Contenuto sponsorizzato

"Necessarie risposte concrete alle Autonomie Locali", Cisl Fp e Uil Fpl: "Nella prossima legge di bilancio la Provincia può stanziare risorse importanti"

La Cisl Fp e la Uil Fpl: "L'aumento delle risorse disponibili nel breve periodo "non è assolutamente una richiesta fuori dalle possibilità di questa Giunta ma un'attenta analisi delle disponibilità accantonate "

Pubblicato il - 17 maggio 2024 - 12:17

TRENTO. "Manca poco più di un mese al varo della Legge d’assestamento 2024 della Provincia di Trento, con necessari riscontri ai solleciti posti in essere alla politica per certezze di stanziamenti straordinari a sostegno dell’attrattività del comparto delle Autonomie Locali". Queste le parole dei segretari provinciali di Cisl Fp, Giuseppe Pallanch, e Uil Fpl EE.LL., Andrea Bassetti.

 

Negli ultimi mesi gli incontri con i sindacati si stanno intensificando e sembra che inizi una consapevolezza anche dalla parte datoriale, rappresentativa dei settori delle Autonomie Locali di Provincia, Consorzio dei Comuni e Upipa, "di quanto da anni continuiamo come Cisl Fp e Uil Fpl EE.LL. a ricordare fin dalla sottoscrizione del protocollo Politico del 2023, successive intese e accordi: quanto sia essenziale e necessario 'remare tutti assieme' per una valorizzazione delle lavoratrici e lavoratori del pubblico impiego, lontani da chi strumentalizza il momento, per poi intestarsi all’ultimo vittorie portate avanti con fatica e coerenza da altri".

 

La prima risposta concreta, rispetto al percorso di rinnovo contrattuale 2022-2024, "sappiamo che sarà la liquidazione degli arretrati ed adeguamento dei tabellari dal 1.01.2024 a partire dal mese di maggio,  ma la continuità del percorso intrapreso, in sinergia con le parti sociali dovrà concretizzarsi con l’inserimento, nel prossimo Ddl della Legge d’Assestamento di fine giugno per quanto fissato negli accordi di previsione siglati con la Provincia, a pieno riconoscimento dell’arretrato contrattuale dal 1.01.2022 e 1.01.2023".

 

I segretari generali attendono riscontri, "date le ulteriori richieste avanzate agli Assessorati provinciali di Sanità e Enti Locali, per stanziamenti dedicati ai settori degli Enti Locali e Apsp, risposte nel breve periodo, di riscontro ai carichi di lavoro accusati dalle lavoratrici e lavoratori inserite nei vari servizi delle amministrazioni pubbliche trentine".

 

L'aumento delle risorse disponibili nel breve periodo "non è assolutamente una richiesta fuori dalle possibilità di questa Giunta ma un'attenta analisi delle disponibilità accantonate che in questa tornata dovranno arrivare nelle tasche di chi eroga servizi di qualità a tutti i cittadini del Trentino, dato che altre categorie più fortunate, quelle imprenditoriali, hanno già ricevuto sostanziosi aiuti. Siamo consapevoli degli impegni, primi sottoscrittori convinti, in coerenza di percorso e di dialogo costruttivo, instaurato con la parte politica fino ad oggi, richiama con forza Confederale il presidente Fugatti al riconoscimento del valore della forza lavoro pubblica, che rappresentano una risorsa insostituibile per la nostra Autonomia", concludono Pallanch e Bassetti.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
15 giugno - 06:01
Nei primi mesi del 2024 il livello di precipitazioni registrato in Trentino è stato da record in molte aree e per il Gruppo Dolomiti [...]
Montagna
15 giugno - 10:04
L'escursionista, rimasta gravemente ferita, è stata trasportata in elicottero all'ospedale di Coira. La polizia cantonale dei Grigioni ha aperto [...]
Cronaca
15 giugno - 08:28
Per cause in fase di accertamento, rami e sterpaglie hanno preso fuoco nel biotopo Prader Sand
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato