Contenuto sponsorizzato

Chernobyl è ancora un incubo. 40 bambini arriveranno in Trentino: "Rimanendo sul nostro territorio riescono a ripulirsi per il 60% delle radiazioni"

L'impegno dell'associazione "Villazzano Solidale Onlus". A giugno arriveranno i bambini e saranno ospitati da alcune famiglie trentine. "La radioattività la assimilano tramite il cibo e l'acqua"

Di G. Fin - 15 maggio 2017 - 22:14

TRENTO. Minsk, la capitale della Bielorussia, oggi è una città trafficata e piena di persone, un luogo a cui nessuno verrebbe a pensare che 31 anni fa è stato colpito da una delle tragedie più gravi della storia dell'uomo. Stiamo parlando del disastro di Chernobyl, dell’esplosione del reattore numero quattro della centrale nucleare avvenuta all’una e ventitre del 26 aprile 1986.

 

Pur essendo avvenuto in Ucraina la nube tossica ha portato il 70% del fallout radioattivo in Bielorussia, la cosiddetta Russia bianca. Ed è proprio da questa parte del territorio, ancora martoriata dal disastro nucleare,  che arriveranno 42 bambini e ragazzi che saranno ospitati in Trentino nei mesi estivi.

 

L'iniziativa, anche quest'anno, è portata avanti dall'associazione Villazzano Solidale Onlus che da anni sta lavorando  per aiutare la popolazione bielorussa, sia accogliendo dei bambini per alcuni mesi che inviando carichi umanitari. 

 

“Oltre il 40% della Bielorussia – ha spiegato Giordana Detassis, presidente di 'Villazzano Solidale Onlus' – è stata colpita dalla nuvola di Chernobyl. Le condizioni di vita sono ancora difficili. Ospitiamo una quarantina di bambini in estate e dodici in inverno. In Trentino riescono a ripulirsi di circa il 60 – 70% a seconda della radioattività che hanno assimilato  tramite il cibo e l'acqua”.

 

Oggi in Bielorussia c'è un Repubblica presidenziale pur essendoci sempre lo stesso presidente dal 1996 . Le zone radioattive hanno diritto ad alcuni aiuti finanziari ma la crisi economica ha portato queste zone e restringersi per utilizzare sempre meno risorse. La radioattività, però, continua ad esserci.

 

“Le famiglie bielorusse che cerchiamo di aiutare – ha spiegato la presidente di 'Villazzano Solidale Onlus' – sono soprattutto quelle che vivono nelle zone rurali”. Un impegno che coinvolge una cinquantina di famiglie trentine che in maniera volontaria si offrono ogni anno ad accogliere i bambini e contribuiscono nella raccogliere carichi umanitari.

 

I bambini che arrivano in Trentino partecipano a corsi e laboratori ma anche a gite e tanto altro.

 

L'impegno dell'associazione, però, non si ferma qui ma si concretizza anche nello spedire in Bielorussia della merce. “Il 19 aprile scorso – ci racconta Giordana Detassis – abbiamo spedito un carico di prodotti per aiutare 260 famiglie, un istituto di bambini sordomuti e un orfanotrofio con bambini sordomuti”.

 

L'impegno, insomma, è continuo. “Per i mesi estivi – ci assicura Detassis – siamo riusciti a trovare le famiglie che accoglieranno i bambini. Per il futuro, però, chi volesse darci una mano può contattarci. Abbiamo sempre bisogno di volontari”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
16 ottobre - 06:01
Fausto Manzana (Confindustria Trento): "A seguito di una prima ricognizione non ci sono criticità. C'è qualcosa da migliorare ma il sistema [...]
Economia
16 ottobre - 07:57
Il colosso del commercio online ha annunciato che entro il 2022 verranno creati 70 posti di lavoro a tempo indeterminato, ma specifica: “tra [...]
Cronaca
16 ottobre - 08:52
Il segretario della Fiom replica all'articolo de il Dolomiti di qualche giorno fa ribadendo la sua posizione di ambiguità rispetto all'attuazione [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato