Contenuto sponsorizzato

Contro lo spopolamento del territorio arriva lo SportHello: per aiutare chi sul territorio c'è ma anche chi vuole tornare o sceglie il Cadore per vivere

L’obiettivo del servizio “Abitare e vivere in Cadore” è mettere a sistema le competenze già presenti nel territorio e strutturarle in modo agile e flessibile affinché si adattino a un contesto economico e sociale in continuo mutamento, seguendo il paradigma dello sviluppo place-based per la valorizzazione delle risorse interne degli attori locali, in sinergia con attori e reti sovra-locali di soggetti pubblici e privati

Di Antonio Gheno - 14 giugno 2024 - 15:32

PERAROLO DI CADORE. Opererà su tre assi tematici: Impresa e Lavoro, Casa, Comunità e Servizi e cercherà di diventare strumento attivo per contrastare lo spopolamento delle aree del Cadore creando una serie di attività, previste nel corso del biennio 2024-2026, quali eventi di incontro, scambio e networking, webinar, percorsi di affiancamento e supporto. Il target cui è diretto sono coloro che già abitano sul territorio e quelli che vogliono tornare o decidono di arrivare da altre zone.

 

Sarà inaugurato sabato 15 giugno alle 11.00, nella sede in località Caralte 35 a Perarolo di Cadore, lo sportello “Abitare e vivere in montagna” chiamato “lo SportHello”: si tratta di un nuovo servizio promosso dal Comune di Perarolo nell’ambito del progetto “Da Perarolo a Venezia: viaggio tra l’acqua e l’ingegno”, finanziato nell’ambito del “bando Borghi” del Pnrr, ed è uno strumento che punta ad ascoltare e accogliere i nuovi bisogni sociali dei territori montani proponendosi come mezzo di contrasto allo spopolamento nell’area vasta del Cadore e come facilitatore tra il mondo delle istituzioni e i cittadini.

L’obiettivo del servizio “Abitare e vivere in Cadore” è mettere a sistema le competenze già presenti nel territorio e strutturarle in modo agile e flessibile affinché si adattino a un contesto economico e sociale in continuo mutamento, seguendo il paradigma dello sviluppo place-based per la valorizzazione delle risorse interne degli attori locali, in sinergia con attori e reti sovra-locali di soggetti pubblici e privati.

Lo SportHello, coordinato dal Gal Alto Bellunese assieme al Centro Consorzi, opererà su tre assi tematici: Impresa e Lavoro, Casa, Comunità e Servizi creando una serie di attività, previste nel corso del biennio 2024-2026, quali eventi di incontro, scambio e networking, webinar, percorsi di affiancamento e supporto 1to1 incontrando le esigenze sia di chi abita nel territorio sia di coloro che vogliono tornare o decidono di arrivare da altre zone.

Per quanto riguarda l’asse dell’impresa e lavoro lo sportello si offre di mettere la persona, i liberi professionisti a Partita Iva, le associazioni, le start-up o i neo laureati che vogliano aprire un’attività nel territorio, in contatto con una rete di professionisti locali con l’obiettivo di agevolare chi fa impresa nell’avviare collaborazioni sul territorio oltre ad offrire servizi di consulenza tailor made. Chi desidera avviare una nuova impresa avrà a disposizione webinar e workshop formativi che gli forniranno l'Abc del fare impresa oltre ad un percorso 1to1, un percorso personalizzato, utile all’avvio del suo progetto imprenditoriale e ancora incontri di networking per facilitare lo scambio e l’incontro sul territorio, dedicati agli attori che hanno partecipato alle attività dello sportello.

Nell’asse riguardante la casa è ormai risaputo che il paradosso del Bellunese è che mancano abitazioni nonostante ci siano moltissime case disabitate e non utilizzate. A tal proposito lo sportello si propone innanzitutto di coinvolgere i proprietari di queste abitazioni vuote, attraverso incontri di sensibilizzazione, per poi offrire loro pacchetti di supporto all’affittabilità, con il supporto di professionisti che operano sul territorio per poi, in un secondo momento, lavorare ad un servizio di supporto al matching tra proprietari di abitazioni e nuovi affittuari.

Il vivere in un luogo non può prescindere dall’essere comunità ed avere un certo numero e varietà di servizi, quali ad esempio gli asili nido, i trasporti pubblici, le biblioteche, i negozi di prossimità, strutture di assistenza agli anziani, ed ecco che andando allo sportello si potrà conoscere, accedere e fruire dei servizi alla persona presenti nel territorio cadorino, essere aiutati nell’accesso ai servizi collegati alla PA digitale, anche grazie alle sinergie con “Cadore Environment FabLab”, e partecipare ad alcuni incontri per e con la comunità del Cadore che consisteranno in eventi di conoscenza e scambio tra chi abita il territorio da tempo e chi è interessato a trasferirsi o si è appena trasferito.

Lo SportHello avrà sede nello spazio recuperato grazie al finanziamento Pnrr e sarà attivo anche on-line attraverso il sito web www.losporthello.it info anche allo 0435 409903

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 luglio - 20:44
In una giornata caratterizzata da numerosi interventi in tutto il Trentino, gli operatori della Stazione Alta Val di Fassa del soccorso alpino sono [...]
Montagna
21 luglio - 20:30
Socio storico del gruppo dei Ragni di Lecco, Cavaliere della Repubblica e membro del Club Haute Montagne, per 65 anni attivo nel soccorso alpino di [...]
Cronaca
21 luglio - 19:49
Secondo le rilevazioni degli esperti di Meteotrentino, l'ondata di maltempo si è concentrata nelle ultime ore in alcune zone del Trentino [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato