Contenuto sponsorizzato

Tubi neon e tubi a Led, quali scegliere?

Le lampade tubolari a Led o tubi a Led rappresentano una soluzione di illuminazione innovativa, molto più avanzata rispetto alle lampade tubolari a neon (meglio definibili come lampade tubolari fluorescenti)

Pubblicato il - 20 febbraio 2020 - 11:00

TRENTO. Le lampade tubolari a Led o tubi a Led rappresentano una soluzione di illuminazione innovativa, molto più avanzata rispetto alle lampade tubolari a neon (meglio definibili come lampade tubolari fluorescenti). Se si è alla ricerca di informazioni sul tema riguardante le differenze tra i tubi a neon e quelli a Led, invitiamo a proseguire nella lettura del presente articolo. 

 

Tubi a neon e tubi a Led: la differenza nella resa illuminante.  I tubi a Led hanno una resa illuminante superiore rispetto ai tubi fluorescenti. Maggiori informazioni nei seguenti sottoparagrafi. 

 

La resa illuminante dei tubi a neon. I tubi fluorescenti (quindi i tubi a neon), distribuiscono la loro radiazione luminosa nei 360 gradi. Considerando che un elemento a soffitto ha un ventaglio di luce pari a 120 gradi verso la superficie sottostante che deve illuminare, ne consegue che buona parte dell'energia luminosa prodotta si perde.

 

Per risolvere almeno parzialmente questo inconveniente, si sfruttano le proprietà riflettenti del soffitto e delle pareti, oppure si inserisce dentro al tubo del materiale riflettente o satinato, e vernici bianche. In questo modo però, una parte della luce si perde comunque.

 

La resa illuminante dei tubi a Led. A differenza di quelli fluorescenti, i tubi a LED emettono luce nei 120 gradi della superfice sottostante, così da sfruttare il 100% della luce prodotta, senza dover usare elementi riflettenti, e senza alcuna dispersione.

 

Di conseguenza, i tubi a Led sono molto più efficienti di quelli fluorescenti. Non a caso, sempre rispetto ai tubi fluorescenti permettono un notevole risparmio sui consumi in bolletta (che può variare dal 30 all'80%). Non solo: una fonte di illuminazione a LED di 95 lm/watt può durare fino alla bellezza di 50mila ore, mentre una fonte di illuminazione fluorescente di 70-80 lm/watt può durare fino a 10mila ore.

 

Tubi a neon e tubi a Led: le differenze nel funzionamento. Oltre che nella resa illuminante, i tubi a neon e i tubi a Led differiscono anche nel modo di funzionare. 

 

Il funzionamento dei tubi a neon. I tubi a neon, anche definibili come tubi fluorescenti hanno un tubo di vetro sigillato, che contiene al suo interno una goccia di mercurio e un gas nobile (che può essere il neon, oppure l'argon, lo xeno, o il kripton) a bassa pressione.

Alle estremità del tubo sono presenti due elettrodi. Questi elettrodi vengono attraversati dall'energia elettrica, e di conseguenza producono un flusso di elettroni.

 

Il flusso di elettroni prodotto, sollecita il gas nobile ad emettere una radiazione nella parte ultravioletta. La radiazione prodotta, va in contatto con del materiale fluorescente, il quale a sua volta produce una radiazione visibile: la luce.

 

Siccome la radiazione visibile ha una lunghezza d'onda maggiore rispetto a quella ultravioletta, trasporta solo in parte l'energia ultravioletta: quella rimanente produce calore, che riscalda il tubo. A seconda della composizione del materiale fluorescente, è possibile ottenere una luce più fredda o più calda.

 

Tutto questo processo può verificarsi soltanto con una tensione elettrica di 400 V. E per ottenerla, sono necessari due componenti: un reattore (ballast) e uno starter. A causa della presenza di questi due elementi, prima di accendersi del tutto, il tubo al neon produce un iniziale sfarfallio.

 

Il funzionamento dei tubi a Led. Le lampade tubolari a Led (o tubi a Led, talvolta chiamati impropriamente neon a LED) sono realizzate principalmente in plastica, non contengono gas o mercurio, e si accendono subito perché non hanno bisogno dello starter e del reattore. Inoltre, producono pochissimo calore, e quindi non rischiano di surriscaldarsi. Non contengono e non emettono alcuna sostanza nociva, e non necessitano di alcun tipo di manutenzione.

 

Conclusioni. Considerando le differenze nella resa illuminante, nel funzionamento, e nelle altre caratteristiche espresse nei paragrafi precedenti, è stato possibile appurare che tra i tubi a neon e i tubi a Led sono decisamente meglio quelli che sfruttano la tecnologia Led.

 

Questo è in particolar modo vero perché, a differenza dei tubi a neon, i tubi a Led hanno i seguenti vantaggi: non disperdono la loro energia luminosa, mentre una parte di quella dei tubi fluorescenti si perde; garantiscono un grande risparmio sulla bolletta; durano molto più a lungo rispetto a quelli a neon e funzionano immediatamente, e senza sfarfallii iniziali. E ancora non contengono e non emettono sostanze nocive e producono pochissimo calore, e quindi non c'è il rischio che si surriscaldino. Di norma, non hanno bisogno di alcun intervento di manutenzione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 05:01

L'esperienza di Andrea, un 32enne che 11 giorni fa ha presentato i primi sintomi da coronavirus con febbre e stanchezza diffusa. "Mi sono sentito abbandonato dall'Apss, che non mi ha fornito alcuna indicazione su come comportarmi. Quando ho detto loro che ho l'App Immuni per avere quadro più preciso delle persone con cui avevo avuto contatti, la risposta è stata di totale indifferenza"

20 ottobre - 20:05

Ci sono 46 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 94 positivi a fronte dell'analisi di 846 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,1%

20 ottobre - 17:58

La Provincia di Bolzano ha comunicato nuove limitazioni per frenare la diffusione del virus. In una giornata segnata dal record di positivi (ben 209), Kompatscher ha annunciato che le scuole superiori dovranno fare almeno un 30% della didattica a distanza. Sport e grandi eventi, con la cancellazione dei mercatini di Natale, gli altri ambiti maggiormente interessati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato