Mtb sono sempre stati argomenti sensibili in Paganella. Fin dall’inizio si è lavorato per avere una segnaletica chiara e indicazioni lungo i trail sull'uso del casco e l'utilizzo consapevole dei sentieri, compresa la convivenza con chi cammina. Per la prima volta, nel 2019,  in Italia è stata introdotta la figura del 'Bike Patrol', i tutor-facilitatori che hanno  il compito di far rispettare le regole, prestare soccorso ai biker che necessitano aiuto, ma anche dare suggerimenti sugli itinerari e collegamenti".

 

Sono tre i Patrol e sono riconoscibili dall'abbigliamento, ovviamente in sella ad una bici nelle diverse Bike Park Zone che anche quest’anno giocheranno un ruolo fondamentale. C'è poi il vademecum misure di sicurezza Covid-19 della Paganella Bike Area.
 
Alle biglietterie e agli imbarchi e in tutti gli spazi comuni, si deve mantenere almeno 1 metro di distanza dagli altri e ovviamente è ovviamente obbligatorio l'uso della mascherina. Sono stati installati appositi dispenser per igienizzare le mani. Una serie di indicazioni da rispettare, ma anche la richiesta di seguire le indicazioni del personale, non buttare mascherine e altro materiale nei boschi per essere collaborativi e responsabili. 

 

Le cabinovie riducono l'accesso a 2/3 della capienza massima eccetto nel caso di membri dello stesso nucleo familiare convivente; l'aerazione delle cabine è garantita dall'apertura delle finestre mentre sono previste sanificazioni costanti; il personale degli impianti indossa la mascherina e segue tutti i protocolli sanitari.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 December - 19:14

Nonostante i divieti sugli spostamenti in vista delle festività natalizie è iniziata la corsa ai tamponi, nella convinzione (errata) che garantiscano una sorta di “patente d’immunità”. Il numero uno di Apss: “In queste situazioni i test non servono. Quest’anno purtroppo è così sarà un Natale strano, ma dobbiamo accettarlo, per la salute delle persone a cui vogliamo bene”

05 December - 18:52

Mentre domani è stata fissata un allerta arancione per tutta la provincia e rossa per l'Alto Adige e il Veneto ecco la situazione generale di neve e strade. Chiusa per pericolo valanghe la provinciale 25 di Garniga tra Garniga Vecchia e le Viote e istituito il senso unico alternato lungo la provinciale 76 Gardolo – Lases per caduta massi

05 December - 16:44

Tra i nuovi positivi se ne contano 105 over 70 e ci sono 3 bimbi con meno di 2 anni. Una persona in più in terapia intensiva e numero di dimissioni superiore ai nuovi ricoveri: 31 contro 28

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato