Contenuto sponsorizzato

Il Trento si ferma a Caravaggio, perde anche il Levico. Dro travolto dal Darfo Boario

Calcio serie D. Ventunesimo turno da dimenticare per le trentine impegnate nel girone B. Le formazioni nostrane incassano in totale undici reti e non segnano neppure un gol

Di Luca Andreazza - 14 gennaio 2018 - 16:31

TRENTO. Una ventunesima giornata del campionato di serie D da dimenticare per le trentine. Cadono tutte le compagini nostrane. Dopo tre vittorie consecutive, la corsa del Trento si arresta a Caravaggio, il Levico Terme perde contro la Virtus Bergamo. Troppo forte il Darfo Boario, seconda forza del girone B, che si aggiudica il primo set a Dro.

 

Il parziale di questo impegno domenicale è impietoso, le trentine subiscono undici reti, senza metterne a segno nessun gol. Il Levico Terme perde per 2-0 (Espinal e Flaccadori), il Trento incassa un 3-0, quindi sulla ruota del Dro Alto Garda escono sei marcature (Galelli, Lebran e doppiette per Spampatti e Zanardini). 

 

L'avvio del Trento è incoraggiante, ci provano Paoli, Bardelloni e Aperi, ma la difesa del Caravaggio disinnesca tutti i pericoli. I padroni di casa si vedono dopo venti minuti e rischiano subito di spezzare l'equilibrio: Crotti entra in area di rigore e serve in mezzo all’area di rigore, il tiro di Caroccia viene salvato sulla linea di porta da Carella, quindi la ribattuta di Ferri è ampiamente alta.

 

I gialloblu vivono un momento di difficoltà, mentre il Caravaggio prende fiducia e metri di campo. Martin si oppone in uscita a Lella, ma la palla rimane in area di rigore e Crotti non è freddo e spara addosso all'estremo difensore. La pressione dei lombardi è continua e passa in vantaggio: l'ex di turno Lella infila alle spalle di Martin per l'1-0.

 

Il Trento prova a reagire, ma il Caravaggio chiude bene e sfiora il raddoppio, che viene annullato ancora a Lella per fuorigioco prima dell'intervallo.

 

Alla ripresa del secondo tempo il Trento sembra più intraprendente, ma la gara prende una direzione ancora più precisa: prima il Caravaggio va in gol al minuto numero 53, quando Mangilli mette in mezzo e Crotti insacca, quindi due minuti dopo i gialloblu restano in dieci per l'espulsione di Bardelloni.

 

Incassati rete e inferiorità numerica, il tecnico Filippini prova a mescolare le carte per rivitalizzare il Trento e dopo un'ora di gioco serve un triplo cambio: fuori Paoli, Dadson e Bortoli per Ferraglia, Appiah e Bacher.

 

La gara però non cambia volto, se il Trento cerca di accorciare le distanze e si affida principalmente al lancio lungo, il Caravaggio controlla e gestisce il doppio vantaggio senza rischiare praticamente nulla, anzi in pieno recupero Radaelli trova il tempo per incornare il 3-0.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 aprile - 19:34

Le vittime sono 4 donne e 5 uomini. Tra i decessi legati a Covid-19 anche Raffaele Zancanella, scario e ex presidente della Magnifica comunità, e il 28enne Lucjan Elezi. I contagi sono 2.671 in provincia

01 aprile - 20:40

Come anticipato dal ministro Roberto Speranza in Senato le restrizioni proseguono. Il premier: "Ci rendiamo conto che chiediamo uno sforzo e un sacrificio ma non siamo nelle condizioni di poter fare diversamente"

01 aprile - 18:04

Di fronte alle scorribande dell'orso più ricercato d'Italia, protagonista questo mese di danni ad arnie e malghe, dal mondo animalista arrivano gli inviti a non allarmarsi. La Lav Trentino: "Non c'è da allarmarsi, è un animale che sta lontano dalle persone. Bisogna fare investimenti per aumentare la prevenzione, che, come dimostrato in altri luoghi, funziona"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato