Contenuto sponsorizzato

Addio ai cipressi di Riva del Garda, rase al suolo le piante del Parco della Libertà

I cipressi del Parco della Libertà sono stati rasi al suolo per fare spazio al nuovo parco del parcheggio interrato che si vuole realizzare in quell'area. Il Pd: '''Sono riusciti a “camuffare” un progetto devastatore, che trasformerà un parco naturale cittadino in un parcheggio a pagamento “arredato” con un finto bio lago, in un progetto di rigenerazione urbana. Amministratori senza scrupoli''

Di L.P. - 04 dicembre 2023 - 16:19

RIVA DEL GARDA. ''Sono riusciti a “camuffare” un progetto devastatore, che trasformerà un parco naturale cittadino in un parcheggio a pagamento “arredato” con un finto bio lago, in un progetto di rigenerazione urbana necessario per combattere la vulnerabilità sociale della nostra città''. Questo il Partito democratico di Riva del Garda su quanto è accaduto nelle ultime ore. I cipressi del Parco della Libertà sono stati rasi al suolo per fare spazio al nuovo parco del parcheggio interrato che si vuole realizzare in quell'area. 

 

''Che si arrivasse a questo punto era scontato - scrive il Pd rivano - tutti lo sapevano ormai. D’altronde abbiamo avuto modo di comprendere in questi pochi anni le sensibilità di chi oggi amministra. Vedere la stele dei Martiri impacchettata e portata altrove, vedere i filari di piante cadere a terra, saperle perfettamente sane, e constatarlo anche nell’osservare il loro tronco mozzato, non può che farci pensare al danno culturale, ambientale e morale, ma anche economico che è stato inferto al patrimonio pubblico cittadino. Inferto proprio da chi dovrebbe amministrare la cosa pubblica in scienza e coscienza, perché eletti per compiere il bene della città''.

 


 

Per i dem si tratta di ''amministratori senza scrupolo, incapaci di leggere il futuro che ci attende'' e ancora: ''Su questo capitolo del Pnrr infatti sono riusciti a reperire le risorse, quelle che necessariamente sono state sottratte alle reali necessità sociali che attanagliano le nostre comunità. E con tali fondi, che sono a prestito e che le future generazioni dovranno rimborsare per nostro conto, hanno pensato bene di massacrare il verde e la memoria di ciò che quel verde stava a testimoniare, per realizzare un parcheggio nel cuore della città, contro ogni logica di mobilità sostenibile e per giunta a ridosso del più grande polo scolastico cittadino. Azzerata dal paesaggio la memoria del cimitero storico di Riva, abbattute piante centenarie, cancellata superficie filtrante ed il suo compito di calmierare l’effetto di temporali sempre più intensi. Inoltre, con una cinica e triste ironia, proprio quando la nuova viabilità in Alto Garda pare ormai alle porte invece di ripensare la città per le persone si decide di rendere definitivo un parcheggio, programmando di “caricarlo” in via Grez, in piena zona residenziale e davanti all’ingresso delle scuole in costruzione''.

 


 

''Noi questo rischio lo abbiamo denunciato fin dalle prime battute di questo famigerato progetto - concludono i democratici - e la loro “abilità” è stata quella di non presentare mai tale proposta alla città: mai un’assemblea pubblica, una presentazione ufficiale, una visione del progetto esecutivo in Consiglio comunale, mai nulla. Nel silenzio dell’epoca Covid hanno confezionato uno scempio da 7 milioni di euro, che rimarrà quale indelebile quale lascito del loro passaggio alla città. Ed ecco spiegato qui il perché del loro abbandono dell’Aula consiliare durante la trattazione delle nostre mozioni legate proprio a questo progetto e che cercavano di limitarne la portata, tutta la messa in scena è servita solo a nascondere la loro reale avversione al confronto che fa trasparire al tempo stesso tutta la loro totale insensibilità verso un luogo simbolo della nostra città''.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
03 marzo - 05:01
Dall'annuncio della premier Giorgia Meloni all'effettivo arrivo di Chico Forti in Italia potrebbero passare un paio di mesi. Ora la pratica è [...]
Politica
02 marzo - 20:48
Il politico e imprenditore italiano, deputato per Fratelli d'Italia, Andrea Di Giuseppe è residente a Miami e ha seguito la vicenda di Chico [...]
altra montagna
02 marzo - 18:00
Un team di ricercatori di Ginevra evidenzia, per la prima volta, la correlazione tra l'aumento delle frane e l'aumento delle temperature in un sito [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato