Contenuto sponsorizzato

"Imprese trentine, fate lavorare i detenuti. Dategli l'occasione di reintegrarsi", l'appello del direttore del carcere di Spini. Olivi: "Cercheremo di trovare soluzioni"

Pappalardo ha spiegato che nonostante le tante richieste il tessuto imprenditoriale e artigianale locale non mostra apertura. Il lavoro come strumento rieducativo è fondamentale. I detenuti lavorano ma solo all'interno della struttura e grazie alle cooperative. L'altro grande problema sono i colloqui

Di Luca Pianesi - 26 marzo 2017 - 19:47

TRENTO. "Da più di un anno chiediamo ad imprese e aziende del territorio di accogliere alcuni detenuti per attività lavorative da svolgersi fuori dal carcere ma non abbiamo mai ricevuto una risposta positiva. Non è possibile che qui si faccia peggio che ad Agrigento o in realtà molto più problematiche di altre parti d'Italia. Il lavoro è un esigenza dell'uomo". A parlare è Valerio Pappalardo, il direttore della Casa circondariale di Spini di Gardolo. E' lui a lanciare un vero e proprio appello al tessuto sociale trentino e alle istituzioni durante la presentazione della birra allo zafferano prodotta anche con l'aiuto di sei suoi detenuti e dunque di fronte anche a figure istituzionali come l'assessore Olivi.

 

E lo fa in un momento dove forte sta emergendo la richiesta di dotare il Trentino Alto Adige di un Garante dei detenuti regionale. Una figura che potrebbe garantire non solo i reclusi ma anche chi lavora per la struttura penitenziaria trasformandosi in un portavoce (anche a livello mediatico) delle esigenze di chi il carcere lo vive tutti i giorni. E quello del lavoro, assieme al tema dei colloqui, come riferito dal direttore Pappalardo, è una di quelle questione delle quali potrebbe farsi carico con la politica e con le istituzioni svolgendo un compito di sensibilizzazione. A Spini al momento vi sono recluse 350 persone in gran parte accusate e condannate per reati non gravi, contro il patrimonio o per violazione della legge sugli stupefacenti, e molte di queste nel carcere lavorano.

 

La struttura è riuscita a mettere a disposizione circa 95 posti al maschile e 10 al femminile alle dipendenze del personale carcerario ( e quindi si dedicano alle pulizie, alla preparazione e distribuzione del vitto, alla spesa, alla manutenzione), in 50 imbottigliano detersivi (con la cooperativa Kaleidoscopio), 10 lavorano fissi nella lavanderia industriale (con la cooperativa Venature), 6 sono assunti o fanno tirocinio nella coltivazione di cavoli, zafferano e piante aromatiche (con la cooperativa La Sfera) e una decina si applicheranno nella digitalizzazione dell'archivio della previdenza pubblica (con la cooperativa Kinè). Un'apparato, però, garantito o dalla stessa struttura o dalle cooperative e più in generale solo da realtà che portano un po' di mondo esterno all'interno. 

 

"Ma il mio dispiacere più grande è che non riusciamo a realizzare il percorso inverso - prosegue Pappalardo - a far uscire i detenuti perché questo aiuterebbe davvero ai fini della rieducazione. Per noi che vi lavoriamo ciò è fondamentale perché senza la rieducazione il carcere finisce per essere solo un contenitore e anche noi ci sentiamo svuotati di parte del nostro ruolo. Io mi batto perché non sia così. E da anni inviamo mail, contattiamo aziende e imprese per chiedere loro di dare la possibilità di mettersi alla prova ad alcuni detenuti, ovviamente i più meritevoli, quelli sui quali noi, in prima persona, garantiamo e ci assumiamo la responsabilità. Ma le risposte non arrivano".

 

Un appello che però è arrivato forte e chiaro all'assessore allo sviluppo economico e al lavoro della Provincia Alessandro Olivi, presente all'incontro a Spini, che ha replicato: "Non posso che raccogliere questa richiesta e assicurare che come assessorato cercheremo, anche per mezzo dell'Agenzia del Lavoro, di creare canali più diretti tra il mondo del lavoro 'esterno' e i detenuti. Inoltre quel che possiamo fare è anche andare a sondare il terreno all'interno della macchina provinciale. Lavori di archivistica o simili potrebbero andare incontro a queste esigenze. Quel che è certo è che il lavoro è innanzitutto dignità ed è libertà, speranza, affrancamento. E quindi capisco che per dei detenuti possa assumere ancora più importanza anche in chiave di prospettiva futura. Nell'ottica di uscire una volta scontata la pena. Mi porto a casa i compiti - ha concluso con un sorriso l'assessore - e cercheremo di fare il possibile".

 

Impossibile, invece, per la Provincia, sarebbe risolvere l'altro grande problema del quale si lamentano i detenuti e che ha riportato il direttore Pappalardo: quello dei colloqui. "La regola che si può fare solo una telefonata è assurda - ha detto - crea malumore e rabbia. Spesso capita che dopo un colloquio un detenuto rimanga un po' interdetto. Le relazioni tra chi è dentro e chi è fuori sono difficili e, in molti casi, basterebbe permettere a un detenuto di fare una telefonata in più a casa per chiarirsi, per non tenersi dentro dubbi e incomprensioni. Questa è una legge che a livello politico bisognerebbe cambiare e che alleggerirebbe, non poco, la condizione di chi è costretto in carcere".

 

Un mondo a parte e molto complesso, come ha sottolineato in conclusione il direttore Pappalardo alla domanda se almeno i sei detenuti che avevano aiutato a produrre la birra alla fine avessero potuto assaggiarla o offrirla agli altri carcerati. "Un assaggino, ma con l'alcool bisogna stare molto attenti - ha detto - perché si trasforma subito in merce di scambio, come le sigarette. Per esempio, il vino, ci sono periodi che viene proibito. Ci sono alcuni detenuti che non lo bevono e lo mettono da parte e lo 'vendono' agli altri che quindi, poi, finiscono per averne 'troppo' a disposizione. E ciò può creare problemi di alterazioni e anche di sicurezza". Un mondo a parte che merita comunque di essere migliorato, per quanto possibile, anche con l'aiuto della società esterna. Perché dentro o fuori facciamo tutti parte dello stesso sistema.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

17 gennaio - 21:08

I sindacati intervengono dopo che la Provincia a trazione leghista è uscita nuovamente sconfitta in tribunale per quanto riguarda il criterio di almeno 10 anni di residenza per accedere alle case Itea. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Solo una Giunta come quella trentina poteva concepire una misura così indegna. La Pat disapplichi la norma o dovranno pagare la sanzione di tasca propria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato