Contenuto sponsorizzato

E' del fabbro Luigino Armani il primo centesimo compleanno del 2021 a Rovereto. Fu lui a forgiare il tridente del Nettuno

Luigino Armani spegne 100 candeline. Nato del 1921 ha affrontato guerra e fame, ma l'anno del Coronavirus non lo ha demoralizzato. Abile fabbro che ha dedicato la sua vita a forgiare il ferro e a combattere le mille sfide presentate, anche nel 2020 ha saputo affrontare la nuova battaglia senza lamentele. "Non la vive con la nostra stessa paura, piuttosto in maniera più filosofica e fatalistica, mentre noi ci lamentiamo di tutto”

Di Laura Gaggioli - 03 gennaio 2021 - 14:03

ROVERETO. Si festeggia a Rovereto il primo compleanno centenario del 2021. Luigino Armani è il primo cittadino che apre il nuovo anno festeggiando un grande traguardo: 100 anni di vita vissuta.

 

Nato il 3 gennaio 1921 a Pannone in Val di Gresta, Luigino ha dovuto affrontare grandi sfide durante tutto il corso della sua vita. Come la Seconda guerra mondiale vissuta da soldato, catturato e deportato in un campo di prigionia in Germania, un'orribile esperienza che lo ha visto attraversare l’Europa con le sue sole gambe, scortato da una falsa identità. O come quando fu salvato dal nubifragio della nave che lo avrebbe portato in Grecia a combattere, fino alla prematura morte della moglie Adelina.

 

Luigino è sempre stato un uomo dallo spirito guerriero e combattente che ha saputo resistere alle difficoltà senza per questo sottrarsi a impegni e sacrifici, rivolgendosi anche alla comunità alla quale ha rivolto le sue attenzioni e i suoi servigi.

 

Dopo 46 anni come operaio della Manica Spa, azienda roveretana impegnata nella produzione di solfato di rame, Luigino è erede di una tradizione tramandata da generazioni, prende poi in mano il mestiere del fabbro dedicandosi alla difficile lavorazione del ferro. Tra gli antichi mestieri che nel corso della storia hanno accompagnato l’evoluzione umana ce ne è uno infatti che ancora oggi ricorda i maestri alchimisti: la lavorazione dei metalli. Fuoco e acqua forgiano materiali altrimenti duri a cedere al cambiamento, ma per Luigino sono stati anche insegnanti di vita. Forse, è proprio da qui, che la sua caparbietà prende forma, insieme al suo ferro, che lo ha reso forte e versatile dinnanzi alle sfide della vita.

 

 

 

Ancora oggi, dalla sua officina del piano terra della propria abitazione, potremmo sentire i suoni secchi della lavorazione del ferro. Risale infatti a pochi anni fa l’ultima grande opera realizzata per il Comune di Rovereto, il tridente del Nettuno, che Luigino ha forgiato per la comunità, lasciando ancora una firma nelle pagine della storia della sua passione e dedizione alla vita.

 

“Il nonno ci ha insegnato l’amore nei confronti del lavoro e delle proprie passioni e ci ha tramandato un grande ottimismo - commenta il nipote Alessandro Armani - non ci sarà però nessuna festa di compleanno. Gli faremo gli auguri dal giardino di casa, nel pieno rispetto delle regole e della sua salute. Ha la sua mascherina, la porta in una maniera un po’ impacciata, ma non la vive con la nostra stessa paura, piuttosto in maniera più filosofica e fatalistica, mentre noi ci lamentiamo di tutto”. Per lui, il 2020, dopo aver affrontato la morte, la guerra e la fame, è stato solo un altro anno in cui, ancora una volta, è stato chiesto all’uomo di accettare la sfida, di cambiare e combattere senza inutili lamentele.

 

“Luigino è un grande esempio per la nostra comunità - ricorda poi Stefano Barozzi, sindaco di Mori, paese nel quale Luigino ha trascorso la maggior parte dei suoi anni, che ha voluto unirsi agli auguri della famiglia, insieme a tutta la cittadinanza - qualche anno fa gli abbiamo consegnato una targa a memoria del suo grande lavoro svolto a Pannone. Siamo felici della presenza importante di questo uomo, punto di riferimento anche per le scolaresche alle quali ha dedicato il suo tempo per tramandare l’arte artigiana del ferro”.

 

E così, proprio come il suo ferro, anche Luigino è diventato un "materiale" destinato a durare nel tempo.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 settembre - 23:11
L'uomo è stato trovato ormai senza vita dai soccorritori dopo l'allarme lanciato dai familiari per un mancato rientro a casa. L'incidente è [...]
Cronaca
23 settembre - 19:36
Trovati 36 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 18 guarigioni. Sono 21 i pazienti in ospedale, di cui [...]
Cronaca
23 settembre - 19:02
Un minuto dopo il decollo da Folgaria si è verificato un guasto meccanico che ha determinato il distacco del portellone laterale destro. Il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato