Contenuto sponsorizzato

A Villazzano il teatro si mostra: 246 posti e una struttura seconda solo al Santa Chiara

Il sindaco Andreatta ha visitato il sobborgo della collina. E' entrato nella nuovo edificio per il teatro, l'unico in città con due corridoi laterali nascosti e ha incontrato gli ospiti dell'Rsa, il circolo anziani la Barchessa e l'associazione Baobab

L'interno del nuovo teatro di Villazzano
Pubblicato il - 17 novembre 2016 - 20:31

TRENTO. Pochi mesi e il nuovo teatro di Villazzano sarà ultimato. Il sindaco di Trento Alessandro Andreatta ha voluto constatare di persona l’avanzamento dei lavori nel corso del suo personalissimo tour sulla collina Est della città. Accompagnato dal presidente della Circoscrizione di Villazzano, Luigina Bazzanella, Ida Cattani, componente della Commissione Cultura e Maria Corradini, presidente della filodrammatica locale, il primo cittadino di Trento ha trascorso l’intera giornata sulle pendici della città con visite mirate alla nuova struttura e alla Rsa “Villa Belfonte”, la storica residenza conciliare della collina.

 

Con i suoi 246 posti, più sei dedicati alle persone diversamente abili, il teatro di Villazzano rappresenta senza dubbio l'opera pubblica più importante dell'ultimo decennio dedicata al sobborgo. La gestione sarà affidata a breve mediante gara: il vincitore, che avrà le gestione per cinque anni, dovrà prevedere almeno 30 giornate di spettacolo a stagione e l'utilizzo gratuito da parte del Comune per sei giornate.  Progettato dall'architetto Maddalena Tommasi, il teatro ha un palcoscenico di dimensioni non molto inferiori a quelle dell'Auditorium Santa Chiara ed è l’unica struttura cittadina con due corridoi laterali nascosti, paralleli ai muri della platea e collegati con la passerella di scena. 

 

A Villazzano c'è grande attesa per l'apertura della struttura che, come ha spiegato il sindaco “è ben più di un luogo di spettacolo. Si tratta di un vero e proprio centro di cultura, un punto d’incontro per le persone della comunità”. Nel pomeriggio Andreatta ha fatto visita agli ospiti della Rsa “Villa Belfonte”. Accolto dal direttore Alessandro Menapace, il primo cittadino ha potuto apprezzare i pregi della struttura e l’opera dei volontari. Rispetto ad altre realtà del territorio, però, la presenza dei volontari è meno assidua a causa della posizione defilata della struttura. “Villa Belfonte” ospita attualmente 78 pazienti, nessuno dei quali autosufficiente: l’età media è di 86 - 87 anni a cui si aggiunge un nucleo da cinque posti dedicato ai malati di Sla e altre gravi patologie cronico - degenerative.

 

Mario Bonomi, 66 anni, a Villa Belfonte da otto e affetto da Sla, ha voluto incontrare il sindaco per raccomandare all'amministrazione comunale di prestare attenzione ai percorsi cittadini per i diversamente abili, a cui deve essere garantito il diritto di movimento. Tra gli incontri ospiti incontrati dal primo cittadino, merita di essere menzionato quello con Mario Stelzer, 99 anni, già tipografo prima agli Artigianelli e poi a “L’Adige” di Flaminio Piccoli e suonatore di cornetta nella banda cittadina.

Il sindaco si è quindi spostato al Circolo anziani “La Barchessa”: con i suoi 630 iscritti, i cento soci attivi, le quaranta presenze giornaliere nella sede di Villa Mersi, i 32 orti e il vigneto, il circolo presieduto da Angelino Pontalti è tra i più attivi del sobborgo. Il sindaco ha ringraziato gli anziani per “la loro voglia di vivere e per la loro capacità di mettersi a disposizione della comunità”. Infine la visita all'associazione “Baobab", incontrata all'oratorio, che organizza il Grest, i campeggi estivi per i ragazzi e le attività domenicali. “In un periodo storico in cui osserviamo tante situazioni di fragilità - ha concluso Andreatta - la vostra opera è più che mai preziosa”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 12:57

Il presidente del Mart Vittorio Sgarbi presenterà in conferenza stampa alla Camera un nuovo strumento tecnologico capace di fermare il virus sfruttando le particelle d'argento. "Membrana culture" è una pellicola che si può applicare alle superfici e che non necessita di interventi umani per essere sanificata. "Al museo di Rovereto la prima sperimentazione in Italia. Così i visitatori possono visitare in sicurezza"

29 novembre - 19:28

Museo di scienze naturali dell'Alto Adige, Eurac e Unitn insieme per studiare i grandi carnivori, anche in relazione con le attività outdoor. L’esperta: “Gli animali sanno bene dove e quando passano le persone, limitando di conseguenza gli spostamenti nelle ore intensamente frequentate da escursionisti e corridori”

30 novembre - 13:12

La denuncia arriva dai consiglieri del Patt Paola Demagri, Ugo Rossi e Michele Dallapiccola: ''Oggi per una questione fra l’altro nota già da qualche mese, il medico oncologo lascia il servizio del quale se ne occupava da più di due anni e l’Assessorato alla Salute in controtendenza con quanto sempre dichiarato acconsente alla chiusura di un servizio irrinunciabile, quale è il Dho, anche se forse temporaneamente''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato