Contenuto sponsorizzato

Senza una zampa e con un carattere difficile, l'oca Guendalina diventa amica di un asino. "Non esistono animali cattivi ma solo incompresi"

Salvata da un allevamento, dove aveva perso una zampa, l'oca Guendalina è stata inserita in uno spazio aperto con altri animali dell'associazione animalista "La Zampa trentina". Con loro però si comportava in maniera prepotente e solo la conoscenza di un asino l'ha resa più serena, anche se continua a dimostrarsi un "osso duro". Paola Pisani: "Non esistono animali cattivi ma solo incompresi"

 

Di Laura Gaggioli - 02 gennaio 2021 - 18:25

TRENTO. Nessuno potrebbe mai pensare che un’oca possa essere un animale da guardia. Eppure questa specie sembra nascondere un atteggiamento protettivo in difesa del territorio e di altri compagni che, nella vita domestica medioevale, era in realtà considerata una caratteristica molto apprezzata, anche se andata dimenticata. Guendalina però, la simpatica ochetta di Zampa Trentina, non si è nascosta dietro falsi ruoli e, tra beccate e starnazzi, ogni giorno rivendica la sua identità.

 

Guendalina infatti, è un oca cresciuta in una gabbia da allevamento in una valle trentina. Dentro quel piccolo spazio a sua disposizione stava però rischiando la vita a causa di un amo che le si era attorcigliato intorno ad una zampina e dal quale non si poteva liberare. L’occhio attento di una signora e un paio di chiamate al veterinario l’hanno però salvata da una situazione che l'avrebbe lasciata senza futuro. Anche se le è costato un po' di dolore e la perdita dell’arto, Guendalina ha avuto però una seconda possibilità e, all’uscita da quell’ambulatorio, ha trovato Paola Pisani ad aspettarla, presidente di Zampa Trentina, che da quel giorno e per due anni le ha offerto una nuova casa

 

“A Guendalina mancava mezza zampetta, ma questo non era un problema per lei che ha tirato fuori un caratterino forte forte - racconta la volontaria - Guendalina voleva stare insieme alle galline, ma con loro era tremenda al punto che per salvaguardare l'incolumità delle povere malcapitate, ho dovuto separarla, creando per lei un apposito recinto. La soluzione però non era ottimale e Guendalina, che non ha accettato questa separazione, da oca si è trasformata in piccola iena da cui perfino i cani più grandi si tenevano lontani e ne erano terrorizzati”.

 

 

“Quando Guendalina scorrazzava in giardino, tutti scappavano - continua Paola - ma, come abbiamo imparato stando a contatto con loro, non esistono animali cattivi e neanche le oche. Esistono gli animali incompresi e il problema di Guendalina era che si sentiva tanto sola”. Paola ha così deciso di regalare alla simpatica e determinata oca, ancora una volta, un’altra possibilità

 

Che fare allora se gli animali di casa non potevano o non volevano interagire con lei? La soluzione arriva da Martina che, amante degli animali, ha deciso di accogliere Guendalina in Veneto, in una piccola oasi personale dove diversi ospiti tra galline e asinelli sono stati promossi ad animali di compagnia. Ed è qui che, circondata da tanto verde, acqua termale e tanti nuovi amici come lei salvati da contesti difficili, la storia della determinata ochetta regala una di quelle sorprese che, spesso, solo il mondo animale riesce a farci vivere. Tra tutti gli abitanti della piccola oasi felice, Guendalina stringe infatti un rapporto speciale con un asinello.

 

Nasce così la strana coppia: un’oca e un asino che si cercano tutto il giorno e arrivano a "fare branco" contro tutti e tutto. “Addirittura Martina deve stare attenta quando entra a pulire perché, se si avvicina troppo a uno dei due, immancabilmente arriva l'altro a proteggere l’amico”, racconta Paola. 

 

Guendalina, grazie alla vicinanza del nuovo compagno e a un'altra possibilità, ha così avuto modo di manifestare e far comprendere a tutti la sua natura, quella di animale fedele e dal grande spirito di protezione nei confronti di chi l’ha saputa accettare così com’è, recuperando quella caratteristica che, nella vita domestica medioevale, l’ha resa la regina delle corti. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 17:45

Nelle ultime 24 ore analizzati 708 tamponi. Sono stati comunicati altri 14 decessi a causa di Covid-19. Trovati 56 positivi tra tamponi molecolari e test antigenici, confermate 57 positività riscontrate nei giorni scorsi. Sono 107 le guarigioni

18 gennaio - 13:19

Cristina Corcho è una dei tanti volontari che in questi giorni aiutano i rifugiati o i migranti rimasti bloccati nel gelido inverno bosniaco. Con l'associazione spagnola No Name Kitchen distribuisce cibo e vestiti ai tanti che rimangono fuori dai campi profughi, riparandosi in tende improvvisate, casupole e fabbriche dismesse. "In molti attendono condizioni migliori. Chi si imbatte nella polizia croata viene malmenato e privato dei vestiti"

18 gennaio - 15:25

La Confartigianato piange la scomparsa di due associati: Maurizio Damian, titolare insieme alla moglie del mobilificio Sommariva in viale Cadore a Ponte nelle Alpi, è morto per Covid, mentre Mario Ceretin in un incidente in autostrada. Due lutti in pochi giorni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato