Contenuto sponsorizzato

Terribile incendio distrugge la calzoleria, al via la gara di solidarietà: "Siamo una grande famiglia"

L'11 febbraio il malfunzionamento di un macchinario ha fatto partire un incendio che, in poco tempo, ha distrutto la Calzoleria Excelsior di Laives Sulla piattaforma GoFundMe i calzolai italiani hanno quindi lanciato una raccolta fondi per aiutare Loris Corieri, titolare dell'attività a ripartire: "La prima donazione è arrivata da Salerno e la regione che ha donato di più è stata la Sardegna"

Di Arianna Viesi - 14 febbraio 2020 - 12:27

LAIVES. Il malfunzionamento di un macchinario, le fiamme che divampano e divorano, in pochi minuti, anni e anni di sacrifici, sogni e lavoro. E' quanto è successo a Loris Corieri, titolare della Calzoleria Excelsior di Laives. Pochi giorni fa (l'11 febbraio), nel terribile incendio, Corieri ha perso decine di migliaia di euro in attrezzature, materiali e scarpe dei clienti (QUI ARTICOLO). 

 

"Oggi purtroppo è successa una grande disgrazia", si legge in un lungo messaggio postato sulla pagina Facebook della calzoleria la sera stessa (QUI PAGINA). "Siamo andati a fuoco e la bottega è andata distrutta, fortunatamente non si è fatto male nessuno. In questi giorni faremo il calcolo dei danni e per quanto riguarda le vostre cose, ognuno sarà soddisfatto nel modo più adeguato".

 

E poi un ultimo pensiero ai clienti: "Vi chiedo un po' di comprensione e pazienza e mi scuso per il disagio che questo evento vi ha causato".

 


Quella dei calzolai è un'arte rara e preziosa, custode di un sapere e di una tradizione decennale che, spesso, si tramanda di generazione in generazione. Il loro numero deve fare i conti (economici, e non) con il mondo del fast-fashion. D'altronde, che quella dei calzolai (come tanti altri mestieri artigianali) sia una specie in via d'estinzione è chiaro a tutti. In un'epoca in cui nulla s'aggiusta e tutto si gettaanche riparare ciò che è rotto può diventare un modo, meraviglioso, di (r)esistere (QUI ARTICOLO).

 

E per resistere, sì sa, bisogna essere in tanti. Per questo un gruppo di calzolai ha lanciato la raccolta fondi "Calzolai insieme per Loris" sulla piattaforma GoFundMe. L'obiettivo è raggiungere quota 5.000 €, somma che verrà poi interamente devoluta alla Calzoleria Excelsior: una mano tesa, insomma, per aiutare l'attività a rialzarsi. In pochi giorni la campagna ha già raccolto 1.000 €. "Forza ragazzi, una categoria, una famiglia", si legge tra i commenti lasciati dai donatori.

 

"La definizione 'in via d'estinzione' - spiega Checco Matera, calzolaio di Cuneo e uno dei promotori della raccolta fondi - nonostante sia corretta e risponda ad una realtà effettiva non mi piace molto. Mi spiego: spesso le persone ci vedono come un 'panda', un'attrazione turistica. In realtà, nonostante il nostro numero sia in costante diminuzione, i pochi che resistono sono estremamente aggiornati: si imparano nuove tecniche, si acquistano nuovi macchinari. Insomma quello del calzolaio è un lavoro antico ma in continuo aggiornamento".

 

"La cosa bella, poi - continua - è che si crea un vero e proprio network di persone. Ci conosciamo tutti, ci scambiamo consigli e pareri. Il calzolaio medio (ride, ndr) lavora con le auricolari: mentre incolla una suola, sente gli altri calzolai".

 

 

 

 

"Ora Loris ha bisogno di tutto il vostro aiuto per riniziare a lavorare - scrivono nell'appello i calzolai che si sono stretti attorno a Corieri -. Creare una campagna di raccolta fondi ci è sembrato il modo più rapido e semplice di raggiungere chiunque volesse dare un piccolo contributo per ricostruire la Calzoleria Excelsior e ridare dignità al collega e amico Loris".

 

Le donazioni arrivano letteralmente da tutta Italia. La campagna è partita da un calzolaio di Cagliari, cui poi se ne è aggiunto uno di Verona e poi Imola. Checco Matera ha la sua attività a Bra, in provincia di Cuneo. La prima donazione è arrivata da Salerno e, ad oggi, la regione che ha donato di più è stata la Sardegna. Insomma, tutto lo stivale si è mosso per aiutare Loris. 

 

"Con una bottega fuori uso - continuano - anche l'unica fonte di reddito di Loris e famiglia è andata in fiamme, ora servono donazioni per sopravvivere, aiutare a risarcire i clienti che hanno perso nel rogo le loro scarpe e ricostruire la bottega di Loris. Grazie". 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 04:01

Una seconda ondata del coronavirus che sembra aver preso la direzione di un andamento più ''standardizzato'' per la diffusione di un'epidemia che solitamente si propaga e dovrebbe avere tassi maggiori nelle zone più popolate. E infatti Trento, questa volta sta facendo registrare dei dati molto alti di contagio. In ottobre triplicati i casi di settembre: quasi 10 mila positività da inizio epidemia

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 20:14

L'appello dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Bisogna cambiare la strategia di sanità pubblica, chiunque presenti una sindrome influenzale si metta in isolamento fino ai risultati dei test"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato