Contenuto sponsorizzato

Nasce C.a.r.e, Conciliare, Accogliere, Rispondere, Educare

Al momento coinvolte una decina di realtà

famiglia
Pubblicato il - 03 agosto 2016 - 17:36

Una nuova rete per gestire i servizi di conciliazione presenti sul territorio trentino. E' stata costituita l'associazione di promozione sociale “CARE” (Conciliare, Accogliere, Rispondere, Educare) con sede a Pergine Valsugana. L'associazione ha messo in rete 10 realtà che gestiscono servizi di conciliazione per la fascia 0-6 anni sul territorio provinciale.  Tra le prime azioni messe in campo dall'associazione, le proposte formative per il nuovo anno educativo che partiranno da settembre.

 

L'obiettivo è quello di mettere in rete alcune piccole imprese private che si occupano di servizi di conciliazione rivolti alla fascia 3 mesi-6 anni.

 

La vision dell’associazione è sintetizzata nel nome: C.A.R.E. Conciliare per Accogliere e Rispondere ai bisogni delle famiglie nell'armonizzare i tempi di vita e i tempi di lavoro e nell’offrire un prezioso sostegno alla genitorialità.

 

Conciliare per educare i bambini e farli crescere serenamente in strutture dove il personale è preparato ad una gestione flessibile del servizio senza rinunciare alla qualità della cura offerta. L’associazione punta a promuovere la cultura della conciliazione e a sostenere i propri associati nel miglioramento continuo della qualità dei propri servizi sia sul piano pedagogico che gestionale.

 

In Autunno partiranno le prime iniziative formative organizzate da “Care” in collaborazione con cooperativa “AM.IC.A” rivolte ai propri soci, ma aperte a tutti coloro che operano all’interno della filiera dei servizi i conciliazione.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 novembre - 05:01

Il disegno di legge voluto da Fugatti prevede, per chi ha ricevuto condanne superiori ai 5 anni, l’impossibilità di fare domanda per un alloggio Itea e la rescissione del contratto per coloro che già sono destinatari di un’abitazione, lo stesso principio lo si vorrebbe estendere a tutti i componenti del nucleo famigliare. Dura replica di Ianeselli: “C’è odore di incostituzionalità le famiglie dovrebbero essere aiutate non sbattute sulla strada”

16 novembre - 17:37

E' stata eletta la nuova coordinatrice dell'Unione per gli Universitari. Sul problema degli affitti spiega: "stiamo pensando all'istituzione di uno sportello affitti e ad una piattaforma dove i privati possano registrare le offerte di alloggio, in modo che gli studenti possano più facilmente districarsi nella giungla degli affitti"

17 novembre - 11:42

Cavi dell'alta tensione cadono sull'A22, chiuso il tratto compreso tra lo svincolo per Vipiteno e quello per Bressanone. Lunghe code si stanno formando in entrambe le direzioni. Quasi 50 strade secondarie ancora interrotte 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato