Contenuto sponsorizzato

Nasce "Diversamente Vela", il progetto che mette insieme navigazione e terapia per persone con disabilità psichiatriche

Presentata l'iniziativa che coniugherà la terapia psichiatrica con la navigazione. Un progetto che grida all'inclusione. Vivaldelli: "Un intervento riabilitativo per le persone con disabilità psichiatriche, ma anche un progetto di inclusione"

Di Chiara Crea - 14 giugno 2021 - 18:53

RIVA DEL GARDA. Un progetto che unisce l'avvicinamento alla navigazione con un percorso di consapevolezza e riabilitazione rivolto a persone con disabilità psichiatriche, così è stata presentata l'iniziativa di "Diversamente Vela". 

 

"La Vela è uno strumento molto utile alle persone con disturbi della psiche per affrontare alcune tematiche, perché è finalizzata a prendere consapevolezza del proprio corpo in un ambiente e su un territorio fuori dalla zona di comfort". Queste le parole di Adolfo Vivaldelli, Presidente della Fraglia Vela ed ex psichiatra, il quale ha spiegato come si svilupperà il percorso che intraprenderanno i pazienti.

 

L'intero progetto è studiato su tre livelli di intervento curativo: nel primo si presterà attenzione a corporeità e fisicità, svolgendo la terapia in acqua, nel secondo si sposterà l'attenzione al corpo generale dell’imbarcazione ed a tutte le componenti presenti - nella navigazione ogni movimento influisce sull'assetto della barca - e nel terzo ci si confronterà con il mondo esterno, cioè, cosa fanno le altre barche.

 

L'iniziativa è rivolta ad utenti con patologie di tipo psichiatrico (come disturbi della personalità o dell'area psicotica). Già otto cooperative tra Arco Riva e Rovereto che ospitano questi pazienti hanno aderito al progetto.  

 

"Noi abbiamo bisogno di questa collaborazione con chi opera in queste strutture perché sono loro le persone che accompagnano il paziente - continua Vivaldelli - Noi mettiamo a disposizione le nostre barche ed i nostri istruttori".

 

L'esperienza prevede un avvicinamento alla navigazione a step, spingendo verso una sana competizione che può aiutare a migliorarsi sempre di più. Partendo dalle basi, la prima fase del progetto comprende l'insegnamento dei rudimenti della navigazione - i rischi della disciplina, quali sono i dispositivi per affrontarli e le principali regole di questo sport - mentre nella seconda fase si passa all'apprendimento dei nomi delle diverse barche, in modo tale da dare all'allievo una maggior consapevolezza di cui si parla. Il terzo e ultimo passo è quello di passare alla pratica.

 

Ma il progetto non si ferma qui, infatti - una volta terminato il corso - ci sarà la possibilità, per gli interessati, di partecipare a gare veliche vere e proprie. Essendo l'iniziativa incentrata sull'inclusione si andranno infatti a formare squadre miste, composte da persone con disabilità psichica e non, che gareggeranno insieme. 

 

"E’ un obiettivo sicuramente utopistico, ma ce la metteremo tutta per raggiungerlo" conclude Vivaldelli. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 13 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
15 agosto - 13:11
Secondo l’ultimo Rapporto sui grandi carnivori pubblicato dalla Provincia di Trento sono 7 (su 69) gli orsi rilevati con certezza fuori dal [...]
Ricerca e università
15 agosto - 12:18
L'obiettivo del nuovo progetto coordinato dalla Fondazione Bruno Kessler “Nevermore”, finanziato nell'ambito del programma Horizon Europe con [...]
Politica
15 agosto - 11:44
Sono 101 in tutto i contrassegni depositati in vista delle elezioni del 25 settembre e, tra i partiti e i movimenti più noti, sono spuntati [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato