Contenuto sponsorizzato

Momento no in casa Aquila, Trainotti: ''Non cerchiamo colpevoli. E Craft ci porta leadership, difesa e durezza''

Il general manager fa il punto della situazione dopo la sconfitta di Avellino, il decimo ko in undici gare: "Nessuno in discussione, ma dobbiamo trovare l'identità per tornare a fare risultati"

Di Luca Andreazza - 05 novembre 2018 - 20:32

TRENTO. "Non cerchiamo colpevoli, ma valutiamo gli errori e cerchiamo di trovare le soluzioni", queste le parole di Salvatore Trainotti, general manager di Aquila Basket, mentre i bianconeri attraversano tra i momenti più difficili della propria storia. Una Dolomiti Energia reduce da dieci sconfitte in undici gare e una disfatta in quel di Avellino.

 

I passaggi a vuoto non sono mancati in passato, ma l'Aquila Basket è riuscita sempre a trovare il bandolo della matassa, linfa per uscire in modo brillante dai periodi neri. E non bisogna dimenticare che Trento è due volte vice-campione d'Italia. La partenza è falsa, ma la stagione ancora lunga. "Ogni annata è diversa - commenta il gm - dobbiamo cancellare quanto di buono fatto in questi anni, ma restare fedeli a metodo e logica".

 

Insomma, coach Maurizio Buscaglia non traballa nemmeno un po', l'artefice della scalata trentina, giustamente, non si tocca, così come non sembrano esserci tagli di giocatori all'orizzonte. I risultati latitano, ma l'Aquyila Basket non vuole finire in apnea. Si cerca di mantenere stile e compattezza per ragionare senza assilli. 

 

"Fatichiamo a costruire un'identità - spiega il general manager - ma è passato solo un mese e mezzo. Nessuno si deve sentire in discussione, ma dobbiamo concentrarci sulla squadra per crescere e far emergere i singoli. E' necessario trovare un'altra strada per ritornare a far risultato".

 

In questo senso in piazzetta Lunelli si saluta un altro ritorno, quello di Aaron Craft. Dopo l'esperienza nel 2016/17, il playmaker ritorna a dirigere l'attacco bianconero e cambiare la solidità difensiva. Nella stagione culminata nella prima finale scudetto della storia bianconera, quella persa contro Venezia, l'americano aveva prodotto 10,4 punti, 4,2 rimbalzi e 4,8 assist di media, ma soprattutto 2,3 palloni rubati a serata.

 

Il playmaker arriva a Trento dopo aver calcato il parquet del Monaco in Francia (vittoria della coppa nazionale e finale di Fiba Champions League) e l'avvio a Buducnost, formazione montenegrina di Eurolega. "Un'opportunità - aggiunge Trainotti - per alzare il livello in quanto possiede le caratteristiche che cerchiamo: difesa e leadership, durezza e mentalità vincente".

 

I risultati sono negativi e certo il calendario non contribuisce a tirare il fiato. L'Eurocup è entrata nel vivo ancor prima della serie A, le trasferte non sono banali e nella massima serie i bianconeri hanno affrontato squadre in grande forma e in questo momento d'alta classifica.

 

"Il girone in Europa è estremamente difficile e siamo consci di quanto può togliere - conclude Trainotti - ma anche gli aspetti positivi che comporta per crescere: si migliora solo se gioca contro i migliori. Non ci tiriamo indietro e dobbiamo lavorare per ritornare a esprimerci come sappiamo".

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 18:54

Il governatore in vista ad Ala attacca la precedente amministrazione provinciale: "Sono stati inconcludenti. Qui ognuno deve prendersi le proprie responsabilità, noi ci prenderemo le nostre, ma i cittadini non possono correre simili rischi"

20 gennaio - 16:00

L'assessora preoccupata dal fatto che nel 2017 gli aborti in Trentino sono stati 703 mentre nel 2016 erano stati 684. Una minima crescita su base annuale che, ovviamente, ai fini statistici non ha valore mentre il dato resta comunque il secondo più basso di sempre. Nel 2007 erano quasi 1.300

20 gennaio - 19:07

L'allarme è stato lanciato intorno alle 15 dal padre. Il 43enne si trovava da solo in escursione. La macchina dei soccorsi subito in azione, ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato