Contenuto sponsorizzato

Alle origini della Cooperazione, spuntano documenti inediti di Don Lorenzo Guetti

Una sterminata produzione di carta, distribuita e dimenticata in decine di archivi parrocchiali, comunali o privati. Don Lorenzo Guetti scriveva ogni cosa, e dalla polvere degli scaffali emerge anche una immagine inedita: oltre che prete, politico, giornalista, fu imprenditore abile a muoversi sul 'mercato' spuntando condizioni migliori a favore dei deboli
 

Pubblicato il - 01 ottobre 2017 - 11:29

TRENTO. Un archivio vastissimo ma frammentato in decine di depositi. È il patrimonio storico dell’opera di don Lorenzo Guetti, figura di spicco della seconda metà dell’Ottocento e fondatore della cooperazione in Trentino, di cui si scoprono tutt’ora scritti originali.  

 

La Fondazione don Lorenzo Guetti, impegnata da tempo in una operazione di recupero degli archivi con l’obiettivo di digitalizzare tutte le fonti e pubblicarle sul web, ha presentato al teatro di Larido nel Bleggio superiore, il primo 'step' di questa ricerca che si concluderà nell’aprile prossimo dopo un anno e mezzo di lavoro. 

 

"Don Guetti ha fatto molto – dice il presidente della Fondazione Fabio Berasi – ha fatto nascere cooperative, associazioni e anche l’ospizio di Santa Croce. Partire dal suo esempio può essere utile anche oggi".

"Il progetto – afferma la vicepresidente Alessandra Piccoli – è nato con l’obiettivo di far conoscere i primi anni di vita del movimento attraverso i numerosi scritti del suo fondatore, sparsi in vari archivi del Trentino, che renderemo usufruibili da parte di tutti". 

 

"Don Guetti ci ha lasciato una eredità fatta di solidarietà, trasparenza, sobrietà e attenzione ai deboli – aggiunge il presidente della Cooperazione trentina Mauro Fezzi – noi dovremmo essere capaci di trasferire questo lavoro interpretando i bisogni di oggi. Mi auguro che i giovani possano portare nuova vitalità al movimento".

 
Realizzato con il contributo della Fondazione Caritro e della Comunità delle Giudicarie, e con il patrocinio di molti enti cooperativi, il progetto 'I frutti del cooperare' finora ha potuto realizzare un censimento di circa 570 documenti conservati negli archivi di cooperative, parrocchie, l’Archivio diocesano, l’Archivio di Stato e altri enti. Sono state digitalizzate circa duemila pagine di documenti e avviato l’inventario dell’archivio storico della Federazione. 

 

Un lavoro molto delicato e specialistico realizzato dalla cooperativa sociale Kinè di Trento coordinato dalle archiviste Martina Mancinelli per la Kinè e da Flavia Caldera per la Fondazione. 

Alla ricerca hanno partecipato anche alcuni studenti dell’istituto don Guetti e del Liceo classi Prati di Trento coinvolti con un progetto di alternanza scuola-lavoro. 

Sono stati presi in considerazione 27 archivi, 17 dei quali conservano documentazione di don Guetti. 543 documenti e 47 registri censiti e digitalizzati. Sono atti autografi, lettere, carteggi e documenti che si riferiscono all’attività guettiana, registri di conto e anagrafici. 

 

Nel progetto sono coinvolti in modo particolare l’archivio diocesano (direttrice Katia Pizzini), che sovrintende anche a tutti gli archivi parrocchiali sul territorio, e l’Ufficio beni archivistici della Soprintendenza dei beni culturali della Provincia autonoma, diretto da Armando Tomasi

La ricerca è in pieno svolgimento, ma già si può togliere il velo su alcuni aspetti finora poco conosciuti della vita di don Lorenzo Guetti. Il progetto ha coinvolto alcuni studenti, Giovanni Rocca,Arianna Garollo e Laura Defrancesco, che questa estate hanno potuto esaminare e archiviare documenti originali scritti di proprio pugno dal fondatore della cooperazione trentina.

 

"Abbiamo scoperto un inedito diario di don Guetti scritto tra il 1888 e il 1893 – conclude il ricercatore storico della Fondazione e coordinatore della ricerca Giorgio Corradi – in cui si scopre una vena imprenditoriale molto forte in don Lorenzo. Egli agiva da imprenditore, ottenendo dai fornitori il miglior prezzo possibile. Un esempio di questa mentalità si rileva nel 1887, quando una grande gelata ha distrutto gran parte del raccolto. Utilizzando il sussidio pubblico stanziato per sostenere in parte i contadini rimasti senza cibo e senza reddito, egli propose che con quei quattrini fosse comprata della farina al mercato di Riva del Garda, e allo scopo fondò l’associazione Stenico ’80 Giuseppe Zorzi attraverso la quale venne distribuita la farina a tutti contadini, in maniera equa e a prezzo moderato. Furono 'prove tecniche' di cooperazione, dalle quali pochi anni dopo nacque la prima cooperativa 'ufficiale' nel 1890". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 16:35

Sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi e 8 persone presentano sintomi. Il totale in Trentino è di 6.311 casi e 470 decessi da inizio epidemia

19 settembre - 15:55

L'escursionista, che si trovava con un amico all'uscita della 23esima galleria, ha perso l'equilibrio sul bordo della scarpata ed è caduto nel vuoto

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato