Contenuto sponsorizzato

Buona la prima per Claudio Rastelli e il Trento va, vittorie fondamentali anche per Levico Terme e Dro Alto Garda

Calcio serie D. Domenica d'oro per le formazioni trentine impegnate in quarta serie. Una giornata da incroci pericolosi e 'favori' reciproci nel battere le rispettive avversarie

Di Luca Andreazza - 08 aprile 2018 - 16:59

TRENTO. Una domenica d'oro per le trentine impegnate nella trentaquattresima giornata di serie D. Trento, Dro Alto Garda e Levico Terme non sbagliano i rispettivi crocevia e si fanno 'favori' in questo turno da incroci pericolosissimi per raggiungere i rispettivi obiettivi stagionali, ormai minimi, tra salvezze dirette e tramite playout.

 

Buona la prima per Claudio Rastelli. Il suo ritorno in panchina coincide con una vittoria per i gialloblu, che espugnano il terreno di gioco della Grumellese per 2-1. Un gol per tempo, apre Ferraglia e chiude Bardelloni. Nel finale sussulto dei padroni di casa con Ravasi, ma la rimonta non arriva.

 

Il Trento si porta così a quota 36 punti e mette nel mirino lo Scanzorosciate a 38 punti, battuto per 2-0 dal Dro Alto Garda. Un successo fondamentale per l'undici di Michele Ischia che sorpassa proprio la Grumellese e si trascina fuori dai posti che portano direttamente e senza appello (salvo ripescaggi r rivoluzioni d'estate) in Eccellenza. Una vittoria targata Karamoko e Casolla.

 

Boccata d'ossigeno, quasi scontata (ma il condizionale è sempre d'obbligo visto il capitombolo del week end pasquale costato il divorzio tra il Trento e Emanuele Filippini), per il Levico Terme che ritorna a festeggiare contro la Romanese i tre punti dopo oltre due mesi e mezzo. 

 

Il solito Fabio Bertoldi trascina al successo la formazione di Stefano Manfioletti che regola per 3-1 il fanalino di coda della serie D, nel mezzo della doppietta del bomber ex Bozner il momentaneo pareggio di Franzoni, quindi Alberti fissa il punteggio già nel primo tempo. Nella seconda frazione i gialloblu termali controllano, si portano a 38 punti e agganciano lo Scanzorosciate. 

 

Mentre il Dro Alto Garda deve più che altro guardarsi le spalle per non scivolare al penultimo posto, la classifica a ridosso della zona playout si fa sempre più fluida e cortatra la nona piazza della Bustese a 42 punti e la quindicesima posizione occupata dal Trento a 36 punti: ben sette formazioni in lotta racchiuse in cinque punti a quattro giornate dal termine della stagione regolare.

 

CLASSIFICA

Rezzato 73, Pro Patria 69, Pontisola 65, Pergolettese 60, Darfo Boario 58, Virtus Bergamo 55, Lecco 54, Caravaggio 44, Bustese 42, Crema 40, Ciliverghe Mazzano 40, Lumezzane 40, Scanzorosciate 38, LEVICO TERME 38, TRENTO 36, Ciserano 30, DRO ALTO GARDA 27, Grumellese 26, Romanese 11

 

Dro Alto Garda-Scanzorosciate 2-0

Reti: 19' Karamoko, 24' Casolla

 

Grumellese-Trento 1-2

Reti: 20' Ferraglia (T), 58' Bardelloni (T), 93' Ravasi (G)

 

Romanese-Levico Terme 1-3

Reti: 14' e 21' Bertoldi (L), 18' Franzoni (R), 23' Alberti (L)

 

Crema-Bustese 1-0

Lecco-Darfo Boario 2-0

Pontisola-Ciserano 2-1

Pro Patria-Pergolettese 1-1

Rezzato-Ciliverghe Mazzano 4-1

Virtus Bergamo-Lumezzane 2-0

Riposa: Caravaggio

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 gennaio - 20:31

Sono 246 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 6 decessi, mentre sono 28 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

23 gennaio - 19:50

Oggi la conferenza Stato - Regioni, Fugatti: ''I programmi dell'arrivo dei vaccini sono saltati. Ci dobbiamo arrangiare con gli strumenti che abbiamo. Con i vaccini, purtroppo, ci vorrà molto tempo per avere un numero alto di somministrazioni nella popolazione”

 

23 gennaio - 18:42

Cala il numero dei pazienti in ospedale ma sale quello delle terapie intensive. Altri 6 decessi. Sono state registrate 24 dimissioni e 187 guarigioni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato