Contenuto sponsorizzato

Cinquecento atleti al 'Trofeo Ca' Rossa', il torneo internazionale di pallanuoto e volley

Trenta squadre si sono sfidate in acqua, altre sedici sui campi di green volley nel fine settimana del 14 e 15 luglio al lago di Caldonazzo. I numeri in crescita soddisfano gli organizzatori della Snd Nuotatori Trentini

Di Cinzia Patruno - 17 luglio 2018 - 20:57

PERGINE VALSUGANA. Sfidare chi diceva che non ce l'avrebbero mai fatta. Nasce un po' così l'idea di creare un torneo di pallanuoto al lago di Caldonazzo, che ha visto ormai la sua terza edizione. Numeri in crescita, in cinquecento tra atleti italiani ma anche europei. Diciotto ore di gioco in acqua ed un torneo collaterale di volley. Tutto questo è stato il 'Trofeo Ca' Rossa', organizzato da Davide Allegri e Stefano Sega per conto della Snd Nuotatori Trentini di Trento e che si è svolto sabato 14 e domenica 15 luglio.

 

"Al torneo di pallanuoto – spiega l'organizzatore Davide Allegri – hanno partecipato trenta squadre, sedici a quello di pallavolo. Gli atleti in totale sono stati circa cinquecento, provenienti per lo più dal nord Italia, ma con squadre anche spagnole e olandesi". Si sono guadagnati il podio i modenesi Wine Polo, gli olandesi Tutti Frutti e i Gaina di Varese. Una sola la squadra femminile, le Beer...bantelle, che si è portata a casa una ventisettesima posizione su trenta.

 

La terza edizione del 'Trofeo Ca' Rossa' ha confermato una crescita esponenziale del successo della manifestazione, che negli ultimi anni si è consolidata diventando un appuntamento estivo da non perdere per gli amanti della pallanuoto e del volley. "L'evento – continua Allegri – è nato come idea di sfidare quelli che dicevano che non si sarebbe mai potuto fare. Si tratta indubbiamente di una grande fatica, ma che per noi si traduce in un'enorme soddisfazione".

Un torneo che nasce come amatoriale, ma che ha visto la partecipazione di atleti di alta caratura tecnica, provenienti dalle serie A e B di pallanuoto. "E' uno degli sport in cui l'Italia indubbiamente primeggia". Il Trentino non raggiunge i livelli nazionali, ma la partecipazione alla manifestazione dimostra che l'interesse c'è e che lo si può coltivare. Non da meno con l'aiuto della Snd Nuotatori Trentini, che con questo evento ci ha messo del suo.

 

"Il lago di Caldonazzo – conclude Allegri - è la location ideale: un luogo bellissimo e con l'acqua calda. La grande partecipazione ha dimostrato che il brand turistico del Trentino funziona".

 

L'evento è stato sponsorizzato da Policura del gruppo Gpi, Seat Dorigoni, Apt Valsugana Lagorai, Mondosport Trento, Waterpolo gioielli di Claudia Albera, Zv Meccanica e ha ottenuto il patrocinio del Comune di Pergine. Ha contribuito all'organizzazione anche il Centro Nautico del Cus Augsburgerhof. Il torneo ha ospitato anche uno stand della Onlus 'Abbracciamoli' impegnata in attività di solidarietà e raccolta fondi per la lotta contro la leucemia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato