Contenuto sponsorizzato

La Trentino Volley passa a Vibo Valentia

Volley. La Diatec si impone al tie-break contro Vibo Valentia. La truppa di Angelo Lorenzetti si porta due volte in vantaggio, ma paga un po' di discontinuità nel gioco. Alla fine riesce a strappare un quinto set particolarmente sofferto e infilare la quarta vittoria consecutiva

Di Luca Andreazza - 10 dicembre 2017 - 20:25

TRENTO. Tanto carattere per Trento nell'undicesimo turno di SuperLega. La Trentino Volley si impone sul parquet della Tonno Callipo Vibo Valentia per 3-2 al termine di una gara equilibrata. Un successo che permette alla squadra di Angelo Lorenzetti di dare continuità di risultati dopo un inizio di stagione complicato, anche se il gioco va ancora a corrente alternata. 

 

Manca ancora la brillantezza nei giorni migliori e quel killer-instinct ai quali i trentini avevano abituato la pallavolo italiana, ma la strada imboccata sembra quella giusta. Almeno dal punto di vista della capacità di restare in partita e riuscire a ribaltare i momenti avversi come nel caso della partenza al tie-break (3-0 e 7-4 per i padroni di casa) e aver subito il ritorno di Vibo in diverse occasioni.

 

La sfida tra Vibo Valentia e Diatec termina per la terza volta consecutiva al tie-break, ma questa volta Trento riesce a imporsi e infila il quarto successo consecutivo e riprende il treno playoff all'ottavo posto.

 

Dopo gli impegni contro Modena e quello in Belgio per la Champions League i trentini però non hanno il tempo di rifiatare, la Diatec ritorna, infatti, già in campo mercoledì prossimo per il turno infrasettimanale a Frosinone contro il fanalino di coda Sora per proseguire la striscia di vittorie. 

 

Lorenzo Tubertini propone inizialmente Coscione in regia, Patch opposto, Deivid Costa e Verhees come centrali, Marra libero, Massari e l’ex di turno Antonov come schiacciatori.

Angelo Lorenzetti si presenta al PalaValentia schierando Giannelli al palleggio, Teppan opposto, Lanza e Hoag in banda, Eder e Zingel al centro e De Pandis libero.

 

L'impatto sul match nel primo set della Diatec è buono: Eder mura e attacca per il primo spunto trentino (1-4). Vibo risponde sempre al centro della rete con Deivid Costa e Verhees per restare in scia (10-11). Teppan ricostruisce un buon margine in favore della Trentino Volley (14-17). Punteggio che induce Tubertini a chiamare il time out. Alla ripresa del gioco è però ancora Trento: Zingel dice +4 per il 16-20. La Diatec gestisce il vantaggio e chiude sul 20-25.

 

Nel secondo parziale la gara è più equilibrata, ma Vibo Valentina tiene il pallino del gioco sul 13-12. Trento però resta in gara e pareggia sul 20-20. A questo punto però i padroni di casa accelerano: due muri scrivono il 23-20. La Tonno Callipo riesce a tenere il cambiopalla per il 25-22.

 

Angelo Lorenzetti mescola le carte nella terza frazione: Chiappa al posto di un dolorante De Pandis nel ruolo di libero. L'avvio è buono per la Trentino Volley che si porta subito avanti: 10-14. La Tonno Callipo Calabria ricorre alla battuta e ritorna a forzare in questo fondamentale. La mossa funziona e i padroni di casa si avvicinano sul 14-15. Il tecnico trentino interrompe il gioco. Alla ripresa Hoag e Giannelli scavano di nuovo un solco sul 16-19. I gialloblu però calano i giri del motore e Vibo Valentia piazzano un parziale di 8-3 targato Lecat e Antonov (24-22). Lorenzetti getta nella mischia Kozamernik al servizio: lo sloveno trova un ace, quindi un muro di Eder dice 27-25.

 

Nel quarto set arriva però la reazione della Tonno Callipo Vibo Valentia che resta agganciata alla partita. La Trentino Volley si porta avanti, sembra piazzare il colpo del ko, ma alla fine i padroni di casa riescono a spuntarla e allungano la gara. Il tie-break vede Vibo Valentia partire meglio (3-0 e 7-4). I trentini ricuciono, ma il punteggio è sull'8-6. Trento si affida però al muro e al servizio: Hoag e Kovacevic dicono 12-15.

 

CLASSIFICA: Civitanova 31, Perugia 30, Modena 27, Ravenna 20, Piacenza 19, Verona 18, Padova 17, DIATEC TRENTINO 16, Milano 15, Latina 12, Monza 9, Vibo Valentia 9, Castellana Grotte 5, Sora 3

 

TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA-DIATEC TRENTINO 2-3
(20-25, 25-22, 25-27, 27-25, 12-15)

TONNO CALLIPO CALABRIA: Coscione 2, Antonov 18, Deivid Costa 4, Patch 7, Massari 7, Verhees 12, Marra (L); Izzo 1, Presta 4, Lecat 12, Domagala 10. N.e. Corrado e Torchia. All. Gianlorenzo Tubertini.
DIATEC TRENTINO: Teppan 14, Hoag 16, Eder 13, Giannelli 3, Lanza 9, Zingel 11, De Pandis (L); Chiappa (L), Vettori 3, Kovacevic 3, Kozamernik 2. N.e. Cavuto e Partenio All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Cesare di Roma e Canessa di Bari.
DURATA SET:  25’, 28’, 30’, 31’, 19’; tot. 2h e 13’.
NOTE: 1.000 spettatori, per un incasso di 4.849 euro. Tonno Callipo Calabria: 8 muri, 5 ace, 25 errori in battuta, 12 errori azione, 50% in attacco, 55% (33%) in ricezione. Diatec Trentino: 13 muri, 7 ace, 23 errori in battuta, 7 errori azione, 50% in attacco, 51% (27%) in ricezione. Mvp Hoag.

 

Civitanova-Padova 3-2

Modena-Ravenna 3-0

Piacenza-Monza 3-0

Latina-Perugia 1-3

Milano-Verona 0-3

Castellana Grotte-Sora 2-3

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 20:04

Da oggi si è deciso che per far finire in isolamento una classe non basta più solo un bambino ma ne servono due (alle superiori resta uno). A livello di contagio i positivi di oggi sono 207. Di questi oltre 110 sono a Trento e Pergine. Dati importanti anche per Rovereto, Levico Terme e Civezzano. Sono 48 i comuni dove si contano nuovi contagiati

23 ottobre - 17:54

Curioso caso nella mattina di venerdì 23 ottobre. Trento sud è stata interessata da un forte odore di gas, con diverse segnalazioni arrivate a Novareti e ai vigili del fuoco. Nell'aria in realtà si era disperso il prodotto odorizzante, utilizzato per dare il caratteristico sentore al metano

23 ottobre - 18:58

Le foto inviate a ildolomiti.it da parte di alcuni utenti mostrano situazioni a rischio contagio. In nessun caso viene rispettato il metro di distanza fisica. "Dovrebbero aggiungere carrozze ai treni ed invece pensano di aumentare i pullman che rimangono poi vuoti" 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato