Contenuto sponsorizzato

Pian dei Fiacconi distrutto, lanciata la raccolta fondi per ricostruirlo. Il gestore: "Grazie a voi ho trovato un punto di riferimento, ora vediamo di ripartire"

Il Corpo Nazionale del Soccorso Alpino ha lanciato una raccolta fondi per aiutare il gestore Guido Trevisan a ricostruire il rifugio. Trevisan: "Martedì scorso era come quando ti trovi in montagna con gli sci, in mezzo alla nebbia. Grazie a tutti, grazie a voi ho trovato il punto di riferimento e ora vediamo di ripartire"

Di L.B. - 17 dicembre 2020 - 15:23

CANAZEI. Dopo la triste vicenda avvenuta lo scorso lunedì 14 dicembre, quando una valanga ha travolto il rifugio Pian dei Fiacconi (qui articolo), distruggendone irreparabilmente buona parte, è scattata la solidarietà da parte degli amanti della montagna e del Corpo Nazionale del soccorso alpino. 

 

Il giorno dopo il fatto, il gestore dello storico rifugio, Guido Trevisan, ha raggiunto la struttura per valutarne i danni (qui il video). Nonostante parte del rifugio sia rimasta in piedi, è probabile che si proceda con la sua completa demolizione, per poi ricostruirlo da zero.

 

Sin dalle prime immagini, tantissimi hanno dimostrato immenso dispiacere di fronte alla notizia e alla perdita di quel rifugio che per molti era un luogo custode preziosi ricordi. Amici, escursionisti, amanti della montagna. Tutti accomunati dal desiderio di dare una mano a Guido, un rifugista dai valori molto solidi, che da quando era stata smantellata la cestovia che da passo Fedaia portava al rifugio, si era battuto per una montagna e una Marmolada senza impianti a scapito dei suoi potenziali guadagni.

 

FOTO. Le impressionanti immagini del rifugio Pian dei Fiacconi distrutto dalla valanga sulla Marmolada

Il soccorso alpino ha così lanciato una raccolta fondi per aiutare Guido a ricostruire il rifugio. Sarà quindi possibile fare un versamento all'IBAN IT64 I058 5635 2200 7757 1457 626, con come intestatario GUIDO TREVISAN e con causale RIFUGIO PIAN DEI FIACCONI.

 

"Martedì scorso era come quando ti trovi in montagna con gli sci, in mezzo alla nebbia", ha scritto in un post su facebook oggi, giovedì 17 dicembre, commentando il suo stato d'animo di quegli interminabili momenti. "Non sai dove andare, non vedi niente, non sai neppure se sei fermo o ti stai muovendo, ti gira la testa e ti viene da vomitare".

 

"Ti fermi e ti guardi attorno per cercare un punto di riferimento che ti aiuti a stare in equilibrio... Grazie a tutti, grazie a voi ho trovato il punto di riferimento e ora vediamo di ripartire".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 05:01

L'ex rettore ha analizzato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss e ha scoperto che nella settimana conclusa lo scorso 10 gennaio, su 1471 "nuovi" contagi segnalati in Trentino, solo 624 si riferivano alla settimana considerata e ben 847 erano casi arretrati segnalati con grande ritardo. In questo modo verificando molto tardi gli antigenici con i molecolari, se risultano negativi spariscono dalle statistiche se risultano positivi non entrano nel conteggio della settimana corrente perché classificati "arretrati"

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato