Contenuto sponsorizzato

Amnu e Stet si fondono e nasce AmAmbiente: ''Servizi di qualità a oltre 20 mila famiglie. Parole chiave: efficienza, innovazione, lungimiranza e trasparenza''

La nuova società è il punto di arrivo di un percorso che ha portato alla fusione tra Amnu e Stet nell'ambito dei servizi essenziali tra ciclo idrico, igiene ambientale e energie rinnovabili, illuminazione pubblica e onoranze funebri. La presidente Manuela Seraglio Forti: "Operiamo nel settore dei servizi essenziali, valorizzando il patrimonio di esperienza e professionalità"

Di Luca Andreazza - 19 January 2022 - 17:38

TRENTO. "L'obiettivo è quello di essere un punto di riferimento per i cittadini e per le pubbliche amministrazioni". A dirlo Manuela Seraglio Forti, presidente di AmAmbiente, la società che raccoglie l'eredità di Amnu e Stet. "Le parole chiave sono efficienza e innovazione, lungimiranza e trasparenza".

La nuova società è il punto di arrivo di un percorso avviato nel 2013 con l'ipotesi di fusione tra Amnu e Stet nell'ambito dei servizi essenziali tra ciclo idrico, igiene ambientale e energie rinnovabili da un lato e illuminazione pubblica e onoranze funebri dall'altro lato.

 

"Il processo di integrazione è partito dopo tre anni - spiega Forti - mentre nel 2020 i sindaci dei Comuni soci hanno dato mandato per approfondire gli studi per costituire un'unica realtà in grado di operare sul territorio di riferimento. La direzione è stata affidata a Roberto Bortolotti, già direttore di Amnu. Accorpare un'impresa può essere un'operazione tecnicamente semplice, ma alla luce della tipologia e delle funzioni di questa realtà è stata fondamentale una condivisione a livello politico e c'è stata una grande disponibilità. Un aspetto da non sottovalutare è, inoltre, la capacità di creare una cultura e una mentalità aziendale: siamo già in fase molto avanzata in questo senso anche se questo processo è naturalmente ancora in corso".

 

Sono 19 i Comuni azionisti di questa Spa a capitale interamente pubblico che orbita principalmente nell'area dell'Alta Valsugana e Bersntol con diramazioni anche nei territori limitrofi. La maggioranza relativa è appannaggio di Pergine con il 72,67%, poi rientrano nella compagine anche Levico Terme (18,51%), Caldonazzo (4,77%), Tenna (1,54%), Baselga di Pinè (0,58%), Altopiano della Vigolana (0,49%), Civezzano (0,36%), Calceranica (0,22%), Fornace (0,15%), Sant'Orsola Terme (0,14%), Bedollo (0,09%), Borgo Valsugana (0,04%), Fierozzo (0,03%), Frassilongo (0,03%), Vignola Falesina (0,02%), Grigno (0,02%), Albiano (0,01%), Novaledo (0,01%), Palù del Fersina (0,01%), e l'Apsp S. Spirito

La nuova AmAmbiente propone, quindi, i servizi prima in capo a Amnu e Stet e mantiene la struttura di una società in-house providing: un braccio operativo delle amministrazioni comunali. Inoltre è azionista di Dolomiti Energia Holding, Dolomiti Energia Spa, Primiero Energia e Set. "Queste partecipazioni - aggiunge Forti - ci permettono di avere circa 4 milioni di utile netto: i dividendi vengono poi utilizzati dai Comuni e le ricadute sono concretamente percepite dal territorio. La nostra mentalità inoltre è fortemente pubblica e questo ci permette di sviluppare iniziative educative: la consapevolezza dei cittadini è strategica per il futuro del Trentino, come per esempio la necessità di non sprecare l'acqua".  

Il nuovo assetto non ha comportato nessun cambiamento per la popolazione in termini di pagamenti e di servizi. "E' stata, però, ottimizzata la struttura - continua la numero uno di AmAmbiente - il Consiglio d'amministrazione è stato dimezzato, c'è più uniformità dei servizi e un unico interlocutore, si possono abbassare i costi e operare un'economia di scala negli acquisiti. La fusione rappresenta un passo in avanti ulteriore per razionalizzare il sistema".

La pianta organica è composta da 120 persone con un'età media che viene di anno in anno abbassata, la componente femminile si aggira al 20%. In generale 50 dipendenti sono occupati nell'ambito dell'igiene ambientale; 25 in quello dei servizi comuni; 24 nel ciclo idrico; 10 in quello funebre; 7 nell'illuminazione pubblica e 3 nel settore dell'energia rinnovabile. Oltre 22 mila utenti per l'acqua e 2.920 milioni di litri d'acqua potabile distribuita, oltre 33 mila utenti per i rifiuti con 22 milioni  rifiuti differenziati e con 3 milioni e 700 mila quelli indifferenziati raccolti e 10.372 megawattora prodotti da fonti rinnovabili.

"Questi dati testimoniano - commenta Forti - il grande impegno dell'azienda. Operiamo nel settore dei servizi essenziali, valorizzando il patrimonio di esperienza e professionalità. Puntiamo a migliorare i processi attraverso tecniche innovative, sicurezza e tutela ambientale. Un impegno, per esempio, che ha portato negli anni a raggiungere l'85,68% di raccolta differenziato, ma le sfide in questo ambito sono ancora molte. E' certamente un argomento delicato e si avverte la necessità di un progetto di sistema per gestire nel migliore dei modi i rifiuti non riciclabili". 

Tanto il lavoro anche nel ciclo idrico: l'uso domestico è la fetta più importante al 71%, seguito dal produttivo e industriale (25%), dal settore zootecnico (2%) e dal pubblico (2%). Una risorsa fondamentale che necessita di analisi sulla metodologia di utilizzo. "L'acqua è un bene preziosissimo da proteggere e il processo di depurazione è molto articolato. Il nostro compito - evidenzia - è quello di trovare le soluzioni più lungimiranti. Inoltre per salvaguardare questa risorsa, si potrebbero avere in futuro due alimentazioni distinte tra quella destinata all'alimentazione e quella non alimentare ma serve un piano strutturato e adattabile a tutto il Trentino".

 

Alla base delle attività di AmAmbiente c'è il legame con il territorio, che viene mantenuto attraverso un intenso rapporto di collaborazione con i Comuni soci e la presenza di dialogo diretti e trasparenti con la clientela. E una particolare attenzione è rivolta alla promozione della cultura, un'iniziativa che passa attraverso le visite guidate alla centrale idroelettrica e al bacino di accumulo di Canezza; alla centrale idroelettrica e al museo di Serso; alla centrale di trigenerazione (produzione combinata di energia elettrica, termica e frigorifera); all'acquedotto di Busneck con i suoi 50 anni di storia e ai centri di raccolta rifiuti. "Il personale esperto accompagnerà i visitatori e fornirà i principali elementi utili per approfondire le tematiche di maggiore interesse, considerando anche il grado di preparazione dei partecipanti", conclude Forti.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 18 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 May - 19:13
A Trento per Vasco sono arrivati in tanti: genitori con figli adolescenti, coppie di fidanzati e gruppi di amici. L'attesa sotto il sole non [...]
Cronaca
19 May - 18:21
I cuccioli sono stati salvati da una donna che stava correndo nei boschi quando ha sentito i guaiti. Ora sono stati presi in custodia dai volontari [...]
Cronaca
19 May - 18:43
Visto il grande afflusso di auto sulla zona di Trento Sud il traffico dell'autostrada viene deviato su Trento Nord. Ecco il piano della viabilità [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato