Contenuto sponsorizzato

Non nevica, ''La Ciaspolada'' si sposta sul percorso B

La competizione internazionale vedrà al via 26 Nazioni. Circuito innevato artificialmente, correranno anche le campionesse delle ultime edizioni

Pubblicato il - 31 dicembre 2018 - 16:44

TRENTO. Manca la neve e La Ciaspolada si sposta. La decisione è stata presa dal comitato organizzatore della gara che si terrà il 5 gennaio in val di Non. O, meglio, la decisione è stata presa "dall'assenza di perturbazioni", dicono i responsabili.

 

La Ciaspolada iridata, che vedrà 26 nazioni al via, tornerà dunque sul percorso dei Pradiei. I meteorologi hanno determinato infatti "con ragionevole certezza di qui all'Epifania che non nevicherà né in val di Non, né in altre zone del Trentino", fanno sapere dall'organizzazione.

 

La Ciaspolada 2019 verrà quindi disputata sul percorso B, quello approntato utilizzando la neve programmata, distesa nella piani dei Pradiei. I concorrenti partiranno nei pressi dell'abitato di Fondo, per scendere verso Sarnonico, dove il tracciato compirà una curva per indirizzarli in direzione contraria, fino a raggiungere nuovamente il punto dello start. Percorso una seconda volta lo stesso anello, punteranno poi verso il centro di Fondo e il traguardo, che sarà allestito sopra al Palanaunia.

 

La competizione sarà lunga 8,5 chilometri che diventeranno poco più della metà per i cosiddetti "bisonti", chiamati a completare il circuito una sola volta.

 

I volontari stanno già innevando il percorso : "Non ci sono dubbi sul fatto che sabato prossimo sarà pronto per accogliere migliaia di appassionati" recita una nota de La Ciaspolada.

 

La gara assegnerà il titolo di campione del mondo maschile e femminile: al via saranno rappresentati 26 Stati. Le delegazioni di diversi Paesi contribuiranno poi ad animare la festa.

 

Una storia particolare all'interno del panorama della competizione di livello mondiale è quella dei concorrenti dell'India che hanno dovuto percorrere 1.600 chilometri per recarsi all'ambasciata italiana di Nuova Delhi per ottenere il visto necessario per raggiungere la val di Non. "Storie di ordinaria passione per lo sport - fanno sapere gli organizzatori - che si incontreranno fra pochi giorni in Trentino".

 

Venerdì ad aprire la manifestazione ci sarà la cerimonia di apertura che si terrà al Palanaunia dalle 16.15. Durante la presentazione della gara e del Trentino sarà ricordato Alessandro Bertagnolli.

 

Sarà quindi la volta della sfilata delle nazionali per le strade di Fondo con l'accensione, poi, della fiaccola olimpica (che di anno in anno passerà passerà nelle mani dei diversi comitati organizzatori) e della grande torcia (che arderà per due giorni in piazza San Giovanni).

 

La gara sarà trasmessa in diretta da Trentino Tv e da Radio Nbc e potrà essere seguita anche sullo schermo gigante allestito al traguardo e su quello presente nella piazza principale di Fondo.

 

Agli iscritti si è aggiunta nelle scorse ore Anna Laura Mugno, seconda lo scorso anno, che va a fare compagnia a Isabella Morlini e alla campionessa iridata uscente Michelle Hummel nel novero delle favorite.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 giugno - 15:21
La comitiva si sarebbe costruita una teleferica in autonomia e dopo aver ancorato i cavi agli alberi avrebbero tentato di utilizzare la loro creazione. Il gruppo di tedeschi non avrebbe fatto i conti con un albero marcio e così la teleferica ha ceduto
16 giugno - 18:26

Vendute a Dubai, Mumbai, Miami ma nate e prodotte ad Arco dalla Vetrogiardini hanno portato Sandro Santoni e Luca Degara a Roma per la Festa della Repubblica sono state inserite fra i 32 oggetti di design che rappresentano il genio e l’eccellenza italiana

16 giugno - 17:14

E' il 2 ottobre 1922 e le squadracce fasciste invadono le aule del municipio di Bolzano apponendo nella sala consiliare il busto di Vittorio Emanuele III re d’Italia. Per il Trentino s’apre un’epoca di insofferenza verso la mancata autonomia, l’Alto Adige finisce per trasformarsi in un ''laboratorio d’Italia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato