Contenuto sponsorizzato

Riparte la prima funivia dell'arco alpino: è quella del Lagazuoi. Ghedina: ''Grande fiducia. Cortina avrà un effetto rimbalzo con una forte ripresa''

Entro il 5 luglio tutti i 107 impianti del Dolomiti SuperSummer saranno aperti (ecco le date dei principali via). Positivo il sindaco di Cortina: ''Per questa stagione prevedo che non ci sarà un calo di presenza. A Cortina ci sono 25mila posti letto nelle seconde case. I proprietari di appartamenti e ville hanno deciso che verranno di più in quota e per periodi più lunghi''

Pubblicato il - 29 maggio 2020 - 19:27

CORTINA. La data da cerchiare in rosso è quella del 5 luglio quando saranno aperti oltre 100 impianti di risalita. Da quel giorno si potrà fruire di tutte le strutture utili per raggiungere vette e altipiani e fruire in totalità delle montagne delle 12 valli di Dolomiti SuperSummer. La prima a partire è la funivia che da passo Falzarego sale sul Lagazuoi fino a quota 2.750 metri per raggiungere l'omonimo rifugio. Insomma da domani riparte il primo impianto di tutto l'arco alpino italiano per una Cortina d'Ampezzo che è pronta ad accogliere turisti e visitatori dopo la chiusura del 10 marzo quando è iniziato il lockdown per il coronavirus.

 

Il sindaco Ghedina ha spiegato all'Ansa che ''oggi siamo i primi a ripartire, con un segnale forte della nostra voglia di lavorare - aggiunge -. Da questa esperienza Cortina non esce con le ossa rotte, ma fortificata: c'è un grande interesse, c'è ovunque molta voglia di Cortina. Conto su un 'effetto rimbalzo': assisteremo ad una forte ripresa, negli anni 2021 e 2022, quando ci sarà tanta voglia di viaggiare, dopo questo blocco. C'è voglia di montagna: per questo abbiamo una carta in più. Per questa stagione prevedo che non ci sarà un calo di presenza - conclude Ghedina -. A Cortina ci sono 25mila posti letto nelle seconde case; 4.000 negli alberghi. Stiamo assistendo al fenomeno per cui i proprietari di appartamenti e ville hanno deciso che verranno di più a Cortina, nelle loro case, e per periodi più lunghi''.

 

Dopo la funivia Lagazuoi, il 6 giugno sarà la volta di Plan de Corones, Val Gardena/Alpe di Siusi e 3 Cime Dolomiti con i primi impianti aperti, quindi Val di Fassa/Carezza l'11 giugno, Arabba/Marmolada, Val di Fiemme/Obereggen e Rio Pusteria-Bressanone il 13 giugno, San Martino di Castrozza/Passo Rolle e Passo San Pellegrino il 20 giugno e infine Alta Badia e Civetta il 27 giugno. Ed entro il 5 tutto sarà aperto, nella speranza che ogni cosa vada al meglio e l'intera società possa tornare a vivere. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 dicembre - 19:14

Nonostante i divieti sugli spostamenti in vista delle festività natalizie è iniziata la corsa ai tamponi, nella convinzione (errata) che garantiscano una sorta di “patente d’immunità”. Il numero uno di Apss: “In queste situazioni i test non servono. Quest’anno purtroppo è così sarà un Natale strano, ma dobbiamo accettarlo, per la salute delle persone a cui vogliamo bene”

05 dicembre - 18:52

Mentre domani è stata fissata un allerta arancione per tutta la provincia e rossa per l'Alto Adige e il Veneto ecco la situazione generale di neve e strade. Chiusa per pericolo valanghe la provinciale 25 di Garniga tra Garniga Vecchia e le Viote e istituito il senso unico alternato lungo la provinciale 76 Gardolo – Lases per caduta massi

05 dicembre - 16:44

Tra i nuovi positivi se ne contano 105 over 70 e ci sono 3 bimbi con meno di 2 anni. Una persona in più in terapia intensiva e numero di dimissioni superiore ai nuovi ricoveri: 31 contro 28

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato